Ricevi la nostra Newsletter

L'unico modo per non perderti nulla sulle novità gastronomiche suggerite da Cibotoday. Ogni mattina nella tua e-mail.

rotate-mobile
Sabato, 18 Maggio 2024
Milano

Spunta un bar di autoproduzioni e caffè specialty dentro una palestra di arti marziali a Milano

Si chiama Café Pedrinho ed è una caffetteria specialty nata all’interno della palestra MILANIMAL specializzata in jiu-jitsu nel quartiere Corvetto a Milano. Atmosfere brasiliane, caffè filtro, produzioni home made e alcuni piatti internazionali

Il quartiere Corvetto a Milano sta piano piano popolandosi di nuovi luoghi e spazi, restituiti alla cittadinanza grazie a una costante opera di riqualificazione da parte di alcuni imprenditori incoraggiati dai grandi progetti urbani in zona. In questo contesto – siamo vicini alla Fondazione Prada e allo Scalo di Porta Romana – si inserisce anche il nuovissimo Cafè Pedrinho, una caffetteria appena nata in uno spazio molto particolare. Una palestra specializzata nella disciplina del jiu-jitsu chiamata MILANIMAL, aperta nel 2022 dall’atleta Andrea Baggio. E ora al suo interno spunta anche un bar di ispirazione brasiliana, aperto insieme a due amici e soci: il cipriota Dino Kouyalis e l’iraniano Mammarez Abbbasi. “Pedrinho è il diminutivo di Pedro, che in portoghese vuol dire Pietro, e vuole essere una caffetteria dove si respira lo spirito carioca” spiega Andrea Baggio. E inoltre (quasi) tutto è autoprodotto in casa.

Cafè Pedrinho e il bancone

Cafè Pedrinho: il bar d’ispirazione brasiliana a Corvetto

Cafè Pedrinho si trova in Via Tagliamento 4, una zona del quartiere Corvetto dove non è facile vedere locali di questo genere. Una caffetteria nata prendendo spunto dagli altri locali che uno dei soci, Dino Kouyalis, possiede a Nicosia nell’isola di Cipro: “Anche Dino è un atleta di jiu-jitsu nonché un ristoratore esperto. Cafè Pedrinho ha molto in comune con i suoi locali a Cipro, a partire dall’atmosfera”. Pedrinho infatti parte come concetto dal Brasile e i suoi sapori ma fa il giro del mondo, come ci spiega Andrea Baggio. “Ci siamo immaginati un bambino che nasce in Brasile, terra da cui si sviluppa una particolare disciplina del jiu-jitsu, ma poi si sposta anche in Turchia e ovviamente in Italia”.

Il backyard di Cafè Pedrinho-2

Il menu di Café Pedrinho nella palestra di jiu-jitsu a Milano

Una caffetteria specialty dove il menu è quasi interamente preparato in casa, dalle granole alle barrette proteiche, ma con una specifica: “Non vogliamo essere un posto healthy solo perché siamo dentro la palestra. il nostro cibo deve essere innanzitutto buono e godibile da tutti”. Il menu di Pedrinho è studiato per essere consumato durante tutto l’arco della giornata, infatti “non c’è distinzione tra la colazione, il pranzo o l’aperitivo”. Si possono trovare prodotti da bakery (5-6€), come avocado toast o banana toast, bowl nutrienti alla frutta (8-10€), piatti internazionali, sandwich (6€), insalate (10€) e dolcetti (5,5€). “In cucina abbiamo due ragazze brasiliane e un’italiana, così come in sala il team è tutto femminile” ci spiega Baggio. L’intento è quello di produrre tutti gli ingredienti in casa: “Compriamo solo il pane da Davide Longoni e lo yogurt, il resto come la granola o le barrette proteiche vengono realizzate da noi”. Tra i piatti più interessanti il cilbiruna ricetta turca a base di yogurt condito con varie spezie e uova in camicia, con olio di harissa ed erba cipollina, o la cheese cake in stile basco bruciata sulla superficie”.

Le granole proteiche di Pedrinho

La caffetteria specialty e le bevande fermentate

Café Pedrinho è anche un bar dove trovare caffè specialty: “Al momento abbiamo quello della torrefazione Sevengrams, di due tipi diversi. Uno con forti accenti di cioccolato e uno più acidulo”. Il caffè filtro, anche in versione cold brew, si può scegliere porzione intera (3€) oppure in versione cafezinho quindi mezza porzione che equivale a un caffè doppio (1,5€). “Le nostre monorigini cambieranno ciclicamente, per portare i clienti a fare il giro del mondo con il caffè” continua Baggio. Grande spazio anche alle bevande no alcol come il kombucha (vorrebbero in futuro produrlo autonomamente), il mate brasiliano, due birre molto minerali che combinano con l’attività sportiva. Un locale che sta ancora definendo tutti i i suoi contorni ma che promette bene.

CiboToday è anche su Whatsapp, è sufficiente cliccare qui per iscriversi al canale ed essere sempre aggiornati

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

CiboToday è in caricamento