Ricevi la nostra Newsletter

L'unico modo per non perderti nulla sulle novità gastronomiche suggerite da Cibotoday. Ogni mattina nella tua e-mail.

rotate-mobile
Sabato, 24 Febbraio 2024
Milano

Milano. Al Teatro Lirico Gaber apre un nuovo Caffè Letterario

Da settembre 2023 sarà attivo uno spazio per colazioni, pranzi e cene, ma anche incontri ed eventi culturali. Ecco come sarà, tra design e cucina sostenibile

Il teatro come spazio aperto da vivere oltre il cartellone. Luogo di incontri, pause e relazioni, nonché soste gastronomiche di buon livello. Così lo immagina Matteo Forte, direttore generale del Lirico Giorgio Gaber, che ha presentato in anteprima il 23 maggio, durante una “Gaber matinée”, il format di caffetteria e bistrot pronto a partire a pieno regime dal prossimo settembre. Ancora una novità promettente nella città dei piccoli e grandi teatri.

La sala del Teatro Lirico Giorgio Gaber

Il Teatro Lirico Giorgio Gaber

Un tempo Teatro della Cannobiana, il Lirico è uno dei più antichi della città. A firmarlo nel 1779 fu un architetto illustre, lo stesso Giuseppe Piermarini che progettò La Scala. La volontà dell’arciduca Ferdinando, figlio di Maria Teresa d’Austria, era quella di dotare la città di un’istituzione “popolare”; e così fu, con un teatro aperto al pubblico senza soluzione di continuità fino al 1999.

Interno del Teatro Lirico Giorgio Gaber

Dopo un lungo stop di 22 anni, e a seguito di un investimento di oltre 17 milioni di euro dell’amministrazione comunale e, in parte, Stage Entertainment (la multinazionale olandese che si è aggiudicata il bando per la gestione), la struttura ha rialzato il sipario a fine 2021. Con una dedica nel nome al mitico cantautore Giorgio Gaber.

Milano: caffè e ristoranti a teatro

La ristorazione di qualità a teatro ha nel capoluogo un precedente illustre: Gualtiero Marchesi, presente con la sua cucina nel foyer de La Scala dal 2008 con lo storico Marchesino. L’outlet, nel 2019, si è evoluto nel nuovo Il Foyer, ma l’impronta del grande chef è rimasta nel sontuoso risotto oro e zafferano, ancora in carta. Dal 2016 il pubblico del Teatro Franco Parenti può godere — prima o post spettacolo — di un aperitivo con vista sulla recuperata piscina dei Bagni Misteriosi, che si aggiunge al Parenti Bistrot, aperto a tutti nella sala Café Rouge.

Il Foyer del Teatro La Scala

Mentre è novità di pochi mesi (fine ’22) l’apertura al TAM - Teatro Arcimboldi di Dal Milanese, seconda sede cittadina del locale dedicato a cucina tradizionale, pizza e richiami alla “Milano da bere” degli ’80. Stuzzicante — pur se non strettamente “teatrale” — il Bar del Cinemino, uno spazio culturale aperto nel 2018 con sala proiezioni e, appunto, un piccolo bar con birre artigianali e opzioni per pranzo, aperitivo e cena.

Il nuovo Caffè Letterario del Teatro Gaber

A disposizione dell’architetta Alessia Garibaldi (Garibaldi Architects) un ambiente particolare: la sala prove dei cantanti lirici, voluminosa e con una volta di ampio respiro, che fino a poco fa era del tutto vuota. Il progetto l’ha riempita di un’ampia isola centrale e tavolini in marmo nero, bilanciati da sedute imbottite color verde salvia. Il locale avrà quindi “vita propria”, restando aperto non soltanto durante gli spettacoli, ma dalla mattina alla sera, tutti i giorni della settimana, per ospitare anche incontri, presentazioni ed eventi culturali.

La cucina in vasetto di Godo

Proprio come avveniva nei nobili caffè letterari dell’800. Cosa si mangerà al salotto del Gaber? A firmare la proposta la società GLQR del ristoratore Giuliano Lotto con la formula già nota di Godo: un format di cucina italiana nato nel 2015 a Londra in modalità delivery, arrivato anche a Milano nel 2020. Anche qui, particolare attenzione per la sostenibilità, con tutte le portate del menu consegnate e servite in vasetti di vetro, perfettamente riutilizzabili oppure riciclabili.

Caffè Letterario del Teatro Lirico Giorgio Gaber
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

CiboToday è in caricamento