Ricevi la nostra Newsletter

L'unico modo per non perderti nulla sulle novità gastronomiche suggerite da Cibotoday. Ogni mattina nella tua e-mail.

rotate-mobile
Domenica, 25 Febbraio 2024
Roma

Dove comprare le frappe e le castagnole a Roma: i migliori indirizzi

Dalle frappe (a Roma si chiamano così) alle castagnole semplici o ripiene, fino a ciambelline e frittelle, ecco le migliori fritture del capoluogo

Quali sono le pasticcerie che fanno le migliori frappe e castagnole di Roma? Anche nella Capitale, come altrove, per Carnevale è d’obbligo friggere, e queste specialità ne sono la prova. Mentre in città le insegne affidabili in fatto di dolci non mancano, abbiamo selezionato le pasticcerie che eccellono in queste due tipologie, proponendole in versione semplice — dunque fritte e con un velo di zucchero — oppure in varianti un po’ più creative. Tra creme, glasse e qualche combinazione insolita, ecco i consigli su dove trovare quelle più buone.

Antico Forno Roscioli

Antico Forno Roscioli

Ha compiuto di recente 50 anni l’Antico Forno della famiglia Roscioli, nel cuore del Rione Regola dal 1972. Pizza rossa tra le migliori di Roma e un repertorio di dolci tradizionali che celebrano tutte le ricorrenze. Per Carnevale ci sono le classiche frappe fritte (costano 33€ al kilo), nonché castagnole in molte versioni: farcite di crema, al pistacchio, ma anche con ricotta e amarene e crema di nocciole.

Nero Vaniglia

Nero Vaniglia

Alla pasticceria di Giorgia Grillo a Garbatella in questo periodo non si devia dai classici. La pasticciera propone le frappe, rigorosamente fritte (costano 33€ al kilo), e poi vassoi di castagnole sempre fresche, preparate ogni mattina. In quante versioni? Super semplici ma “efficaci”, ovvero appena spolverate di zucchero oppure farcite di crema pasticciera. 

Pasticceria Walter Musco

Pasticceria Walter Musco

Il pasticciere Walter Musco ultimamente si trova a suo agio con la frittura; quella ben fatta. Abbiamo parlato dei suoi croissant croccanti e ora ci concentriamo sui dolci di Carnevale, che al banco di Largo Bompiani tornano sotto forma di frappe (costano 50€ al kilo) e castagnole tradizionali. Queste ultime si trovano anche di un bel colore rosso acceso, dopo essere state bagnate nell’alchermes fiorentino di Santa Maria Novella. In attesa di San Giuseppe, ci sono già anche i mini bigné con crema e ricotta.

Casa Manfredi 

Casa Manfredi

Anche nei locali di Giorgia Proia e Daniele Antonelli tra l’Aventino e Ostiense sono tradizionalisti: frappe e castagnole classiche (le prime costano 45€ al kilo), semplicemente fritte e senza farciture. Quest’anno si concentrano al massimo sulla tecnica di cottura, con un olio particolare che cuoce bene a temperature poco elevate.

Forno Monteforte 

Forno Monteforte

Sul lungo bancone del forno dei Monteforte la scelta è ampia. Le frappe di Carnevale, ad esempio, si trovano in versione classica (costano 32€ al kilo), ma anche glassate al cioccolato o rivestite con miele e cannella. Anche le castagnole arrivano in molti gusti: semplici, oppure bagnate al caffè e ancora all’alchermes. Come proposta extra, si trovano pure i mini bigné ripieni di crema, ricotta o cioccolato.

Pasticceria D’Antoni 

Pasticceria D?Antoni

Ci spostiamo a Centocelle per trovare i dolci fritti del Carnevale della famiglia D’Antoni. Qui le frappe sono sia fritte (35€ al kilo) che al forno. Le versioni sono sia classiche, che al miele con le codette, gli zuccherini carnevaleschi. Si aggiungono poi le castagnole, semplici o ripiene di crema chantilly o ricotta e cacao. Infine si fanno anche fritole, le frittelle veneziane (ve ne abbiamo parlato qui e questo è un video per fare la ricetta) solo nei giorni clou, che vanno dal giovedì al martedì grasso. 

Panificio Marè Prati 

Panificio Mare? Prati

Le frappe carnevalesche sono esclusivo appannaggio di papà Fabio, che da Panificio Marè a Prati sforna la sua versione sottilissima e amatissima (costano 48€ al kilo). Alle frappe si aggiungono anche le castagnole, sempre fritte. 

Grué 

Grue?

Nel laboratorio di pasticceria di Viale Regina Margherita, non possono mancare i dolci fritti di Carnevale. Qui si possono assaggiare diversi tipi di frittelle, con ripieni golosi: sono sia semplici che alla crema, al pistacchio, al cioccolato e allo zabaione. Poi ci sono le frappe classiche (costano 55€ al kilo) oppure al cioccolato, ma si vendono anche al pezzo. Completano il cerchio le ciambelline ripiene. 

Pasticceria Dolcemascolo

Le castagnole di Dolcemascolo ph. Gaia Mariani

Nell’insegna della famiglia Dolcemascolo aperta da qualche mese a Via Giuseppe Mazzini sin dalla Cociaria, non possono di certo mancare i dolci fritti. In primis le frappe classiche (39€ al kilo) e le castagnole tradizionali. Da accompagnare con il resto della proposta di dolci in città.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

CiboToday è in caricamento