Ricevi la nostra Newsletter

L'unico modo per non perderti nulla sulle novità gastronomiche suggerite da Cibotoday. Ogni mattina nella tua e-mail.

rotate-mobile
Domenica, 19 Maggio 2024
Roma

Ex dj fa successo a Roma inventandosi lo street food che punta tutto sulle rosette

Si chiama Zia Rosetta ed è uno dei ristoranti più apprezzati negli ultimi anni dagli avventori che frequentano il Rione Monti. Ce lo racconta il suo creatore

È Alessandro Verderosa il fondatore di Zia Rosetta. Il locale, aperto nel 2012, capitò esattamente nel boom della ristorazione romana, quando si affacciavano eventi di ogni tipo e per la prima volta (o la seconda, la terza al massimo) si cominciava a dire ad alta voce la parola “format”. Ovvero il concetto, l’idea dietro l’apertura di un locale, che non fosse solo una trattoria o una nobile attività di famiglia passata di mano in mano.

Dal piccolo locale a un forno tutto suo: Zia Rosetta in espansione

Alessandro dietro il bancone del suo locale

E così Alessandro, che negli anni ha coinvolto anche nel percorso la compagna Caterina Ruggeri, ha cercato un localino nella Via Urbana di allora, una vera strada del food, nel Rione Monti, e ha aperto questo indirizzo che sfornava rosette in tutte le salse e in tutti i modi. Il pane? Non facile da trovare, visto che le rosette stanno progressivamente scomparendo, e infatti Alessadro ce lo racconta come uno dei nodi più critici da sciogliere del suo percorso, passato da Panetteria Romana, insegna storica del quartiere Trastevere, oggi chiusa, a un fornaio di Ostia, che fa rosette formato normale (80 grammi) ma anche in versione micro (20 grammi) appositamente per lui. “Ma sto cercando un locale più grande” ci racconta “vogliamo farci il pane da soli”. E dopo anni di rodaggio, il Covid superato, sembra che sia il momento giusto per una possibile espansione. 

Cosa si mangia da Zia Rosetta: ecco il menu

Due rosette di Zia Rosetta

Verderosa ha invece alle spalle un passato da dj, tanto che ci racconta di aver realizzato in questo piccolo angolo di Monti cose incredibili: “dj set internazionali di grandi professionisti, ma anche sfilate di moto e pin-up qui fuori” che facevano eventi collaterali ai concerti in città mentre dalla cucina uscivano rosette imbottite. Negli anni sono capitati anche molti eventi e banchetti, “un lavoro molto duro” ci viene raccontato, che rischia di mangiarsi tutto il resto. Oggi in menu troviamo una lista molto corposa di rosette con diverse farciture (tra i 2,50 e i 7,50€), che spaziano tra carne, pesce, verdure e formaggi, a cui si affiancano le special con i prodotti di stagione e la versione senza glutine. In questo momento ad esempio frittata, asparagi, robiola, pomodorini confit e menta, oppure uovo sodo, salsa tonnata, capperi e lattuga. A questo si aggiungono anche le insalate, presenti sin dall’inizio, e poi in itinere alcuni piatti, che sono solo i condimenti della rosetta senza pane. “Cosa è cambiato in questi 12 anni? Niente, probabilmente io” ci dice scherzando Alessandro, che intanto è diventato due volte padre.

La rosetta: il pane di Roma per una cucina pulita

Un angolo di Zia Rosetta a Roma con tutti i disegni delle rosette

Si mangia seduti su piccoli sgabelli, si può ordinare da bere sia alcolico che analcolico, oppure ricevere a casa le rosette con il servizio di consegne a domicilio. Curiosità: in menu troviamo anche le rosette dolci, come quella con il tiramisù con il pane bagnato nel caffè, la crema al mascarpone e i pezzi di cioccolato, una combinazione sicuramente inedita. E mentre Alessandro porta in giro la sua maglietta col motto “panino a chi?”, dedicato alla rosetta, ci spiega la sua idea di cucina: “pulita. Abbiamo preso il pane, un pane non pesante di suo che non ha mollica, e l’abbiamo farcito con ricette semplici, senza caricare troppo il gusto e, dove possibile, trovando ingredienti leggeri”.

Zia Rosetta

CiboToday è anche su Whatsapp, è sufficiente cliccare qui per iscriversi al canale ed essere sempre aggiornati

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ex dj fa successo a Roma inventandosi lo street food che punta tutto sulle rosette

CiboToday è in caricamento