Ricevi la nostra Newsletter

L'unico modo per non perderti nulla sulle novità gastronomiche suggerite da Cibotoday. Ogni mattina nella tua e-mail.

Martedì, 16 Luglio 2024
Firenze

Nel nuovo ristorante di Firenze si mangia nei tegami: porzioni extra e cucina di nonna

Scordatevi chi conta le quantità, Da Tegamino a Firenze propone tegamini (e tegamoni) di pasta che arrivano fino a 500 grammi

L'estate fiorentina è iniziata con una grande novità culinaria. “Grande” proprio come le portate del ristorante Da Tegamino, che ha appena debuttato in Piazza Santa Felicita con un obiettivo ben chiaro: riproporre le porzioni della nonna, sì quelle tegamate (da qui il nome del locale) di pasta da condividere in famiglia o con gli amici.

Chi c’è dietro l’apertura di Tegamino a Firenze

La storia di Da Tegamino parte dalle ceneri di un altro storico ristorante fiorentino, Celestino, che ha visto però stravolgere non solo il suo nome, ma anche la sua offerta gastronomica. I patron sono Lorenzo Romano e Leone Alfano, che hanno scelto questa location a due passi da Ponte Vecchio e Piazza Pitti per dare vita a un indirizzo fortemente vocato alla cucina familiare, dove quasi tutte le pietanze vengono portate in tavola, pensate per la condivisione e servite all’interno di un tegamino. Il risultato è frutto del giusto mix tra la gioventù e l’esperienza dei due nuovi proprietari: quella del quotato chef e già proprietario de L'Insolita Trattoria Tre Soldi, Lorenzo, e quella del più navigato ristoratore calabrese, protagonista ormai da anni della scena fiorentina, Leone.

Una forchettata di carbonara

Porzioni “della nonna” fino a 500 grammi

Chiunque sia nato o abbia vissuto abbastanza a lungo in Italia conosce bene la differenza tra una portata “normale”, quella normalmente proposta al ristorante o anche solo a domicilio, e quella “extra-large” che le nonne erano solite servire a tavola ai nipotini la domenica o nelle occasioni speciali. È proprio ispirandosi a questo modello profondamente casalingo, tanto caro all’immaginario collettivo italiano e così lontano dai canoni del fine dining contemporaneo, che Da Tegamino ha costruito la sua proposta, dando la possibilità ai propri clienti di scegliere se ordinare appunto una porzione "normale" (circa 120 grammi) o confrontarsi con quelle della nonna (250-300 grammi).

Il menu con la pasta nel tegame

Stiamo parlando ovviamente del piatto per eccellenza della cucina italiana, la pasta, qui declinata attraverso ricette della tradizione come le tagliatelle (al ragù alla bolognese o di cinghiale), i ravioli burro e salvia o i maccheroni alla carbonara. E cosa c'è di più italiano di condividere un lauto piatto di pasta in bella compagnia? Anche per questo motivo Da Tegamino ha deciso di inserire nel suo menu pure una tegamata monstre che va da 500 grammi fino addirittura a un chilo di peso. Questa, insieme agli spaghetti con le polpette che legano le due differenti clientele presenti in loco (quella locale e quella americana, o più in generale straniera), rappresenta un effetto wow che fa inevitabilmente notizia.

Salumi, formaggi, creme e patè

Quanto si spende da Tegamino a Firenze

I prezzi, in generale, spaziano tra i 13-14€ del tegamino e i 23-24€ del tegamone; si spende rispettivamente 17,80€ e 27,80€, invece, nel caso degli spaghetti in stile “Lilli e il vagabondo”. “Il nostro obiettivo” spiegano i due titolari di Da Tegamino appena pochi giorni dopo l’apertura ufficiale del ristorante “è offrire un tipo di cucina molto vicino a quello che le nonne di un tempo preparavano per la famiglia, un modello pensato per piacere sia al pubblico turistico che a quello fiorentino. In fondo, per i primi è un tuffo nello stile culinario italiano più autentico e genuino, per i secondi invece un ritorno alle origini, un viaggio nel tempo che rimanda a ritmi e porzioni ormai scomparse”.

Non solo pasta, c’è anche il Tomahawk

Un tegame di pasta con le polpette

Accanto alle svariate proposte di pasta, non mancano all’appello tanti altri piatti tipici della cucina domestica, quali per esempio lasagne al forno, tagliatelle ai porcini e risotto alla parmigiana, con un occhio di riguardo soprattutto per la gastronomia toscana (dalla carabaccia alla pappa al pomodoro). Tra i secondi spicca, per distacco, una golosa cotoletta a orecchie d’elefante (68,9€), realizzata partendo da un taglio Tomahawk e servita in modo piuttosto scenografico. Siamo pur sempre in un ristorante dall’animo, anche ma non esclusivamente, turistico. Restando sulle carni, non mancano infine evergreen come la bistecca alla fiorentina o il peposo dell’Impruneta, così come la guancia di manzo al Brunello. Il tutto, accompagnato da una carta vini che punta su etichette toscane e nazionali.

Da Tegamino

CiboToday è anche su Whatsapp, è sufficiente cliccare qui per iscriversi al canale ed essere sempre aggiornati

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

CiboToday è in caricamento