Ricevi la nostra Newsletter

L'unico modo per non perderti nulla sulle novità gastronomiche suggerite da Cibotoday. Ogni mattina nella tua e-mail.

Venerdì, 19 Luglio 2024
Genova

Le due sorelle che hanno creato una gastronomia completamente vegetale a Genova

Silvia ed Elena con il Naturificio hanno voluto affrontare la sfida di aprire un locale che facesse gastronomia, asporto, consegna a domicilio completamente vegani in terra ligure. Ecco come ci sono riuscite

Due sorelle, tredici mesi di differenza l’una dall’altra e una passione in comune: quella per la gastronomia ligure. Stiamo parlando di Elena e Silvia Repetto: l’irrisoria differenza di età le ha portate a crescere insieme, fattore che le ha rese ancora più unite nella missione di portare la cucina locale ad un livello successivo, quello completamente vegetale. Le ricette regionali sono spesso ricche in carne e pesce, basti pensare ai ravioli al tocco, a base di manzo e alle molteplici preparazioni a base di pescato, come la pluripremiata zuppa, il ciuppin. Ma in questo progetto le due sorelle avevano uno scopo, quello di rendere la gastronomia ligure vegetale e ce l’hanno fatta con il Naturificio che ha aperto nel 2023.

Il raviolo genovese de Il Naturificio

La complicità gioca in famiglia e passa per il territorio

Il forte legame familiare ha contribuito insieme alle comuni ideologie a rendere concreto Il Naturificio. I loro sono due percorsi differenti, divisi tra amministrazione e ristorazione, che hanno portato Elena e Silvia a dividersi fra la sala e la cucina del loro locale situato in zona Struppa, a Genova. “Un angolo tranquillo, dove trovare il giusto compromesso tra città e paese, senza stravolgere i ritmi lenti che prediligiamo e a pochi passi da quella natura che ricerchiamo in ogni cosa” dice Elena a CiboToday. E anche nella periferia di Genova sono riuscite a trovare una clientela curiosa e interessata alle loro rielaborazioni in ottica vegetale della tradizione ligure. Siamo riuscite ad abbattere quelle barriere che vedono la ristorazione vegetale strettamente legata alla città, aprendone le porte anche in zone meno accessibili”, una sorta di riqualificazione del territorio che passa anche per vie gastronomiche. Per superare anche gli ultimi ostacoli hanno attivato un servizio di consegne a domicilio, proprio per diffondere la loro idea di cucina.

Preparazione della farcitura

La cucina genovese diventa vegetale

Il percorso di Silvia inizia da Milano e passa da Roma per darle modo di specializzarsi in una ristorazione lontana dalle classiche rotte, verso una cucina crudista ideale per mantenere il più intatte possibile le caratteristiche nutrizionali degli alimenti. Il viaggio ha compreso anche corsi in pasticceria vegana e senza glutine, interessi che ha riportato ne Il Naturificio proprio per soddisfare una più ampia gamma di clientela. Il risultato finale del progetto delle due sorelle, però, è frutto di “una ricerca che è passata anche dai volumi storici della cucina ligure, uno studio continuo fatto di sperimentazioni per poter riproporre in chiave vegetale le ricette tradizionali”.

L'insalata russa vegetale de Il Naturificio

Per Elena e Silvia la cucina deve essere genuina, “per questo non vengono utilizzati additivi e conservanti e ogni ingrediente viene selezionato con cura e attenzione” per garantire elevati standard qualitativi. Sono loro stesse ad occuparsi della selezione delle materie prime, della realizzazione dei piatti e della consegna. Una sinergia su tutti i fronti che le ha rese interscambiali nei ruoli, “ora anche io – Elena - mi sono messa ai fornelli per gestire al meglio il crescente numero di clienti” ormai fidelizzati.

Il Naturificio: cosa trovare e cosa non aspettarsi

I pansoti vegetali de Il Naturificio

Oggi Il Naturificio è un luogo dove trovare una cucina sana, 100% vegetale e tipicamente ligure.Tutta la produzione è priva di prodotti animali, semilavorati, processati a livello industriale”, piatti equilibrati e adatti anche a regimi alimentari differenti. Una linea di produzione che accontenta tutti e che, a differenza di molte altre realtà, non si focalizza solamente su un’alimentazione alternativa, ma piace anche agli onnivori. “Una sfida vinta rielaborando la tradizione, senza creare surrogati, ma suscitando associazioni con i piatti della memoria che tutti hanno in mente”.

Pasta sfogliata acqua e farina per fare la pasta fresca

Il cavallo di battaglia? Elena risponde senza esitazioni: “i pansoti, con il ripieno a base di bietole e ricoxa di mandorle autoprodotta, ossia l’alternativa vegetale alla ricotta”. Sul banco non mancano mai sughi come il pesto, la pasta fresca, i polpettoni e dolci selezionati. Menzione a parte merita la salsa di noci “realizzata secondo la ricetta di Sant’Ilario con noci, acqua e olio extravergine d’oliva a cui noi aggiungiamo lievito alimentare”. Il Naturificio è semplicità e genuinità, attenzione al cliente ed è anche lo sdoganamento dell’idea che il cibo vegetale non abbia gusto, qui, indubbiamente, il gusto ce l’ha.

Naturificio

CiboToday è anche su Whatsapp, è sufficiente cliccare qui per iscriversi al canale ed essere sempre aggiornati

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

CiboToday è in caricamento