Ricevi la nostra Newsletter

L'unico modo per non perderti nulla sulle novità gastronomiche suggerite da Cibotoday. Ogni mattina nella tua e-mail.

rotate-mobile
Domenica, 25 Febbraio 2024
Milano

Le 8 migliori pizze invernali a Milano e dove trovarle 

Una selezione di proposte stagionali dalle più valide pizzerie della città: antiche ricette lombarde e ispirazioni vegane, sentori mediterranei e tonde monocromatiche. E c’è anche la “Pepperoni”, però fatta bene

Quali sono le pizze più interessanti da assaggiare in questo inverno a Milano? Come accade a intervalli regolari, gli ingredienti che possono — o “non possono” — andare sulla pizza accendono gli animi. Noi siamo tra quelli che in pizzeria amano divertirsi, sfogliando incuriositi menu che, oltre ai grandi classici, contano anche proposte inconsuete. Da ingredienti freschi, che cambiano secondo stagione, e che anche sulla tonda possono essere abbinati in combinazioni inaspettate. Ecco quindi, dopo quella estiva e la autunnale, la nostra rassegna delle migliori proposte dalle pizzerie del capoluogo, tra coloratissime pizze 100% veg, salumi pregiati e ispirazioni da piatti tradizionali lombardi. E c’è anche la pizza “Pepperoni” (però fatta bene).

Vegan special — Berberè

Vegan special ? Berbere?

Nei loro numerosi locali, i fratelli Matteo e Salvatore Aloe pensano agli amanti delle verdure (non necessariamente soltanto ai vegani) con un fuori menu proprio di queste settimane. Fino alla fine del mese si può scegliere infatti la loro pizza a base di crema di barbabietola, porri saltati e olive Kalamata. All’aroma stagionale provvedono la scorza di arancia e le noci, insieme a un po’ di semi di sesamo e al tocco rinfrescante dell’aneto.

Pepperoni Italoiberica — Confine

Pepperoni Italoiberica ? Confine

Francesco Capece e Mario Ventura conducono un locale in zona Duomo in cui le tonde si affiancano a proposte enologiche di alto livello. Per l’inverno hanno pensato a una piccola provocazione, rielaborando il classico italo-americano della “Pepperoni” in chiave senz’altro più raffinata. La loro vira verso la Spagna, stratificando su pomodoro San Marzano Dop del buon formaggio Manchego e fette di Chorizo iberico de Bellota. Piccantina, ma equilibrata.

Viola — Corner 58 by Roberto Conti

Viola ? Corner 58 by Roberto Conti

Non è aperto da tanto, questo locale che è sia pizzeria che bistrot in modo disinvolto. In cucina ci sono lo chef Roberto Conti e il pizzaiolo Sami Soliman, che hanno appena messo in carta una pizza tutta incentrata sul viola. E a partire da soli vegetali, come le barbabietole in crema, i carciofi sottolio e le olive. A completare il tutto, ancora polvere di olive nere, chips di barbabietola croccate e l’immancabile giro di olio extravergine di oliva.

Tonno e ammaccate — Da Zero 

Tonno e ammaccate ? Da Zero

Partita nel 2014 da Vallo della Lucania, oggi Da Zero conta diverse aperture tra Milano, Torino, Firenze e Bologna, forte anche dell’ingresso di investitori. La base sono gli ingredienti della dieta mediterranea — che proprio in Cilento è stata osservata e formulata — assemblati senza troppi voli pindarici ma sempre attenzione all’alta qualità. Anche a gennaio si trova una delle loro pizze più iconiche: la Tonno e Ammaccate, che si fa con tonno dal mare campano e olive Salella, “ammaccate”, appunto, a mano.

Variazioni di rosa — Denis Pizza di Montagna

Variazioni di rosa ? Denis Pizza di Montagna

Oltre alla prima sede nel bellunese, il pizzaiolo “di montagna” Denis Lovatel oggi ne conta altre due anche a Milano. Ingredienti alpini e versatilità nelle ricette sono un punto fermo, che vale anche per una recente novità: la Variazioni di rosa prevede mozzarella fiordilatte, prosciutto cotto selezione “Denis”, mousse di Parmigiano Reggiano, cipolla acidulata al lampone, mandorle tostate e saba (un aromatico mosto d’uva cotto). Coloratissima.

C assœula — Dry Milano

Cassoeula ? Dry Milano

Quando si parla di “pizzeria contemporanea” — ovvero con un bel design, un menu variabile e grande attenzione al pairing delle bevande — bisogna tenere presente che a Milano Dry è stata apripista. In questo inverno propone sulla tonda un caposaldo della cucina lombarda, che non manca di eleganza. Si tratta della cassœula, trasformata in una combinazione di verza croccante, cipolle brasate e caramellate e salsiccia luganiga. Poi c’è il fiordilatte, una riduzione di vino rosso e qualche scaglia di Grana Padano. Assolutamente da provare.

Zucca e salsiccia — Marghe

Zucca e salsiccia ? Marghe

Nelle due pizzerie milanesi, Marghe si dedica alla pizza napoletana, con ricette classiche ma non solo. Una delle proposte invernali gioca su un abbinamento affidabile: quello tra la zucca — presente in crema — e la saporita salsiccia di maialino nero. Alla base c’è del fiordilatte di Agerola, mentre, per finire, qualche fogliolina di basilico fresco.

Veganuary — Pizzium

Veganuary ? Pizzium

Sono dieci i locali della famiglia Pizzium a Milano, e ciascuno di loro ha accolto la sfida del Veganuary. Ovvero l’obiettivo — specie dopo i bagordi delle feste — di rinunciare ai derivati animali per un intero mese. Uno sforzo? Neanche troppo, se si può ordinare la loro “edizione speciale” con pomodori pelati, funghi chiodini e granella di castagne. Al posto della canonica mozzarella c’è l’alternativa vegetale di Dream Farm, di cui abbiamo raccontato tutto.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

CiboToday è in caricamento