Ricevi la nostra Newsletter

L'unico modo per non perderti nulla sulle novità gastronomiche suggerite da Cibotoday. Ogni mattina nella tua e-mail.

rotate-mobile
Mercoledì, 24 Aprile 2024
Torino

La prima fiera dedicata al vermouth sta per aprire a Torino

La prima edizione del Salone del Vermouth si svolgerà a Torina il 24 e il 25 febbraio al Museo Museo Nazionale del Risorgimento. Tra degustazioni, masterclass, incontri, cene e concorsi

Negli ultimi anni il vermouth sta vivendo una specie di seconda giovinezza, ma non ci scordiamo che questo vino aromatizzato nato nella capitale sabauda è uno degli alcolici italiani che ha anche una lunga storia alle spalle. Fu il distillatore Antonio Benedetto Carpano a inventarlo nel 1786, unendo Moscato di Canelli con botaniche e spezie in una bottega di Piazza delle Fiere (attuale Piazza Castello), prendendo spunto dai vini speziati di epoca greca e romana. Un’invenzione che fin da subito rivelò la sua genialità; infatti, la liquoreria in cui lavorava diventò subito la più frequentata del capoluogo.

Fu sempre lui a chiamarlo così, dal tedesco wermut, che sarebbe l’assenzio, cioè la pianta principale usate per questo vino. Questa nuova bevanda nei secoli successivi conquistò sempre più popolarità, grazie all'espansione del commercio e alla sua associazione con la cultura dell'aperitivo, diventando un ingrediente chiave in molti cocktail classici dal Martini al Negroni. Dopo oltre 2 secoli dalla sua creazione, il vermouth non è mai stato così voga come adesso e Torino è la città perfetta per celebrare questo antico vino, per questo nasce il Salone del Vermouth. Appuntamento per il 24 e 25 febbraio a Torino per la prima edizione.

Il Museo del Risorgimento di Torino

La prima edizione del Salone del Vermouth a Torino

Si tratta di una kermesse di due giorni ideata nell’ambito del progetto dedicato alla mixology di MT Magazine - in collaborazione con l’associazione di promozione sociale no profit Eat Bin e l’agenzia di organizzazione eventi To Be - con il patrocinio della Regione Piemonte e della Città di Torino. L’obiettivo? Fare cultura del vermouth. “Torino è la storia del vermouth e meritava, da tempo, un luogo in cui potersi esprimere a 360°, davanti ai torinesi e agli appassionati del tema” dichiara il direttore creativo del Salone del Vermouth Laura Carello. “Spero, vivamente, che questo Salone possa diventare uno degli appuntamenti della miscelazione italiana a cui non mancare”.

Annunciato il programma fitto di appuntamenti che si svolgeranno al Museo Nazionale del Risorgimento Italiano di Torino, all’interno di Palazzo Carignano, per scoprire le bottiglie di 21 produttori di vermouth, sia in purezza che in miscelazione. I partecipanti infatti, avranno l'opportunità di prendere parte a laboratori interattivi di miscelazione e degustazione, esplorando le diverse sfumature di questo particolare vino aromatizzato. Il Salone del Vermouth però, non sarà solo l’occasione per degustare, ma anche per conoscere la ricca storia di questo vino da vicino, attraverso incontri con esperti del settore per parlare di diversi temi: dalla nascita del rito dell’aperitivo ai vari tipi di vermouth, dall’utilizzo nella mixology ai possibili abbinamenti in cucina. E poi le immancabili storie di chi lo produce.

Una stampa vintage sul vermouth

Il programma del Salone del Vermouth a Torino (e del Fuori Salone)

Si parte il 19 febbraio con il Fuori Salone diffuso in tutta la città, che anticipa la due giorni prevista per il fine settimana, che si svolgerà in alcuni ristoranti della città dove si svolgeranno cene tematiche in abbinamento alle referenze di un produttore di Vermouth. Mentre nei migliori cocktail bar torinesi andranno in scena drink list dedicate, in cui il vermouth sarà sia la base di twist on classic – rivisitazioni dei classici della mixology internazionale – che di signature drinks creativi. Tra le insegne che partecipano: Giù da Guido, Chiodi Latini, Magorabin, Scatto, Luogo Divino, Piano35 Ristorante, Azotea, Opera, Eredi Borgnino, Del Cambio e Otium Rooftop.

Il Fuori Salone si svolgerà anche in due luoghi rappresentativi della città: il Museo Carpano all’interno di Eataly Lingotto dove verranno organizzate visite guidate, e il Museo Lavazza che accoglierà tour e degustazioni di vermouth anche in miscelazione con il caffè. Il 20 febbraio La centrale, ovvero lo spazio eventi del polo, ospita il Vermouth Contest Special Edition, una sfida tra i migliori bartender della città a colpi di signature drink davanti a una giuria di esperti del settore e del pubblico. Sabato 24 inizia il Salone del vermouth alle 14 alle 22, mentre la domenica l’apertura è prevista dalle 12 alle 22. I talk si svolgeranno dalle 15 alle 19 il sabato e dalle 16 alle 19 la domenica. Tra questi Alle radici della Cultura del Vermouth con Michele Filippo Fontefrancesco, ricercatore di Antropologia Culturale, e la tavola rotonda su Master Herbalist e Master Blender con Carlo Carnevale, Matteo Bonoli, Beppe Musso e Fulvio Piccinino.

Vermouth bianco Bordiga

I partecipanti all’evento

A salire su questo nuovo palcoscenico torinese sono le realtà più importanti a livello produttivo, quelle che orchestrano il mercato di questo prodotto non solo in Italia ma anche all’estero, quali Antica Formula, Carpano, Mancino Vermouth, Martini & Rossi, Punt e Mes e Vermouth Gran Torino 1861. Ma non solo. Tra i protagonisti del primo Salone del Vermouth, accanto ai grandi nomi appena citati, ci saranno anche i piccoli artigiani locali, preziosi conservatori della tradizione territoriale. Tra questi Alpestre, Bordiga, Bosca, Doragrossa, Franco Cavallero, Cucielo e Vermouth Il Reale, per un totale di 21 referenze. Per partecipare all’evento basta registrarsi sul sito, selezionare il giorno e acquistare il biglietto al prezzo di 10€ a persona. Inoltre, online è possibile prenotarsi ai talk e masterclass fino a esaurimento posti.

CiboToday è anche su Whatsapp, è sufficiente cliccare qui per iscriversi al canale ed essere sempre aggiornati

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

CiboToday è in caricamento