Ricevi la nostra Newsletter

L'unico modo per non perderti nulla sulle novità gastronomiche suggerite da Cibotoday. Ogni mattina nella tua e-mail.

Domenica, 14 Luglio 2024
Roma

Un’acclamata trattoria di Roma apre una bottega con pane, conserve e ricette pronte

Leonardo Vignoli di Cesare al Casaletto ha inaugurato a Monteverde Da Cesare - Laboratorio, una gastronomia di quartiere con salumi, barattoli e pane fatto in casa. E i suoi piatti storici, che si possono ordinare per l’aperitivo o portare a casa

Questa non vuole essere per niente una tavola calda, ma un posto dove trovare i buoni prodotti che usiamo in cucina da sempre. E anche i nostri piatti”, spiega a CiboToday Leonardo Vignoli da dietro il bancone del nuovo  Da Cesare - Laboratorio. Ha aperto in sordina lo scorso giovedì 13 giugno 2024 a Roma a Monteverde, tra via dei Colli Portuensi e la sede della trattoria, con un format che conferma una bella tendenza. ‘Calare’ la cucina di livello — di grande materia prima ma senza complicazioni — nella dimensione della prossimità alla clientela, e dunque favorire una certa rinascita della ‘bottega di quartiere’. Ecco com’è e cosa si trova alla nuova gastronomia di Cesare al Casaletto.

La vetrina e i tavoli esterni della bottega di Cesare al Casaletto

Da Cesare al Casaletto, mitica trattoria romana rinnovata da Leonardo Vignoli

Originario di Monterotondo, Leonardo Vignoli ha imparato il mestiere all’estero, viaggiando, osservando e dandosi da fare tra ristoranti in Svizzera, Francia, Belgio. Nel 2009, di ritorno a Roma, con la moglie Maria Pia si propone di prendere in gestione un posto già mitico: Da Cesare al Casaletto. Una trattoria attiva dagli Anni Cinquanta a Monteverde — che davvero, all’epoca, era pressoché ‘tutta campagna’ — avviata dai signori Anna e Vittorio col nome ‘Trattoria della Palma’. Loro figlio Cesare cresce tra tavoli, e quando le redini passano a lui, un ventennio più tardi, cambia anche il nome.

La Carbonara di Cesare al Casaletto

I Vignoli ci hanno tenuto a mantenerlo, così come alcuni classici delle origini del locale, che ancora si trovano in carta. La ricerca della materia prima però è curata con rigore da gastronomo, insieme alla tecnica che non stravolge ma un po’ ‘raffina’ i classici laziali. E poi c’è la cantina, ben ragionata. Lo scorso anno la famiglia ha acquisito ancora una pietra miliare della scena ristorativa della Capitale: Settimio in Via del Pellegrino, in centro, da allora ribattezzato Da Cesare al Pellegrino.

Leonardo Vignoli al bancone dei salumi della bottega di Cesare al Casaletto

Il nuovo Laboratorio gastronomico di Da Cesare

Dall’esperienza all’estero mi sono portato dietro l’idea dei traiteur”, raconta a CiboToday Vignoli, riferendosi a una figura particolare della gastronomia francese, a volte rosticciere e a volte macellaio, ma sempre in grado di proporre piatti confezionati con cura. Anche le competenze tecniche imparate nel corso della carriera gli sono tornate utili, “perché qui proponiamo alcuni dei nostri piatti storici già pronti e confezionati sotto vuoto”.

La vetrina con formaggi, salumi e ricette pronte della bottega di Cesare al Casaletto

Le preparazioni si possono comprare da consumare a casa — vedremo quali —, oppure ordinare per un aperitivo direttamente in bottega. “Sono anche in porzioni singole e si possono rigenerare al momento”, fa Vignoli. Nel locale di fianco ha infatti impiantato due laboratori: da una parte la cucina, dall’altra un reparto panificazione, sviluppato con l’aiuto dell’esperto consulente marchigiano Gregorio Di Agostini (lo stesso che ha affiancato CiboToday nel panel di degustazione dei panettoni).

Leonardo Vignoli con il pane e la pizza bianca della bottega di Cesare al Casaletto

Pane, vino e ricette già pronte di Da Cesare - Laboratorio: cosa c’è in bottega

Aperta dal mattino fino alle 22 — si fa pausa nel pomeriggio come negli alimentare di una volta — alla bottega di Cesare al Casaletto si trova quindi pane bianco e integrale, nel formato da 1 kg ‘di campagna’ (6-7€ al kg), nonché pizza bianca alla pala (“non la faremo farcita, ma solo così, semplice”). Sul bancone altre materie prime con cui Vignoli ha già dimestichezza, tra salumi Re Norcino e Real Group — culatta, crudo di Parma, lonza in cotenna, ‘patacotto’, salame e strolghino — oltre alla mortadella di Simona Scapin (l’ultima produttrice artigianale del comune di Bologna, l’abbiamo racontato qui). Ancora, Parmigiano Terre Alte, caciocavallo della Fattoria Lucciano e mozzarella biologica della Tuscia Viterbese.

Vini e conserve alla bottega di Cesare al Casaletto

A scaffale invece conserve e sottoli Madia, salsa di pomodoro pugliese Capobianco, legumi e olio di Pacina, in Toscana, “e non molto altro, perché non siamo una bottega di lusso”. Infine le vetrinette per birre artigianali Ritual e soprattutto “i vini di tanti amici”, anche da ordinare al calice per l’aperitivo. Che, appunto, si può fare con un ricco tagliere, oppure un assaggio di trippa alla romana, coda alla vaccinara, involtini, coratella, bollito e spezzatino: gli stessi che si servono in trattoria. Sono fritte espresse invece le polpette di bollito e i supplì, mentre tra poco, dal laboratorio a fianco, arriveranno anche i sughi in barattolo per condire la pasta a casa.

Da Cesare - Laboratorio

CiboToday è anche su Whatsapp, è sufficiente cliccare qui per iscriversi al canale ed essere sempre aggiornati

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

CiboToday è in caricamento