Ricevi la nostra Newsletter

L'unico modo per non perderti nulla sulle novità gastronomiche suggerite da Cibotoday. Ogni mattina nella tua e-mail.

rotate-mobile
Martedì, 27 Febbraio 2024
Roma

A Roma c’è un’agenzia immobiliare con dentro ristorante e cocktail bar

Nel quartiere Pigneto un nuovo locale che si ispira ai Fori Romani dove si combinava business e convivialità. Si chiama The Forum e nasce da Quadrifoglio Immobiliare, un’agenzia che è anche un coworking e un bistrot

Non c’è affare ben riuscito che non abbia il suo sigillo con un pranzo — o almeno un brindisi — condiviso. Così come qualsiasi trattativa non può prescindere dall’incontro, magari a tavola. Ci credevano anche nell’Antica Roma, coi i grandi fori che immaginiamo affollati di persone a caccia di affari da chiudere a stomaco pieno. E ne sono convinti i fondatori di The Forum, nuovo ristorante e cocktail bar nel quartiere Pigneto di Roma, che però, in realtà, è anche spazio coworking e agenzia immobiliare.

Assaggi e drink per l'aperitivo di The Forum

Quadrifoglio Immobiliare, agenti immobiliari con la passione per la tavola

Antonio Proietti è l’agente che nel 1992 ha fondato l’agenzia Quadrifoglio Immobiliare,tra i primi a scommettere sulla riqualificazione del Pigneto, che è la nostra zona”. Appassionato di compravendite e locazioni, certo, ma anche di accoglienza, con l’idea — “già da alcuni anni” — di fondere il suo ufficio con un vero e proprio bar, dove chiudere accordi nell’agio di un clima conviviale. Oggi con a lui lavorano il figlio Gabriele Proietti e Francesco Croce, amministratore unico di Quadrifoglio, che hanno voluto ampliare e ammodernare la visione iniziale.

Antonio Proietti, fondatore di Quadrifoglio Immobiliare, e suo figlio Gabriele Proietti

Per farlo hanno scelto il Pigneto, quartiere dinamico conteso tra rovine di acquedotti e gentrificazione, dove è stato appena aperto un locale polivalente per fare le cose “come una volta”. Nel costruire The Forum, infatti, hanno ricordato la figura del sensale, colui che serviva da mediatore per affari e contratti e che — chissà — per comporre le questioni poteva anche ricorrere alla gastronomia.

Il nuovo locale con coworking The Forum al Pigneto

Il nostro obiettivo è quello di eliminare gli stereotipi legati a questa professione, ad esempio della solita ‘divisa’ di giacca e cravatta”, spiega Gabriele Proietti a CiboToday, “e abbiamo dato vita a un bistrot con coworking nel quale clienti, residenti e appassionati di cibo e vino possano vivere un’atmosfera accogliente e rilassante, uno spazio che all’occorrenza permette anche di finalizzare opportunità professionali”.

La sala, che è anche spazio di lavoro, di The Forum

Il locale in Piazza del Pigneto, “cha ha preso il posto di un ferramenta, che abbiamo allargato”, sarà quindi aperto da mattina a tarda sera, con uno spazio esterno, climatizzato, da 100 coperti, e una sala interna da altri 50. Ci si potrà venire per trascorrere tempo di lavoro o studio col proprio pc su postazioni di ricarica, oppure per colazione, per pranzo, e per l’aperitivo. “La parte del coworking, non ce l’aspettavamo, è stata la prima a partire, con tante persone venute apposta da subito. In fondo al locale c’è una saletta che può essere affittata per eventi privati, e che di giorno usiamo per incontrare clienti e parlare di immobiliare”, ci spiega Proietti. Il progetto è stato seguito dall’architetto Giuseppe Maria Genco, che ha trovato il modo di combinare l’idea di uno spazio adatto al “business” ma anche alla gastronomia, con un pizzico di divertimento. Giocando coi materiali naturali dell’argilla, del legno e del ferro, a ricordare un po’ anche gli antichi Fori.

Un cocktail dalla drink list di The Forum

Il menu e i cocktail di The Forum

Prima di mettersi al lavoro si può pensare alla colazione, con la linea di caffetteria Passalacqua, poi tè, succhi e infusi da accompagnare a cornetti, muffin, pasticciotti nonché le specialità ciociare dell’Amaretto di Guarcino. Che sono crostatine, torte a fette e biscotteria (1 - 2,50€). Per la merenda ci sono ben 12 tipi di cioccolata in tazza (3,50€), mentre per pranzo e cena proposte romane e non.

Ad esempio le pinse farcite (12€) all’amatriciana, con patate salsiccia e mozzarella, mortadella, bufala e pistacchio; o invece i mini bun della panetteria Forno Certosa con polpetta al sugo, oppure pastrami, cetriolini e pomodoro, maionese e cavolo, e ancora pancia di maiale e infine parmigiana (4€). Non mancano i fritti, tra nuggets di pollo e fiori di zucca (4€), e i taglieri assortiti (10-15€). Interessante il comparto beverage: mentre la carta dei vini è curata dal gruppo di distribuzione Mostovivo, i 4 cocktail premiscelati alla spina sono prodotti da Drink It, una garanzia in fatto di ready to drink. Non mancano i signature espressi e le birre artigianali.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

CiboToday è in caricamento