Ricevi la nostra Newsletter

L'unico modo per non perderti nulla sulle novità gastronomiche suggerite da Cibotoday. Ogni mattina nella tua e-mail.

rotate-mobile
Lunedì, 4 Marzo 2024
Milano

Panzerotti a poco prezzo da 70 anni a Milano. E c’è più fila che nelle paninerie degli influencer

Considerato come precursore dello street food in città, il Forno Luini è conosciuto da oltre 70 anni per i suoi panzerotti. La sua è la storia di una famiglia che parte dalla Puglia e che arriva ai piedi del Duomo

Negli ultimi tempi sembra esserci una certa tendenza a prendere d’assalto le nuove aperture nelle maggiori città italiane. Video ed immagini di file mostruose, clienti in preda al panico e in attesa per ore solo per un panino o un selfie con l’influencer di turno che si è lanciato nella ristorazione. L’abbiamo visto recentemente per l’apertura di Con mollica o senza, a Milano, oppure a Roma con il temporary store di CiccioGamer89, lo youtuber che fa burger in zona Ostiense. E poi ovviamente c’è All’Antico Vinaio. Un fenomeno figlio dei social che però ha un suo antecedente storico, proprio nel capoluogo lombardo. Sotto la Madonnina, dietro Piazza Duomo, c’è il Forno Luini lo street food più famoso della città. Qui la fila, senza scomodare content creator e acchiappa like, si fa veramente e in silenzio da decenni. Il richiamo è il suo panzerotto, sempre appena sfornato e a prezzi ancora democratici: anche qui l’esperienza conta più dell’eccellenza gastronomica del prodotto, ma tutto questo avviene da sempre.

La fila davanti a Panzerotti Luini ph Milano da Vedere

La storia di Luini: il panzerotto di Milano dal 1949

Passando nelle strade che costeggiano il Duomo e la Galleria Vittorio Emanuele non è difficile incontrare una fitta e composta fila davanti a due vetrine dove campeggia l’insegna Panzerotti Luini. Per molti il re dello street food prima che questa parola entrasse nel nostro vocabolario, una certezza a tutte le ore del giorno sorretta da una storia straordinaria. Si parte dalla Puglia, regione interessata nel dopo guerra da una forte migrazione verso nord, soprattutto a Milano, e da cui proviene la famiglia di Luigi Luini, oggi 90enne. Nei primi Anni ’40, infatti, Giuseppina Luini insieme al marito Agostino, arrivano a Milano e si stabiliscono nel lodigiano dove nasce Luigi che fin da subito vuole seguire le orme del padre panettiere. Era il 1949 quando dalla gestione di una trattoria tipica pugliese rilevano un antico forno datato 1888, in Via Santa Radegonga 16. Nasce così il Forno Luini “a soli 190 passi dal Duomo”, come ama ricordare Luigi.

Il mitico panzerotti di Luini dal 1949

L’intuizione dei panzerotti e il successo del Forno Luini

Fin da subito l’insegna si distingue per la presenza di prodotti tipici pugliesi, a cui si aggiunge solo poco dopo il famoso panzerotto. Come si legge nel libro Volevo solo fare il panettiere – edito da Egea, casa editrice dell’Università Bocconi – che racconta la storia di questo panettiere diventato un simbolo di Milano: “Ci volevamo differenziare dalla proposta classica di zona e mia madre propose il panzerotto”. È stata infatti Giuseppina Luini ad avere l’intuizione di inserire questo street food tipico pugliese a partire dagli Anni ’60. La ricetta è stata presa da un vecchio libro della nonna di Luigi Luini, e all’inizio si facevano solo pochi pezzi e tutti allo stesso gusto: pomodoro e mozzarella. Poi con il tempo la proposta si è ampliata fino ai giorni nostri.

I panzerotti di Luini

I prodotti di Luini per cui ancora oggi si fa la fila

Molti considerano Luini colui che ha portato la conoscenza del panzerotto ai milanesi. Se infatti oggi questo cibo da strada è così conosciuto in città è anche merito suo, che per primo puntò tutto su questa geniale trovata senza però scomodare gli esperti del food marketing. Non a caso il Comune di Milano nel 1988 conferisce il premio dell’Ambrogino d’Oro al signor Luini, per essersi distinto nel suo lavoro certosino e come segno di "vivo apprezzamento, amicizia e simpatia". E ad aprile 2023, alla veneranda età di 92 anni, Luigi Luini viene laureato honoris causa dall’Università internazionale Omlid per la sua straordinaria attività.

Il signor Luigi Luini-2

Nulla è cambiato da Luini negli anni, a parte l’avvicendarsi delle nuove generazioni della famiglia Luini dietro il bancone. Tanto meno il prezzo che si è adeguato ai giorni moderni senza però schizzare in alto. Infatti il classico panzerotto con pomodoro e mozzarella costa 2,80€ (prima dell’euro costava 4mila Lire), quello con prosciutto oppure con salame piccante 3€, poi ci sono le versioni vegetariane con ricotta e spinaci o con cipolle, olive e pomodoro (3€). Qui si trovano anche i panzerotti al forno, versione più leggera, e quelli dolci con nutella, pere e cioccolato, crema, oltre alla classica focaccia pugliese, la focaccia con stracchino, e quella con olive, patate e cipolle. Una storia che ancora oggi ricorda il passato di una Milano costruita con lavoro e passione.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

CiboToday è in caricamento