Ricevi la nostra Newsletter

L'unico modo per non perderti nulla sulle novità gastronomiche suggerite da Cibotoday. Ogni mattina nella tua e-mail.

rotate-mobile
Sabato, 22 Giugno 2024
Roma

I migliori ristoranti dove mangiare bene nel quartiere Eur a Roma

Ristorantini di pesce e pizzerie per tutti i gusti, gelaterie e street food, ma anche cocktail bar e sale da tè. Itinerario in uno dei quartieri gastronomicamente più sottovalutati della Capitale

Quali sono i migliori posti per mangiare bene all’Eur a Roma? Nel quartiere sorto a fine Anni Trenta a Sud della Capitale, tra imponenti architetture razionaliste e vie a grande scorrimento verso il mare, sono più quelli che ci lavorano che coloro che arrivano per pranzo e cena, preferendo magari restare in zone centrali oppure più 'gastronomicamente' rinomate, come Testaccio e Trastevere.

Peccato, però, perché di locali interessanti — come dimostra la nostra mappa — ce n’è più di uno. Abbiamo quindi messo insieme una selezione di consigli per pause pranzo di ottimo livello, segnalando anche tavole che varrebbero da sole un viaggetto, magari tra una visita a qualche museo e una passeggiata sotto al Colosseo Quadrato. Troverete ristorantini di pesce, street food, hamburgerie e gelaterie, ma anche nuove bakery, sale da tè, cocktail bar e un’insospettabile densità di ottime pizzerie.

ALT Stazione del Gusto - Roma Eur
Arthè
Héco - Eur
L'Antica Pizzeria Da Michele - Roma Eur
Lievito Pizza Pane
Lievito Francesco Arnesano
Livello 1
L'Oste e la Civetta
Panì Genuine Food
Pizza Gegè - Eur
Teddy's Lab
TAC Thin and Crunchy
Torcè
Street Food

ALT Stazione del Gusto - Roma Eur

È partito qui nell’estate del 2023 l’ambizioso progetto di franchising a livello nazionale che vede impegnati lo chef tristellato Niko Romito e Enilive, società del colosso dell’energia Eni che trasforma la mobilità del futuro e i servizi associati. Si è poi aggiunto, qualche mese dopo, il ristorante aperto in una vera e propria stazione di servizio a Ostia, senza dimenticare che i primi due esempi sono quelli di Castel di Sangro e Montesilvano, in Abruzzo (immaginati, però, già qualche anno fa dal solo chef). Anche quello dell’Eur è un locale aperto tutto il giorno, dalla colazione con dolci e lievitati alla pausa pranzo, oppure merenda e cena, col “repertorio Romito”: pollo fritto (28€, da condividere), bombe (7€), zuppe (10-12€), polpette (12€), toast, panini, chips e gelato (3,50-4€).


ALT Staizone del Gusto Niko Romito
 

Altro

Arthè

Una sala da tè dal gusto molto british, pur nel quartiere più ‘modernista’ di Roma. Arthè nasce come un salotto intimo e familiare, dove accomodarsi per una tazza e una selezione di dolci fatti in casa, in mezzo alle opere d’arte e artigianato che tappezzano le pareti. C’è anche un pittoresco giardino allestito con tavoli in ferro, dove accomodarsi in primavera sotto ai glicini fioriti. Le selezioni sono pregiate: tè bianchi, gialli, verdi e neri, poi infusi di molteplici essenze, serviti con le giuste modalità. D’inverno c’è anche la cioccolata in tazza con panna, da accompagnare a biscotteria e torte sempre differenti.


Arthè

Ristorante

Héco - Eur

Héco è un cocktail bar, ristorante e pizzeria con due sedi a Roma: una a Trastevere e una — appunto — in Viale dell’Arte all’Eur. Anche se piuttosto variegata, l’offerta è sempre di buon livello, contestualizzata in un locale moderno dallo spirito urban che conta anche su uno spazio all’aperto. Dalla cucina arrivano proposte cosmopolite, tra bao alla romana con coda alla vaccinara (11€), gnocchetti alla norma di polpo (17€) e carrè di agnello con salsa di mirtilli (20€). Per quanto riguarda le pizze, si tratta di quelle ‘contemporanee’ dal cornicione pronunciato, declinate dalla semplice marinara (9€) alla ricca Purple Rain, con fiordilatte dei Monti Lattari, porchetta e verza viola marinata con aceto di lamponi (15€). Da bere birre artigianali, cocktail signature e una selezione interessante di distillati.


Héco — Eur

Pizzeria

L'Antica Pizzeria Da Michele - Roma Eur

Dalla prima sede napoletana aperta nel 1870 dal signor Michele, la famiglia Condurro è diventata emblema della tradizione gastronomica napoletana. Non solo in Italia, ma in tutto il mondo, con un gruppo di oltre 40 insegne sparse un po’ ovunque (noi, ad esempio, abbiamo provato quella di Tokyo). Nel 2021 ne ha aperta una anche nel quartiere Eur di Roma, dove il repertorio non tradisce i classici: dagli antipasti di nodini fritti con pomodoro campano e stracciatella di bufala all’immancabile pizza Cosacca, con pomodoro, basilico e pecorino Dop.


L’Antica Pizzeria Da Michele — Roma Eur

Pasticceria-Panificio

Lievito Pizza Pane

Il lievitista Francesco Arnesano ha imparato le basi della pizza in teglia dal maestro Gabriele Bonci, poi si è messo in proprio in questo piccolo locale di Viale Europa. Qui sforna alcune delle pizze al taglio più apprezzate della Capitale, in versioni classiche e anche con interessanti condimenti cucinati; oppure salumi e formaggi di alta qualità. Si trovano anche pane da farine artigianali e fritti di livello gastronomico, come la crocchetta di patate cacio e pepe o la frittatina di pasta alla carbonara.


Lievito Pizza Pane-2

Pizzeria

Lievito Francesco Arnesano

Nel 2023 Arnesano ha raddoppiato con un locale in Via Simone Martini, zona Serafico, più ampio come estensione e anche come proposta al banco. Si parte con la colazione del mattino con la linea di caffetteria, croissant e sfoglie pure in versione salata, passando al pranzo e all’aperitivo. Divertente il maritozzo cubico (omaggio al vicino Colosseo Quadrato), servito con panna o crema pasticciera. 


Lievito Francesco Arnesano

Ristorante

Livello 1

Il ristorante di Emilia Branciani e Claudio Montingelli è tra quelli da tenere presente per un’ottima cucina di pesce. A disposizione c’è anche un bancone con pescato fresco da portare a casa — la chiamano ‘pescatoria’— nonché una sala luminosa arredata nei toni del bianco, per un’atmosfera un po’ marinara anche in città. Inoltre, d’estate c’è una veranda all’aperto dove fare una sosta per un aperitivo con calici e tapas di mare. I percorsi degustazione immaginati da chef Mirko Di Mattia sono tre, vanno dai 50 ai 90€ e propongono piatti come il risotto alla crema di gamberi bianchi di Anzio e limone bruciato, ombrina all’acqua pazza oppure catalana di astice, da scegliere anche sul tradizionale menu alla carta.


Livello 1-3
 

Ristorante

L'Oste e la Civetta

L’Oste e la Civetta è un ristorantino informale ma accogliente e curato, aperto tutti i giorni a pranzo e cena. Lo chef Carlo Corbò, affiancato da un ‘griglista’ argentino, punta forte sulla cottura alla griglia su pietra lavica, soprattutto per quanto riguarda le carni. Angus americano, scozzese e irlandese, Fassona, Chianina e varietà di pescato pregiato, come il granchio King Crab, sono protagonisti di piatti che comprendono varie proposte. Dalle tortine di granchio reale (24€) al tagliere di salumi e formaggi pregiati, italiani e non (24€); poi tagliatelle al germano reale (26€), polpo alla gallega (28€) e filetto al miele e noci (26€), per finire con gelato e babà (8-10€).


L'Oste e la Civetta
 

Street Food

Panì Genuine Food

Per chi all’ora di pranzo ha voglia di street food, una buona opzione è Panì. Un piccolo ristorante che propone hamburger e insalatone, ma anche taglieri assortiti, fritti, secondi di carne e proposte estemporanee. Si può optare per un panino con baguette, farcito sia con carne che con pesce, oppure entrambi: invitante ad esempio il Saigon, con salmone, prosciutto cotto di Praga e salsa Worchestershire (6,50€). Tra i panini ‘all’americana’ segnaliamo invece quello con pulled pork cotto a base temperatura, cheddar, cipolla croccante, verza e salsa bbq (14€). Si può ordinare per l’asporto oppure mangiare in loco, anche all’aperto.


Panì Genuine Food

Pizzeria

Pizza Gegè - Eur

Gegè è una piccola catena di pizzerie al taglio con sede e Via Cassia, Via Appia, Corso Francia e infine all’Eur. Tutto parte nel ’97 per iniziativa di tre fondatori, che poco a poco hanno investito sulla ricerca delle materie prime e un modo più contemporaneo di intendere la pizza. Impasti a lunga lievitazione, quindi, e materie prime ben selezionate per le farciture, disposte con abbinamenti tradizionali o qualche proposta più insolita. La loro pizza è piuttosto alta, croccante e ariosa, e soprattutto ben digeribile.


Pizza Gegè — Eur

Street Food

Teddy's Lab

I panini di Teddy’s si riconoscono per il timbro ‘a fuoco’ dell’orsetto, impresso direttamente sul panino. Oltre alla sede all’Eur Torrino, c’è quella al quartiere Trieste e anche a Trastevere; tutte hanno come protagonista lo smash burger, che Teddy’s è stato tra i primi a portare nella Capitale. Patty di manzo ben schiacciato sulla piastra e quindi un po’ più rosolato e coi bordi ‘croccanti’, servito nel Say Cheese con doppio Cheddar, bacon croccante e salsa della casa (12€), oppure cipolla bianca ‘smashata’ e mayo al chipotle nel Machu Picchu (13€). Si può anche cominciare con bao al pollo croccante e salsa teriyaki (7€), crocchette di bacon con maionese al tartufo (6€) e bombette panate ripiene di pulled pork (6€).


Teddy’s Lab Eur
 

Pizzeria

TAC Thin and Crunchy

Un po’ più a sud dell’Eur, ovvero a Mostacciano (vale comunque la pena citarlo, per chi si trova in zona), a fine febbraio 2024 ha aperto un posto nuovo, dedicato alla pizza romana contemporanea. L’iniziativa è di Pier Daniele Seu, uno dei migliori pizzaioli della Capitale, già di successo con Seu Pizza Illuminati in zona Portuense che si è messo alla prova in una zona più periferica. E con la tonda, appunto, sottile e croccante, ‘thin and crunchy’. Un locale ampio, da molti coperti, tutto carte da parati colorate e colori fluo, dove scegliere tra fritti insoliti — tipo il SEUsar salad, con petto di pollo, pancetta affumicata, salsa ‘Seusar’, Parmigiano e lattuga (6€) — pizze classiche, o opzioni creative. Come quella condita con hummus di ceci e tahina, mortadella, primosale, crumble di ceci soffiati e foglie di senape (14,5€). È sempre disponibile almeno un’opzione del tutto vegana.


Tac Thin and Crunchy

Gelateria

Torcè

Si può assaggiare in quattro punti vendita in giro per Roma, il gelato di Claudio Torcè, uno dei quali a Viale dell’Aeronautica. Dalla capacità di uno dei primi innovatori di questo prodotto a Roma arriva un assortimento notevole di gusti al cioccolato — da materie prime selezionate in giro per il mondo — nonché diverse proposte gastronomiche a base non solo dolce. Attenzione alta per gli aspetti nutrizionali, con fruttosio al posto dello zucchero bianco, latte e panna ad alta digeribilità, e coni privi di glutine e lattosio. Coni e coppette da 3 a 6€, vaschette a 29€ al kg.


Torcè Eur

CiboToday è anche su Whatsapp, è sufficiente cliccare qui per iscriversi al canale ed essere sempre aggiornati

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

CiboToday è in caricamento