Ricevi la nostra Newsletter

L'unico modo per non perderti nulla sulle novità gastronomiche suggerite da Cibotoday. Ogni mattina nella tua e-mail.

rotate-mobile
Sabato, 18 Maggio 2024
Roma

Compie 100 anni la trattoria che fa i carciofi alla giudia più famosi di Roma

Aperto nel 1923 a due passi dal Portico d’Ottavia, Giggetto ha conquistato generazioni di romani e turisti con i suoi fritti. Che sono finiti anche sul Financial Times

Cento candeline che più che su una torta sarebbero perfette su un gigantesco mazzo di carciofi. Compie un secolo, infatti, la trattoria Giggetto, aperta dal 1923 nel centro storico di Roma, da dove ha conquistato, coi suoi fritti alla giudia, generazioni di Romani. Si è installata a pochi passi dal Portico d’Ottavia in tempi in cui il ghetto non era ancora zona per turisti ma per il popolo, e poi non si è più mossa: dieci decadi di carriera che vale la pena festeggiare con una cerimonia in programma lunedì 23 ottobre 2023, con tanto di masterclass sul “fritto perfetto” e stornellatori.

L'ingresso di Giggetto accanto al Portico d'Ottavia

Un secolo di storia di Giggetto al Portico d’Ottavia

Sembra messa apposta, l’insegna dell’osteria, di fianco alle vestigia del monumento dedicato alla sorella dell’imperatore Augusto, per segnalare che tra una visita alle rovine e una passeggiata al ghetto è una buona idea fermarsi per un pranzo sostanzioso. Qui il Signor Luigi Ceccarelli (alias Giggetto) acquistò una vecchia osteria a cavallo tra le due guerre, insieme alla moglie Ines.

La famiglia Ceccarelli di Giggetto al Portico d'Ottavia

In quegli anni la comunità locale era molto forte e molto unita”, racconta Marco Ceccarelli, suo nipote, “e, per non essendo mio nonno di religione ebraica, fu subito ben accolto”. Tra i primi clienti c’erano i “fagottari”, lavoratori affamati che si portavano il cibo da casa e passavano da lui soltanto per un bicchiere, “perché da subito, a differenza di altri, offriva il vino buono”. Mentre il signor Giggetto veniva dalla Ciociaria, ed era un grande appassionato di vino, la moglie si occupava dei fornelli: “Hanno unito le loro forze e le loro capacità e si sono dedicati ai piatti tradizionali e alla cucina ebraico-romana. Così continuiamo a fare anche noi”. 

Giggetto, foto storiche

I famosi carciofi alla giudia di Giggetto, finiti sul Financial Times

Tra i migliori di Roma — stando anche al Financial Times, che li ha messi in cima al suo podio — ai carciofi alla giudia va una certa responsabilità nel consolidamento del percorso della trattoria. Un must per residenti e viaggiatori, da Giggetto se ne friggono anche 300 pezzi al giorno, secondo stagione.

I carciofi di Giggetto all'ingresso del locale

Cosa sono esattamente i carciofi alla giudia e come mai si chiamano così? Utile, per i non romani, ricordare che si tratta di un piatto nato in questo ghetto, istituito nel 1555 e uno dei più antichi al mondo. Il fiore del carciofo viene pulito con cura e alleggerito di almeno la metà delle foglie esterne, cotto in olio a temperatura media per 20 minuti, in modo da ammorbidire il centro, e poi di nuovo in olio caldissimo per qualche minuto, appena prima di servirlo. Le foglie (o meglio i petali) si aprono così a corolla, arricciandosi e guadagnando croccantezza. Un pizzico di sale completa una pietanza che, con buona probabilità, è legata alla tradizione di preparare cibi fritti per le celebrazioni ebraiche di Hanukkah, che cade d’inverno.

Il carciofo alla giudia di Giggetto

Cosa c’è oggi sul menu di Giggetto

Duecento coperti e altri 120 all’esterno, che la famiglia Ceccarelli, oggi alla terza generazione con Marco e Claudio, sorveglia in prima persona sette giorni su sette, insieme ad alcuni camerieri con cinquant’anni di carriera. “La nostra forza è quella di essere sempre presenti; non siamo di quei ristoratori che non ci sono mai”, puntualizza Claudio, “come mi ha insegnato mio padre, siamo maniacali nella cura del locale; compriamo prodotti di qualità, che significa fare il 50% del lavoro, e cerchiamo di cucinarli al meglio”.

L'amatriciana di Giggetto

Il menu, ovviamente, non ammette deroghe alla tradizione, che tuttavia è aggiornata perlomeno nella scelta degli ingredienti, come baccalà islandese per i filetti e guanciale da piccoli produttori della Valnerina per i classici primi. Che sono gli spaghetti alla carbonara (16€) o cacio e pepe, i bucatini all’amatriciana (16€) e i cannelloni ripieni (20€). Sempre disponibile una zuppa di verdure come quelle di casa, poi trippa (20€), coda alla vaccinara (22€), abbacchio e animelle (20,18€). Sì, ma i carciofi alla giudia? Non si muovono dalla carta, così come il filetto di baccalà (7€).

Tavolini con vista sul Portico d'Ottavia di Giggetto

Giggetto

CiboToday è anche su Whatsapp, è sufficiente cliccare qui per iscriversi al canale ed essere sempre aggiornati

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

CiboToday è in caricamento