Ricevi la nostra Newsletter

L'unico modo per non perderti nulla sulle novità gastronomiche suggerite da Cibotoday. Ogni mattina nella tua e-mail.

rotate-mobile
Lunedì, 4 Marzo 2024
Milano

Produrre formaggi in città. Il caseificio urbano di Milano aperto da un ex architetto

Il Formagiatt è una rivendita di formaggi che si appoggia (anche) al Caseificio Fiordilatte, due realtà aperte da Alessio Mogliani nel centro di Milano. Per far rinasce il mito dei furmagiatt milanesi di un tempo

Un caseificio urbano, un laboratorio dove produrre formaggio e una bottega dove acquistare e fare anche l’aperitivo. Questo è il Formagiatt insieme al Caseificio Fiordilatte, due realtà che parlano tra loro nate dall’idea di Alessio Mogliani, un ex architetto con la passione per il formaggio. Infatti proprio con l’intento di far rivivere il mito dei casari in città, nel 2012 apre prima il caseificio dedito alla produzione di formaggi a pasta filata, in via Via Mac Mahon 12, e poi nel 2021 apre il Formagiatt, in Largo Settimio Severo 6. Alessio Mogliani ci racconta il suo percorso sorretto dalla volontà di far rivivere la produzione artigianale di formaggi a Milano.

Alessio Mogliani, proprietario del Formagiatt e di Caseificio Fiordilatte a Milano

Il mito del formagiatt a Milano nella zona dei Navigli

Non tutti sanno che a Milano in tempi passati c’era una grande tradizione di casari. I cosiddetti furmagiatt, ovvero i formaggiari, concentrati nella zona tra la Darsena di Porta Ticinese, il Naviglio Pavese e Corso San Gottardo. Siamo nei primi dell’800, quando il Naviglio Pavese era utilizzato come via principale per il trasporto di ogni bene e materiale, anche alimentare come vini e latticini. Questo triangolo commerciale era conosciuto infatti come burg dè furmagiatt, il borgo dei casari, proprio perché qui sorgevano le casere ovvero qui luoghi dove si stagionava il formaggio. Man mano che l’affinamento evolveva, i formaggi dalle cantine delle case venivano spostati al piano superiore tanto che tutto il quartiere era inondato dal profumo di formaggio. Solo dopo il 1930 iniziò il declino di questa attività, spostando l’affinamento dei formaggi – come quello del gorgonzola - nella zona vicino Novara.

La produzione della mozzarella al Caseificio Fiordilatte di Milano

Il Caseificio Fiordilatte e la produzione di formaggi a pasta filata

Alessio Mogliani, milanese classe 1980, prima era un architetto: “Lavoravo per il gruppo Zunino, complice della costruzione di interi quartieri della città. Poi arriva la crisi bancaria, tanti progetti su cui lavoravo sono crollati e quindi ho deciso di cambiare vita”. La passione per il formaggio Alessio Mogliani ce l’ha sempre avuta “grazie a numerosi viaggi in Puglia, da amici casari, produttori e professionisti del settore”, dove impara questo mestiere. A Milano nel 2012 apre il Caseificio Fiordilatte, in Via Mac Mahon 12: “Una piccola produzione artigianale, siamo solo in 5, dove produciamo formaggi a pasta filata prevalentemente per il quartiere e i ristoranti di Milano”. Un vero e proprio caseificio urbano dove si produce mozzarella, nodini, trecce, burrate, stracciatella, ma anche formaggi semi stagionati come scamorza, caciocavallo, e poi ricotta, primo sale, stracchino, mascarpone, robiola. “Nel 2012 quando ho aperto ho fatto salire degli amici produttori dalla Puglia per spiegare passo dopo passo ai miei giovani dipendenti come si fa il formaggio” ci racconta Mogliani. Infatti i ragazzi che lavorano qui infatti vengono tutti dalla Scuola Casearia di Pandino, in provincia di Cremona, istituto specializzato nella formazione di queste figure professionali. “Il Caseificio Fiordilatte non è l’unico caseificio urbano, a Milano ce ne sono altri tre” ci racconta Alessio Mogliani che cita i colleghi di Tentazioni del Latte, in zona Lorenteggio, oppure Miracolo Urbano in Via Stendhal e poi il Centro della Mozzarella in Via Benaco.

La bottega del Formagiatt a Milano

Il Formagiatt: la bottega con rivendita e dove fare l’aperitivo

Il Formagiatt apre nel 2021, come naturale prosecuzione del lavoro di Mogliani a Milano. Si trova in Largo Settimio Severo 6, tra Conciliazione e Pagano, ed è un’alimentari specializzato in formaggi. “Il principale fornitore del Formagiatt è ovviamente il Caseificio Fiordilatte, poi per il resto è tutto frutto delle mie ricerche” continua Alessio spiegandoci che qui si trovano formaggi da tutta Italia. Di capra, d’alpeggio, piccoli produttori lombardi e piemontesi, i grandi affinamenti, dal Formagiatt c’è una scelta meticolosa che si può gustare anche all’interno. Tra i migliori produttori presenti sicuramente c’è il Boscasso, in provincia di Pavia, oppure la formaggeria Beltrami di Cartoceto, nella Marche.

Alcuni dei prodotti in vendita al Formagiatt a Milano

Da provare anche i prodotti della Caseara di Carpenedo, che realizza formaggi affinati ubriachi, quelli di Andrea Bezzi in Valcamonica, uno dei casari e allevatori tra i più apprezzati dell’intero arco alpino, o i formaggi della Latteria di Branzi, dal 1953 punto di riferimento per Bitto Storico e strachitunt. Dal Formagiatt si può anche fare l’aperitivo. D’estate e nei mesi più caldi fuori c’è un dehors con 25 coperti mentre dentro si riescono a servire 5 persone. Si possono scegliere taglieri misti di formaggi e salumi (ci sono quelli di Marco D’Oggiono, vicino Lecco) con un calice o una bottiglia di vino. Basta chiedere ad Alessio Mogliani che si divide tra la produzione in zona Cenisio e l’attività di rivendita.

Formagiatt
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

CiboToday è in caricamento