Ricevi la nostra Newsletter

L'unico modo per non perderti nulla sulle novità gastronomiche suggerite da Cibotoday. Ogni mattina nella tua e-mail.

rotate-mobile
Martedì, 23 Aprile 2024
Milano

Apre la più grande trattoria di Milano (e i proprietari sono due francesi)

Si tratta di Big Mamma, il gruppo di ristorazione francese con la più rapida espansione degli ultimi anni. Si chiama Gloria e prende le mosse dalla tipica trattoria italiana, tratto comune degli oltre 20 locali ormai aperti in tutta Europa. Apertura 1 dicembre 2023

La notizia dell’arrivo del gruppo francese Big Mamma a Milano era già nell’aria da mesi, e ora l'apertura. Si chiama Gloria il locale ispirato alla trattoria italiana che aprirà venerdì 1 dicembre 2023. Primo locale in Italia, nel paese che ha dato ispirazione a uno dei gruppi di ristorazione più interessanti in circolazione, creata da due giovani imprenditori francesi: Victor Lugger e Tigrane Seydoux, al massimo del successo già in Francia, Spagna, Regno Unito e Germania. Da semplice startup a vera e propria azienda che conta più di 20 locali, 2000 dipendenti, migliaia di pasti serviti giorno dopo giorno. Big Mamma è il caso studio che da una semplice idea, ovvero rendere la cucina popolare e l’atmosfera casalinga italiana un format di ristorazione, ha fatto una fortuna. Ecco come si mangia e quanto costa nel locale di Via Tivoli 3.

La sala di Gloria PH Jérôme Galland

Gloria a Milano: la trattoria italiana del gruppo Big Mamma

L’idea di aprire in Italia è ambiziosa quanto coraggiosa. Gloria infatti a 10 anni dall’apertura del primo locale del gruppo, segna un punto di svolta per l’azienda che pur avendo preso ispirazione dal concetto di gastronomia italiana non aveva ancora aperto un locale nel Bel Paese. Gestito interamente da italiani, dalla sala alla cucina, e basato sul concetto di ristorante ma con piatti e proposte che si avvicinano a quelli(9€) di una trattoria popolare. Un menu che comprende ricette tipiche e prodotti, come del resto in tutti i locali del gruppo, rigorosamente di provenienza italiana: latticini come burrate e mozzarelle del caseificio la Murgia a Muggiò in Puglia, i salumi nostrani dell'Azienda Agricola Bettella di Camaiore (LU).

ANTIPASTI- joann pai-3

Come negli altri ristoranti in giro per l’Europa anche qui la pasta sarà fatta in casa, ogni giorno: da menzionare le girelle alla ligure ripiene di coniglio e ricotta frsca (23€), ma anche spaghetti al pomodoro (15€), risotto di mare (25€), cacio e pepe (17€). Tra gli antipasti: polpette di vitello tonnato (16€), spicy empanada al maiale (11€), tarte tatin ai pomodorini (9€). Anche carne con i saltimbocca alla romana (23€), lombata di manzo (21€), mentre tra le proposte di mare spiedino di seppia (21€), wellington di rombo (26€), astice reale (56€). Oltre ai cocktail: una lista di signature come lo Zerotto, un twist dello sbagliato (10€) o lo sgroppino frizz (14€). Per gli amanti dei soft, anche i virgin cocktail come il Tea Amo (5€) o il Corso Garibaldi (8€). 

GIRELLA ALLA LIGURE- joann pai

Il team è tutto italiano, dalla cucina alla sala, un dato che segue l’impostazione del gruppo che conta la maggioranza di dipendenti italiani. Come lo chef Manuel Prota di origine napoletana e cresciuto a Formia, di 29 anni. Il locale si estende su 700mq, con un arredamento unico come d'altronde lo è quello di ogni locale di Big Mamma. 8 ampie finestre, due piani per oltre 200 coperti, dove a farla da padrone il bancone del bar in marmo giallo di Siena.  L'interior realizzato dallo Studio Kiki ricorda un locala anni '60 con tocchi glamour come gli enormi lampadari colorati - di 70 kg - fatti a mano dall’artista Jacopo Foggini.

IL ROSSINI CASIMIR- joann pai

Big Mamma: la storia di un gruppo che ha reso la trattoria italiana un format

Big Mamma nasce dall’idea di due giovani imprenditori, Victor Lugger e Tigrane Seydoux, rispettivamente di Strasburgo e della Costa Azzurra, con la passione per l’Italia. Numerosi sono stati i viaggi dei due da nord a sud per scoprire la nostra cucina fatta di prodotti eccellenti, che i due hanno cercato in lungo e in largo mettendosi in contatto con piccoli e medi produttori. Da qui l’idea: creare un format di ristorazione che possa replicare l’atmosfera e la convivialità della trattoria tipica italiana, senza stereotipi. Infatti scordatevi tovaglie a quadri, Vespe e mandolini, Big Mamma vuole trascendere dal cliqué e lo fa con un tocco tutto contemporaneo. Nel 2015 il primo locale a Parigi, East Mamma, poi a catena altre aperture in patria e poi a Londra, dove il gruppo fa il boom. Seguono Lille, Lione, Bordeaux, Marsiglia, Montecarlo, Madrid, Berlino, Amburgo, Monaco, e ora Milano. Complice un team di italiani alle spalle, soprattutto in cucina, che hanno reso possibile la trascrizione internazionale del concetto di tradizione italiana, fatta di pasta ripiena, pasta fresca, pizze, prodotti stagionali e artigianali. 

CiboToday è anche su Whatsapp, è sufficiente cliccare qui per iscriversi al canale ed essere sempre aggiornati

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

CiboToday è in caricamento