Ricevi la nostra Newsletter

L'unico modo per non perderti nulla sulle novità gastronomiche suggerite da Cibotoday. Ogni mattina nella tua e-mail.

rotate-mobile
Martedì, 25 Giugno 2024
Napoli

I migliori panettoni artigianali prodotti a Napoli per il Natale 2023

Classici e tradizionali oppure creativi e golosissimi: ecco la nostra lista per trovare il migliore panettone a Napoli e dintorni

Natale 2023 è alle porte e ogni pasticceria, forno e bottega artigianale di Napoli si appresta a festeggiare con il dolce tipico delle feste: il panettone. Anche qui infatti non manca una nutrita schiera di indirizzi di qualità dove poter acquistare il lievitato più famoso di Italia, senza ormai alcuna distinzione tra nord e sud. In questa lista vi aiutiamo a scegliere tra i migliori: tradizionali, innovativi e creativi, ecco il meglio della produzione artigianale napoletana in fatto di panettoni.

Giuseppe Iannotti - Luminist

Il panettone di Giuseppe Iannotti

Il primo panettone dello chef Giuseppe Iannotti e del suo ristorante Luminist, all’interno delle Gallerie d’Italia in via Toledo. Solo 400 pezzi da ordinare su prenotazione, in due versioni che sottolineano l’estro dello chef bistellato. Il tradizionale con burro francese d’Isigny, canditi, uvetta sultanina australiana, cedro e arancia di Sicilia e vaniglia di Tahiti; e la versione al cioccolato, dove il burro francese e la vaniglia restano la base, ma vengono abbinati al bergamotto candito e al cioccolato fondente Valrhona Tulakalum 75%. Ottimo regalo anche per la sua confezione: una scatola che attraverso colori, disegni, giochi e portafortuna, racconta di fiabe e scaramanzie napoletane. Costa 38€.

Diego Vitagliano

I panettoni di Diego Vitagliano

È cosa ormai nota che i pizzaioli sono grandi interpreti anche di questo tipo di lievitati. Ne è una prova il panettone di Diego Vitagliano, il maestro pizzaiolo napoletano (1° posto nella 50 Top Pizza Italia e World 2023; 3 Spicchi Gambero Rosso 2024) che presenta il suo grande lievitato delle feste firmato 10 Diego Vitagliano Pizzeria. Tre le varianti, tutte con lievito madre: classico, con uvetta australiana e arancia candita (1 kg, € 35); panettone triplo cioccolato, impasto bianco con cioccolato belga fondente, al latte e bianco (1 Kg, € 35); panettone al caffè, impasto bianco con caffè 100% arabica, cioccolato belga e al latte e cioccolato al caramello (1 kg, € 35).

Guantiera

Guantiera, il panettone

Il giovane pasticciere Antonio Cosatagliola firma i suoi primi panettoni per il Natale della recente apertura, Guantiera a Bacoli, la sua pasticceria a pochi kilometri da Napoli. Dal suo laboratorio arrivano sei tipi di panettoni diversi: il primo è classico con uvetta e canditi, ma c'è anche la versione con solo uvetta e senza canditi. Poi amarena, oppure impasto al cioccolato e chuncks al cioccolato fondente. Si conclude con frutti di bosco, oppure albicocca pellecchiella e cioccolato bianco. 

Cesto Bakery

Il panettone di Cesto  Bakery

Cesto Bakery è un panificio di Torre del Greco gestito dal mitico Catello Di Maio, panificatore alla terza generazione che nel 2015 ha aperto il suo laboratorio a pochi chilometri da Napoli. Negli anni si è ritagliato un posto d’onore nell’olimpo dell’arte bianca e anche a Natale non delude con la sua sfornata di panettoni. Quattro le versioni con lievito madre da provare: classico (33€), al pistacchio (33€), oppure orzo e cioccolato (33€) e il panettone vesuviano con un mix di rosmarino, albicocca e zafferano (33€).

Vincenzo Bellavia

Il panettone al pistacchio di Vincenzo Bellavia

A Fuorigrotta la pasticceria Vincenzo Bellavia è una garanzia per gli amanti dei dolci tradizionali e non solo. Aperta nel 1925 da Antonio Bellavia, siciliano di Palermo che si trasferì sotto il Vesuvio, questo laboratorio artigianale non delude nemmeno in fatto di panettoni. Tante le versioni tra cui scegliere, dai più tradizionali a quelli glassati e golosissimi. C’è il classico con canditi e uvetta (34€), anche in versione senza canditi (34€), oppure il panettone pere e cioccolato (34€). Tra i più creativi: il panettone ai frutti di bosco (35€), con glassa al caffè (35€), al cioccolato (35€) e al pistacchio (35€).

Mascolo

Il panettone di Mascolo-2

La Pasticceria Mascolo si trova a Visciano, il comune più orientale della Città Metropolitana di Napoli, ed è una delle pasticcerie più note della zona. Premiati nel 2023 come migliore panettone artigianale al cioccolato, al Campionato Mondiale del panettone, Mascolo è una garanzia se si vuole un panettone a regola d’arte e con ingredienti eccellenti. Oltre al tradizionale con uvetta e canditi (34€), da provare le sue varianti al cioccolato: quello con arance e cioccolato al latte (35€) o al latte (35€). In onore alla tradizione napoletana dell’espresso da provare la sua versione con caffè (32€).

Tucillo Bakery

Tuccillo Bakery, il panettone Grace

A Marigliano, vicino Napoli, si trova uno dei laboratori artigianali più famosi d’Italia: Tucillo Bakery del bakery chef Fabio Tuccillo, tra i finalisti del concorso internazionale Coppa del Mondo del Panettone, che si concluderà al Sigep di Rimini a gennaio 2024. Per questo Natale sono ben 10 i panettoni realizzati, tutti con ingredienti e materie prime di qualità. Grace, un panettone tutto al cioccolato (28€); Vesuviello con lavorazione a tre impasti farcito con albicocca Pellecchiella del Vesuvio e pasta di mandorla siciliana (28€); il panettone Red velvet e amarena, con impasto allo yogurt, amarena candita, cioccolato al lampone e crema pasticcera come farcitura, tra le novità di quest’anno (28€). Immancabile la versione classica per chi non rinuncia alla tradizione.

Sal De Riso

Il panettone al Limoncello di Sal De Riso

Tra i pasticceri più famosi d’Italia non può mancare Sal De Riso, che è riuscito a costruire un impero a partire dalla sua amata Costiera Amalfitana. E proprio attraverso il racconto dei prodotti più tipici della sua terra che il maestro anche quest’anno firma la sua linea di panettoni artigianali. Tante versioni, dalle più classiche alle più creative e golose: ricordiamo quella al limoncello (42€), il panettone cilentano con burro di bufala, fichi bianchi, noci e finocchietto selvatico (45€), oppure lo Stregato Farcito con crema al liquore Strega Alberti e gocce di fragole candite (42€). Senza dimenticare i panettoni al cioccolato, classico, ricotta e pere o sottobosco (42€).

Pasticceria Salvatore Varriale

Pasticcere dell’anno 2023/2024, Salvatore Varriale è uno dei migliori interpreti in tema di pasticceria tradizionale e creativa. Il suo laboratorio artigianale si trova nel centro di Napoli, ed è guidato dal maestro che fa anche parte dell’Accademia Maestri Pasticceri Italiani, dal 1987. Oltre al panettone tradizionale (da 500gr 18€, 1kg 36€), anche versioni più ricche come quello farcito al limoncello (40€), ai frutti di bosco (38€), e il mandorlato (38€).

Pasticceria Mignone

Il panettone di Pasticceria Mignone

Prodotti artigianali e genuini per questa pasticceria di quartiere che si trova a pochi passi dal Museo Nazionale di Napoli. Dietro troverete Ugo Mignone che insieme al figlio Raffaele produce prodotti eccellenti per la colazione fino ai dolci tradizionali e quelli della domenica. Per Natale non manca il classico panettone: in versione tradizionale o variegato al cioccolato (34€).

Gay-Odin Fabbrica di cioccolato 1894

Panettone gocce di foresta di Gay-Odin

Gli artigiani dello storico opificio partenopeo, dal 1993 dichiarato Monumento Nazionale, sono in piena attività per la preparazione dei tradizionali dolci delle feste. Ingrediente protagonista di ogni ricetta è ovviamente il cioccolato e per il panettone 3 le varianti proposte. Il best seller è il panettone Foresta al latte o extra fondente, uno scrigno di cioccolato in sottili sfoglie di cacao piegate minuziosamente a mano (70€). Oppure il panettone fondente ricoperto da una golosa colata di cioccolato (40€), e infine il panettone gocce e crema Foresta impreziosito da piccole pepite e un cuore cremoso di cacao (40€). Ogni lievitato è racchiuso in una confezione regalo nelle tonalità oro e blu, ed è dotato di uno speciale Spotify Code: basta collegarsi alla piattaforma musicale per ascoltare gratuitamente il podcast “Il Viaggio del Dono” una fiaba dove il panettone della casa si racconta in prima persona.

Pasticceria De Vivo

Il panettone di De Vivo

Un storia lunga 60 anni quella della pasticceria De Vivo, già a partire dalla Seconda Guerra Mondiale. Nata negli anni '30 a Pompei prima come panificio dai nonni De Vivo fino ad arrivare ai giorni nostri. Oggi De Vivo è sinonimo di qualità assoluta, artisti nella pasticceria e maestri nella gestione dle lievito madre, tra i primi ad utilizzarlo non solo in Campania ma addirittura in Italia. Tantissime le declinazioni del panettone: pancassata in omaggio al dolce siciliano (45€), alle albicocce e mandorle (40€), panfichi e noci (40€), alla sacher (45€), classico milanese (40€) e anche in versione salata con la caponata (35€).

Pepe Mastro Dolciere

Il panettone di Pepe Mastro Dolciere

L'attività di Pepe Mastro Dolciere inizia negli anni '80 e ancora oggi è portata da Prisco e Giuseppe Pepe. Si trova a Sant'Egidio del Monte Albino in provincia di Salerno ed è la pasticceria dove andare senza esitazioni se si vuole un panettone a regola d'arte. Infatti come ogni anno Pepe Mastro Dolciere sforna il lievitato delle feste in diverse versioni: il classico (39€), quello con albicocche Pellecchielle del Vesuvio (40€), al pistacchio (48€), il mandorlato (39€), ai fichi bianchi (40€) e al caffè (25€).

CiboToday è anche su Whatsapp, è sufficiente cliccare qui per iscriversi al canale ed essere sempre aggiornati

In Evidenza

Potrebbe interessarti

CiboToday è in caricamento