Ricevi la nostra Newsletter

L'unico modo per non perderti nulla sulle novità gastronomiche suggerite da Cibotoday. Ogni mattina nella tua e-mail.

rotate-mobile
Lunedì, 4 Marzo 2024
Milano

Perché Dargen D’Amico sta investendo sulla comunicazione del cibo?

Il rapper e producer musicale Dargen D’Amico è diventato socio di Tuorlo, agenzia media di base a Milano. Un progetto sul cibo nato nel 2021 che ora vuole crescere. E aprire un bar

In molti conoscono Dargen D’amico. Rapper, producer musicale, giudice del programma XFactor su Sky, e ora anche investitore di un progetto di comunicazione in ambito gastronomico. Si chiama Tuorlo Media, nato due anni fa dall’iniziativa di Luca Genova e Mirco Mastrorosa, imprenditori di base a Milano, attivo nell’ambito dei contenuti editoriali, di comunicazione e pubblicitari su temi gastronomici e musicali. Dargen da sempre vicino a Tuorlo, ha in parte sottoscritto l’aumento di capitale da oltre un milione di euro lanciato da Tuorlo. E lo ha fatto insieme a Francesco Guadesi e altri quattro investitori privati. L’offerta si chiuderà poi il 12 febbraio 2024. Tanti gli obiettivi di espansione di Tuorlo con questa nuova iniezione di liquidità, vediamo quali.

Dargen Damico

Tuorlo Media: la storia di un brand giovane e controcorrente

Nato nel 2021 Tuorlo è stato fin da subito attento a raccontare il cibo attraverso gli ambienti trasversali della musica in Italia. Un dialogo tra cucina e scena musicale: Fedez, Ambra Angiolini, Rkomi, Luca Ravenna, Francesca Michielin, Rosa Chemical, Chadia Rodriguez, Myss Keta, Diodato e lo stesso Dargen D'Amico sono alcuni dei protagonisti dei contenuti pubblicati in questi anni sui canali social del brand. Tanta cultura pop, spettacolo, generazione Z che si mischia con i millenials, e ovviamente una narrazione del mondo gastronomico controcorrente. Tuorlo utilizza il linguaggio video come strumento di scoperta e di indagine: dalle cucine di Ferran Adrià (icona mondiale dell’alta gastronomia) a Riccardo Camanini (Chef di Lido84, miglior ristorante Italiano della 50 Best), dalle cantine di Josko Gravner, noto produttore friulano, passando per Ana Roš che ha appena conquistato la terza stella Michelin con il suo Hiša Franko.

Gli investimenti sul futuro e la spinta del mondo digitale

La scelta di lanciare un round di investimento aprendo il capitale, ha l’obiettivo di supportare la natura fortemente innovativa che ha contraddistinto Tuorlo” afferma Luca Genova, Co-Founder e CEO di Tuorlo Media. Infatti è il mondo digital il palcoscenico di questa agenzia media, visto i dati positivi a supporto del comparto che corrisponde al 46% del mercato ADV in Italia, mentre i segmenti food & beverage, turismo e PA valgono circa 1,22 miliardi (fonte: Nielsen AD Intel). Tra gli obiettivi del futuro? Nuove progettualità legate alla musica che partono dal lancio di un listening bar nei propri spazi in zona Tertulliano, ovvero quei bar nati soprattutto in Giappone incentrati sull’ascolto di musica. Si parla poi di uno sviluppo di una piattaforma di data analisys basata su intelligenza artificiale e di un ingresso nel mondo dei podcast.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

CiboToday è in caricamento