Ricevi la nostra Newsletter

L'unico modo per non perderti nulla sulle novità gastronomiche suggerite da Cibotoday. Ogni mattina nella tua e-mail.

rotate-mobile
Mercoledì, 19 Giugno 2024
Milano

Apre un locale che vuole convincere i milanesi a mangiare la “pizza pepperoni” americana

Si chiama Pepperoni Pizza il fast food vicino all’Università Cattolica dedicato alla famosa pizza concepita negli Stati Uniti. Base margherita e con abbondante dose di pepperoni, ovvero un salame Made in Usa

Chi è andato almeno una volta negli Stati Uniti si è sicuramente imbattuto nella pizza pepperoni, una delle preparazioni più note in tutto il paese. Una ricetta che, a differenza di quello che può far sembrare il nome, non ha affatto i peperoni come ingrediente principale. Infatti con il termine pepperoni (come abbiamo scritto in questo articolo) si indica un salume piccante che va a condire questa pizza a stelle e strisce. Anche a Milano ora hanno avuto l’idea di dedicare a questa ricetta Made in USA un piccolo fast food, dove si serve la pizza a fette o in versione xxl. Ce lo racconta Alfondo Barbato, ideatore di Pepperoni Pizza in Via Sant’Agnese 12 nel quartiere di Sant’Agostino.

Il logo di Pepperoni Pizza

L’idea di portare la pepperoni pizza in Italia

Alfonso Barbato, classe ‘88, è un imprenditore di Aversa, in provincia di Napoli, nonché grande amante della regina delle ricette partenopee. “Ho quasi sempre lavorato nella ristorazione: la mia famiglia aveva delle gelaterie, poi ho costruito un brand di hamburgherie gourmet, Trita, nella mia città natale e a Portici”. Ma la curiosità lo spinge a viaggiare e conoscere nuovi gusti e tendenze: “Sono stato spesso negli Stati Uniti, soprattutto a New York dove mi innamoro della pizza by the slice, ovvero la pizza a fette, maniera classica in cui viene servita nei locali per strada della Grande Mela”.

La nuova pizzeria di Milano d'ispiraizone dagli Stati Uniti

E da qui l’idea di importare la pepperoni pizza in Italia. “Dopo la chiusura di Domino’s, che nella sostanza si avvicinava a questo tipo di pizza americana, ho capito che poteva esserci del margine”. Ovviamente Barbato non sceglie Napoli per il suo brand, perché come dice lui “sarebbe stata vista come un’eresia”, ma Milano “più permeabile a contaminazioni internazionali”. E così l’apertura ad aprile 2024 vicino l’Università Cattolica.

Pepperoni pizza il locale

Pepperoni Pizza a Milano: il fast food dedicato alla pizza USA

Pepperoni Pizza ricorda nell’impostazione un classico fast food americano. Dall’identità del brand, pop, divertente e colorata, al locale costruito con mattonelle rosse e bianche, un bancone da dove si ordina la pizza e delle sedute alte. “Il concetto è quello di prendere la propria slice e mangiarla fuori, oppure in uno dei pochi posti all’interno” spiega l’ideatore. Infatti non ci sono camerieri da Pepperoni Pizza, che vuole essere un punto di passaggio proprio come funziona negli Stati Uniti.

La pizza pepperoni

Il menu si compone di soli tre gusti di pizza: “C’è la margherita, la pepperoni e la sausage ovvero una pepperoni più salsiccia”. Il pepperoni è un salame che Barbato importa dagli Stati Uniti ed è un mix di carne di manzo e maiale, speziato e piccante, che viene posto sulla pizza già in cottura affinché si possa sciogliere tutto il grasso. Anche l’impasto è diverso da una classica pizza italiana: “Infatti contiene meno acqua e dunque il morso risulta più compatto e farinoso”. Oltre alla classica fetta (margherita 3,5€, pepperoni 4€, sausage 4,5€), c’è anche la versione extra large da 50 cm che si può dividere tra amici (costa dai 17 ai 22,5€). E proprio come un fast food è possibile ordinare patatine fritte e hot dog, nella versione classica (5€) o con chili-con-carne (7,5€). E nel futuro? Alfonso Barbato sogna di far diventare Pepperoni Pizza un franchising. 

CiboToday è anche su Whatsapp, è sufficiente cliccare qui per iscriversi al canale ed essere sempre aggiornati

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

CiboToday è in caricamento