Ricevi la nostra Newsletter

L'unico modo per non perderti nulla sulle novità gastronomiche suggerite da Cibotoday. Ogni mattina nella tua e-mail.

Venerdì, 19 Luglio 2024
Milano

Gruppo di amici apre una gelateria di quartiere a Milano che vuole diventare una catena di qualità

Luca Gelaterie a Milano, in zona Porta Vittoria, ha aperto a giugno 2024. L’idea è quella di un gruppo di giovani amici e soci con competenze in ambiti diversi. Gusti classici, vegani e tante iniziative per coinvolgere il quartiere con l’obiettivo di espandere il marchio

Il 10 luglio 2024 è prevista l'apertura ufficiale di Luca Gelaterie – Il Gelato di Compagnia in Via Galvano Fiamma 11 a Milano, zona Porta Vittoria. Tuttavia, è già da giugno 2024 che il locale ha iniziato a deliziare i palati dei primi clienti con una soft opening. Ma chi c'è dietro questa nuova gelateria che ha l’obiettivo di diventare un nuovo punto di riferimento in città (e non solo) per gli amanti del gelato?

Luca Gelaterie - Il Gelato di Compagnia a Milano

Chi c’è dietro il progetto di Luca Gelaterie

A differenza di come si potrebbe pensare, non c’è nessun Luca dietro Luca Gelaterie. Quanto piuttosto un gruppo di 6 giovani amici e soci milanesi con esperienze in diversi settori (food design, food retail e start up), uniti da una passione comune per il gelato e dalla voglia di creare un luogo in cui creare legami tra persone e quartiere. Solo due però sono attivi a livello operativo nel progetto, tra cui Costanza Annunziata, classe 1993, specializzata in design del prodotto che si occupa della comunicazione del brand. È lei a spigarci che "il nome Luca è stato scelto collettivamente per dare un volto amichevole al nostro concetto di ‘gelato di compagnia’. Volevamo un nome che non fosse associato a una persona fisica specifica, ma che rappresentasse un amico comune. 'Ci vediamo da Luca' doveva diventare un invito naturale".

Luca Gelaterie a Milano

Insieme a Costanza c’è Marco Baessato, classe 1991, che è un po’ il capogruppo del progetto in cui ognuno ha apportato le proprie competenze, e soprattutto colui che realizza ogni giorno il gelato. Marco ha un background in economia e viene da esperienze nel settore immobiliare, poi ha deciso di cambiare rotta e dedicarsi alla sua passione per il gelato. "Volevo uscire dalla routine dell'ufficio e fare qualcosa di creativo e personale. Erano ormai anni che ne parlavo con il mio gruppo di amici", racconta Marco, "quando è arrivata l'opportunità di aprire una gelateria, l'ho colta al volo".

Il bancone di Luca Gelaterie

Il ‘gelato di compagnia’ di Luca Gelaterie (con radici sarde)

Tutto parte dalla Sardegna; infatti, uno dei soci fondatori ha parenti sull’isola che possiedono una gelateria molto rinomata. In diversi momenti delle loro vite, hanno frequentato questa gelateria, riflettendo sulla possibilità di farsi tramandare il loro saper fare per poi aprirne una Milano. E così è stato. “La nostra scuola di gelateria è stata un mastro gelataio con oltre 30 anni di esperienza, che ci ha insegnato direttamente”, spiega Marco. Da qui hanno deciso di creare il loro brand a Milano, applicando la stessa metodologia ma adattandola alla loro visione.

Ecco spiegato il perché per realizzare il loro gelato, da Luca Gelaterie utilizzano i prodotti di Arborea, in particolare latte, panna, ricotta e yogurt. “Se ne parlava da anni, poi è arrivato il momento giusto. È stata una sorta di congiunzione astrale: Marco voleva cambiare lavoro, io sono sempre stata appassionata di food e food design, avendo sempre lavorato nel branding del settore alimentare. Un altro socio era in stretto contatto con la gelateria sarda, e così abbiamo detto: 'Dai, facciamolo!’”, racconta Costanza.

Le vaschette di Luca Gelaterie a Milano

La proposta di Luca Gelaterie e i prezzi

L’offerta di Luca Gelaterie per il momento si basa esclusivamente sul gelato artigianale, di cui vengono proposti ogni giorno 14 gusti. Oltre ai grandi classici come pistacchio, nocciola IGP, fiordilatte e stracciatella, una menzione speciale per la loro crema con aggiunta di scorza di limone, e per ricotta, fichi e miele. A questi si aggiungono tutti i gusti alla frutta, con prodotti stagionali italiani e a base acqua (vegani). Questi cambiano praticamente ogni giorno in quanto la materia prima arriva dai mercati di quartiere, tra cui quello del martedì in Piazza Principessa Clotilde e quello del sabato in Santa Maria del Suffragio.

Oppure direttamente dal Verzeratt, storico chiosco di frutta e verdura meneghino. Si può scegliere tra coppette o coni a partire da 3,50€ per due gusti fino alla coppetta maxi a 5€. Per l’asporto e delivery viene utilizzata una vaschetta che dà la possibilità di tenere separati i gusti ed è impilabile, ogni ‘strato’ (15€) contiene circa 500 gr di gelato. “L’intenzione è quella di ampliare la linea, magari con granite o semifreddi, oltre a nuovi gusti classici ma in versione vegana. E abbiamo chiesto i permessi per il dehors”, spiega Marco.

Una coppetta di gelato di Luca

Filosofia: sostenibilità e visione glocal

Luca Gelaterie punta anche alla sostenibilità e all'innovazione. La produzione del gelato infatti, avviene attraverso un macchinario a circuito chiuso che ricicla l’acqua utilizzata per il raffreddamento dei macchinari. Particolare attenzione nella scelta del packaging realizzati con materiali eco-friendly. La visione di Luca Gelaterie è quella di creare legami e comunità attraverso il gelato. "Stiamo pensando a diverse iniziative per coinvolgere il quartiere, come una carta fedeltà che premia con sconti e vantaggi presso altre attività locali", spiega Costanza. Tra gli obiettivi di Luca infatti, c’è quello di costruire una community affezionata, sempre con un occhio rivolto alla sostenibilità e alle attività sociali.

Per questo hanno in mente di organizzare eventi pop-up e piccole iniziative come l’attuale promozione dei sacchetti, che dopo il decimo sacchetto di carta riportato indietro verrà regalata una nuova vaschetta da 500 gr; o come il gelato sospeso, che invece partirà a breve. "Vogliamo che ogni gelateria Luca rifletta il quartiere in cui si trova", spiega Costanza. "A Milano, ma anche in altre città in futuro, vogliamo lavorare a stretto contatto con le realtà locali diventando in questo senso glocal". Una gelateria di quartiere ma in più di un quartiere e in diverse città, con l’obiettivo di espandere il marchio che, non a caso, parla già al plurale.

Luca Gelaterie

CiboToday è anche su Whatsapp, è sufficiente cliccare qui per iscriversi al canale ed essere sempre aggiornati

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

CiboToday è in caricamento