Ricevi la nostra Newsletter

L'unico modo per non perderti nulla sulle novità gastronomiche suggerite da Cibotoday. Ogni mattina nella tua e-mail.

rotate-mobile
Lunedì, 20 Maggio 2024
Botteghe Mercati

Il Mercato Albinelli di Modena. Storia, botteghe, banchi, prodotti e artigiani

Nel cuore della città, il Mercato Albinelli è un mercato storico che racconta di quasi un secolo di tradizione gastronomica. Pasta fresca, carni, salumi, formaggi tipici, pesce, e tanti prodotti che fanno di Modena una delle capitali mondiali del cibo

Il mercato rionale è solitamente quella porzione di città che rispecchia la parte più genuina e vernacolare. Una manifestazione concreta delle persone, delle loro specialità, di usi e tradizioni che qui vengono ancora mostrate con attitudine artigiana e agricola, tipica del nostro bagaglio gastronomico. Il Mercato Albinelli di Modena a pieno titolo fa parte di questa tradizione, nel centro storico della città emiliana tra l’omonima via e Piazza XX Settembre. Qui la vita mercantile è ancora oggi un via vai di gente del luogo, turisti e curiosi che passano tra le numerose attività e botteghe, per poi fermarsi nei locali dove mangiare, fare l’aperitivo e scoprire la cucina di queste zone. Carni, verdure fresche, pesce, ma anche formaggi, salumi, pasta fatta a mano e panetteria: il Mercato Albinelli è un luogo storico che qui vi raccontiamo.

L'ingresso del Mercato Albinelli a Modena

Mercato Albinelli: la storia del mercato di Modena

La storia del Mercato Albinelli parte nei primi del ‘900, quando “l’amministrazione affidò la progettazione di un luogo deputato al mercato dei generi alimentari, inaugurato il 28 ottobre 1931”, un luogo all’avanguardia per i tempi grazie alla realizzazione dei banchi in marmo per i pescivendoli, garantendo la fornitura di acqua corrente a ogni postazione e progettando il pavimento in modo da facilitarne la pulitura. Tutti dettagli che possono ancora essere osservati una volta che si entra nel Mercato Albinelli, oltre alla famosa fontana dell’epoca della “fanciullina con un canestro di frutta” che troneggia nel centro cartesiano del mercato.

Dai banchi di gastronomia ai ristoranti e locali dove fermarsi a mangiare

La struttura liberty che contiene lo storico Mercato Albinelli è ancora oggi una delle attrazioni più visitate di Modena, meta da parte di curiosi che vogliono scoprire più da vicino la mitica cucina emiliana e i suoi prodotti. Infatti qui non si cede troppo al posticcio o al ricostruito a uso turistico: ogni attività è gestita da famiglie che da generazioni portano avanti la propria bottega, dove fermarsi a fare due chiacchiere per conoscere meglio differenze e peculiarità dei prodotti. Il Mercato Albinelli infatti ospita ben 65 bancarelle distinte, ognuna delle quali è dedicata a una specialità: come i formaggi, la frutta e la verdura, le carni, i prodotti da forno, le spezie, cereali e legumi, il pesce.

Una vecchia foto del Mercato Albinelli Modena

Imperdibile un assaggio del re degli stagionati, il Parmigiano reggiano, che viene venduto con diverse stagionature, 24, 36 e addirittura 60 mesi, nel banco di Enrico Garuti oppure da Vanna & Roberto, una piccolissima vetrina con il meglio dei formaggi di zona. Per i salumi fate un salto da Cesare Giovanardi, dell’Antica Salumeria della Galliera: prodotti nostrani, carni suine macellate nel modenese, freschissime e selezionate, macinati per ragù, tortellini e polpette. Oppure da Marco Barozzini per acquistare anche pasta fresca e un’ottima selezione di birre artigianali. Per l’aperitivo ci si ferma da Alvinelli – Pani gourmand, vini un bar gestito da Cristina, Fabio e Daniele con vini naturali, salumi a chilometro zero, tigelle e stuzzichini di carne e pesce. E per un panino al volo sicuramente il leggendario Bar Schiavoni, di Chiara e Sara Fantoni, dove provare (anche a colazione) lo gnocco con cotechino oltre che una selezione di goduriosi panini imbottiti. Una lista sicuramente non esaustiva delle numerose specialità e dei numerosi bottegai che qui si incontrano, ognuno con prodotti di qualità. Aceto balsamico, passatelli, cappellacci, tortellini, pes putein (piccoli pesciolini fritti e conditi con aceto), cotechino, baccalà, dolci: al Mercato Albinelli si viene per fare la spesa tanto quanto per perdersi nel gusto di questa monumentale gastronomia locale.

CiboToday è anche su Whatsapp, è sufficiente cliccare qui per iscriversi al canale ed essere sempre aggiornati

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

CiboToday è in caricamento