Ricevi la nostra Newsletter

L'unico modo per non perderti nulla sulle novità gastronomiche suggerite da Cibotoday. Ogni mattina nella tua e-mail.

rotate-mobile
Sabato, 15 Giugno 2024
Botteghe Mercati

In Abruzzo due chef si inventano un mercato contadino che diventa una grande festa agricola

Si chiama Rurale il mercato contadino organizzato da Claire Staroccia e Dan Gibeon, due giovani chef dietro l’home restaurant Rito a Stiffe. Insieme a un oste locale l’idea di creare un appuntamento che sia anche una grande festa agricola

A Stiffe, borgo in provincia de L’Aquila, sta per nascere un mercato contadino che raccoglie piccolissimi produttori della zona. Si chiama Rurale ed è un’idea di due chef e un oste locali, mossi dalla volontà di far emergere le eccellenze del territorio. Da un lato c’è Claire Staroccia, classe 1987 e il suo compagno Dan Gibeon, del 1991, giovani cuochi dietro l’home restaurant Rito (di cui vi abbiamo parlato qui). Dall’altro Alberto Liberati proprietario dell’omonima enoteca punto di riferimento di Stiffe da 12 anni. “Vogliamo dare visibilità ai produttori abruzzesi, molto spesso situati in luoghi irraggiungibili, aiutando così anche gli abitanti di questo borgo a fare la spesa” ci racconta Claire Staroccia. Il primo appuntamento di Rurale sarà il 19 maggio 2024, per continuare fino a settembre proprio negli spazi di Enoteca Casale Liberati in Via del Mulino 2, a Stiffe.

Claire Staroccia e Dan Gibeon di Rito a Stiffe, Abruzzo PH Julian Manuel Ferri

Da Rito a Rurale: storia dei due chef che hanno deciso di tornare in Abruzzo

Claire Staroccia e Dan Gibseon si conoscono in Inghilterra, paese natale di lui, dove lavorano in alcuni ristoranti. Qui s’innamorano del concetto di materia prima, grazie alla vicinanza di tantissimi produttori locali con il quale tessono reti e rapporti. Poi l’idea di tornare a Stiffe, paesino caro a Claire Staroccia per metà abruzzese, dove decidono di aprire un home restaurant. Rito sorge all’interno di un vecchio mulino e pone grande attenzione ai prodotti del territorio: solo materi prime locali che vanno a prendere di persona dai propri contatti, piccole realtà che si distinguono nella zona per un lavoro artigianale e sostenibile. Da qui che i due cuochi sono partiti con l’idea di Rurale, raccogliendo questi artigiani in un unico mercato locale.

Claire Staroccia e Dan Gibeon, un ritratto davanti a Rito, Stiffe Abruzzo PH Julian Manuel Ferri

Rurale: festa agricola con mercato, barbecue e vini naturali

Dall’incontro con Alberto Liberati ci è venuto in mente di organizzare qualcosa che mancava in questa zona d’Abruzzo. Un mercato contadino che fosse anche una festa per tutti” ci racconta la proprietaria di Rito Pane. Infatti Rurale chiama a raccolta tutti i collaboratori di questi anni, come contadini, caseari, allevatori, a volte anche sconosciuti. “Rurale parte il 19 maggio e poi si ripeterà ogni seconda domenica del mese fino a settembre o fino a che il tempo ce lo permette” continua. Una festa agricola che ha due anime: “La prima parte dalle 9:30 fino a mezzogiorno è dedicata al mercato vero e proprio. Poi dalle 11 fino alle 5 ci sarà il barbecue dove cucineremo io e Dan insieme alla degustazione di vini”.

Tra i produttori presenti in questa puntata pilota di Rurale Claudio Mancinelli a San Demetrio che produce solo farine di grano Solina e Senatore Cappelli, ma anche zafferano e legumi; Simone Di Fossa di Aveya Weed dal quale i due chef prendono tartufi locali, verdure e ancora legumi, insieme a Tenute Valerio azienda agricola locale. Sarà presente anche una panificatrice di Pettorano sul Gizio, Serena Tornusciolo, e a fare le cheese cake con formaggi locali Laura Stabile da Milano, amica della coppia. “Vogliamo aprire sempre di più ai numerosi artigiani abruzzesi, per esempio sui formaggi, ma molto spesso questi produttori non riescono a coprire la richiesta e quindi devono declinare l’invito” ci spiega Staroccia. Grande spazio anche al vino, ovviamente naturale: “Il 19 maggio saranno presenti due aziende abruzzesi Agricola Caprera e L’Estroversa più un distributore di vini veneti, Wine Governo, che porterà in degustazione alcune etichette. Ma allargheremo ben presto”. E nel futuro Staroccia vede nuove collaborazioni: “Ci piacerebbe portare anche chef da tutta Italia, per festeggiare insieme agli abitanti di Stiffe”. Rurale ha tutte le carte in regole per essere un bel momento di incontro che mette in luce i tantissimi produttori di zona molto spesso irraggiungibili anche ai cittadini locali.

CiboToday è anche su Whatsapp, è sufficiente cliccare qui per iscriversi al canale ed essere sempre aggiornati

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

CiboToday è in caricamento