Ricevi la nostra Newsletter

L'unico modo per non perderti nulla sulle novità gastronomiche suggerite da Cibotoday. Ogni mattina nella tua e-mail.

rotate-mobile
Giovedì, 20 Giugno 2024
Napoli

Non sarà più necessario far la leggendaria fila fuori da 50 Kalò a Napoli. In arrivo la seconda pizzeria

Ciro Salvo, pizzaiolo e proprietario di 50 Kalò in Piazza Sannazzaro, sta per aprire una seconda pizzeria. Stessa qualità e menu, con un importante novità: è possibile (finalmente) prenotare invece di attendere un tavolo libero in coda. Dal 1 giugno 2024

50 Kalò è una delle pizzerie più conosciute di Napoli e anche nel resto d’Italia. Si trova in Piazza Sannazzaro 1C, e la si riconosce per l’imponente fila che si forma costantemente all’esterno. Ora una notizia fa ben sperare per chi cerca un tavolo nel famoso locale di Ciro Salvo, pizzaiolo che raddoppia in città con una seconda apertura. La sua nuova 50 Kalò apre il 1 giugno 2024 al numero 2 di Piazza della Repubblica, non troppo lontano dalla prima sede. E, novità assoluta, accetterà le prenotazioni.

Ciro Salvo di 50 Kalò

50 Kalò: la seconda apertura di Ciro Salvo a Napoli

50 Kalò fa dunque il bis e inserisce il sistema di prenotazione, che si spera andrà a risolvere almeno in questa sede la caratteristica della fila fuori dal locale. Non cambia dunque l’approccio, la proposta gastronomica, la qualità dei suoi prodotti, ma a modificarsi sarà proprio l’accoglienza. Si trova non molto distante dal primo locale, tra Piazza della Repubblica e Viale Gramsci, di fronte al Consolato americano e all’interno di un palazzo dei primi del ‘900. Sarà un luogo più intimo, solo con 70 coperti, a fronte dei 120 del suo fratello maggiore. Gli interni sono realizzati in collaborazione con l’architetto Maurizio Vesce: marmo bianco, dettagli oro, e maioliche rosse che disegnano il contorno del forno. Quello che si vuole ottenere con la nuova apertura è dare un servizio migliore, su misura, più attento ai dettagli a partire dagli ambienti stessi.

La sala del nuovo locale di Ciro Salvo

Le pizze di Ciro Salvo da 50 Kalo: stessa proposta e qualità

A fronte di un ambiente e servizio migliorato, la proposta di pizze del nuovo 50 Kalò segue l’evoluzione creativa del suo pizzaiolo, Ciro Salvo. Quindi pizze napoletane contemporanee, capaci di valorizzare il territorio campano e italiano, grazie alla scelta di ingredienti d’alta fascia. Dalla mozzarella di bufala campana DOP ai formaggi tipici campani come il Provolone del Monaco e il Pecorino Bagnolese. I pomodori biologici invece arrivano da una selezione esclusiva realizzata in collaborazione con Casa Marrazzo, dal 1934 azienda agricola a San Marzano dedita alla produzione di questo frutto locale. Grande attenzione anche all’olio: da 50 Kalò vengono utilizzati diverse varietà di olio extra vergine d’oliva provenienti da realtà locali pluripremiate, come quello di Idra Fattoria Ambrosio, Itran’s Madonna dell’Olivo o di Irpinia Fam.

La margherita di Ciro Salvo

La carta pizze della nuova 50 Kalò propone i grandi classici di Ciro Salvo: la celebre margherita con San Marzano e basilico (6,5€), la pizza e patate (9,5€), passando per la marinara 50 Kalò (5€) e le pizze vegetali. Infatti Salvo negli anni ha sviluppato un menu parallelo tutto dedicato agli ortaggi: l’ortolana (9,5€), la marinara con scarola e capperi di Salina (9€), la pizza e cavolo con peperoncino di Michele Ferrante, produttore cilentano. Ci sarà anche una rinnovata carta vini, con etichette locali e una selezione di Champagne.

Una delle pizze vegetali di Ciro Salvo

La storia di 50 Kalò e del suo pizzaiolo Ciro Salvo

Ciro Salvo è considerato uno dei maestri dell’impasto italiano. Lo testimoniano anche i numerosi premi che negli anni sono arrivati. Da quando ha aperto insieme al suo socio, Alessandro Guglielmini, nel 2014 ha ricevuto un apprezzamento di critica e pubblico indiscusso. Ciro Salvo è la terza generazione di un’antica famiglia di pizzaioli: infatti oltre a lui l'eredità e raccolta anche dai fretalli Francesco e Salvatore Salvo, noti per la pizzeria Fratelli Salvo con sedi a Napoli e a San Giorgio a Cremano. Noto è il lavoro che fa sugli impasti, super idratati e digeribili, che studia senza sosta da almeno 25 anni. Da 10 anni gestisce la sua pizzeria 50 Kalò, nome che evoca la cabala napoletana - dove 50 è il numero del pane - mentre kalò in gergo non scritto dei pizzaioli vuol dire buono, espressione dialettale coniata dalla parola greca kalos. Oltre alla pizzeria a Napoli, ormai da 10 anni, Salvo possiede anche un locale a Roma Via Flavia 3b, e uno a Londra vicino Trafalgare Square. E ora la prossima apertura vicino al Consolato americano.

CiboToday è anche su Whatsapp, è sufficiente cliccare qui per iscriversi al canale ed essere sempre aggiornati

In Evidenza

Potrebbe interessarti

CiboToday è in caricamento