Ricevi la nostra Newsletter

L'unico modo per non perderti nulla sulle novità gastronomiche suggerite da Cibotoday. Ogni mattina nella tua e-mail.

rotate-mobile
Venerdì, 23 Febbraio 2024
Roma

La cuoca messicana che apre a Roma una taqueria di qualità con cocktail

Taco Libre ha aperto a novembre a Roma in zona Prati. Dietro il menu, una chef messicana doc che ha infuso colori e sapori delle sue origini in un menu anche da fast food

Si chiama Lina Jimenez, è nata a Città del Messico e fa la chef. A lei è stata affidata la proposta gastronomica di Taco Libre, indirizzo aperto il 25 novembre 2023 nel quartiere Prati (segnalato tra le nostre nuove aperture), precisamente a Via Tacito 14. Una sorta di piccolo fast food dove mangiare piatti della gastronomia messicana preparati nella cucina a vista di fronte. Il cavallo di battaglia? Il taco al pastor. Ma andiamo per gradi.

Un nuovo locale di cucina messicana

Il locale, Taco Libre, è stato voluto da Davide Luchetti, proprietario di frame by frame, società di post-produzione ed effetti visivi con una delle sue sedi proprio vicino al locale. Luchetti, appassionato di cucina messicana, sceglie chef Jimenez, già creatrice della taqueria El Jalapeno, aperta nel 2019 nel mercato Irnerio sempre a Roma, per modulare il menu del nuovo locale, che punta forte su piatti della cucina messicana e sui cocktail, ingredienti freschi, salse preparate in casa. “Non è come aprire un barattolo o una busta e servirlo ai clienti” ci racconta la chef. Non a caso la proposta romana di cucina messicana è piuttosto deludente, salvo alcune eccezioni.  

I tacos di Taco Libre ph. Giovanna Di Lisciandro

I tacos e il cavallo di battaglia: il taco al pastor

Da queste premesse, è uscito fuori un indirizzo che richiama un po’ il Messico (ma anche un po’ New York e le grandi capitali della cucina internazionale), con 20 posti a sedere interni, tra sgabelli alti e un tavolo sociale al centro, e altrettanti esterni, nonché un bancone, da dove arrivano i cocktail. La cucina, completamente a vista, è specializzata soprattutto in tacos e salse. La carta ne comprende 7 (tra i 2,90 e 3,50€), con diversi tipi di ingredienti e un cavallo di battaglia: il taco al pastor, con le fette di carne tagliate direttamente da uno spiedo. La carne di maiale è molto morbida: prima viene marinata poi impilata su uno spiedino e cotta con un girarrosto verticale condita con ananas, cipolla e coriandolo freschi e una spruzzata di lime.

L'interno del locale Taco Libre ph. Giovanna Di Lisciandro

Burritos, platos libre e quesadillas

Ai tacos poi si aggiungono burritos, platos libre, quesadillas e totopos, piatti della cucina messicana mischiati poi anche con altre gastronomie nel mondo, attribuiti anche alla cucina tex-mex (anche se qui di riso, cheddar, bacon non c’è traccia), ma come ci spiega la chef, sono realizzati come si trovano in Messico, con ingredienti messicani. Grande importanza è assegnata alle salse fatte tutte in casa, ma c’è anche uno spazio riservato a farciture vegane tra cui un taco con chorizo vegano, ceci e patate speziate cotte al forno. Non possono mancare invece i drink, tra cui birre e soft drink in salsa messicana (come la bibita al lime e al tamarindo) e una carta di 10 cocktail in pieno stile Messico (tra i 9 e i 10€) tra twist sui classici, margarita, tequila e agave.

Alcuni piatti da Taco Libre ph. Giovanna Di Lisciandro

La cucina messicana di qualità

Qui portiamo uno street-food ma di qualità” spiega Jimenez “c’è una cura del prodotto in più. Siamo riusciti a far arrivare molti ingredienti direttamente dal Messico, come per esempio la soda che serve per preparare il nostro paloma. Acquistiamo la tortilla fatta con il mais italiano, ma vorremmo arrivare a portare le tortillas del Messico. Per le carni usiamo quelle italiane di alta qualità con prezzi accessibili, con l’idea che tutti quanti possano conoscere questa cucina e farla diventare una scelta quotidiana, quasi come mangiarsi una pizza”. Come dicevamo la proposta potrebbe crescere a Roma, ma sopravvivono molti pregiudizi. “Deve essere una cucina non pesante, non piena d’olio. Quello che vorremmo fare è portare la ricchezza della cucina messicana, che è infinita. Questo è solo il primo menu, quello con cui siamo partiti. Inseriremo altri piatti e continueremo a fare ricerca”. Aperto sia a pranzo che a cena, anche in delivery e da asporto.

Taco Libre
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

CiboToday è in caricamento