Ricevi la nostra Newsletter

L'unico modo per non perderti nulla sulle novità gastronomiche suggerite da Cibotoday. Ogni mattina nella tua e-mail.

rotate-mobile
Lunedì, 20 Maggio 2024
Hotel

Ad Amalfi il convento diventa hotel di lusso. Con la pizza di Sorbillo

Dopo la ristrutturazione dell’antico edificio, un gruppo internazionale punta su ospitalità e ristorazione di livello

Da Convento dei Cappuccini a struttura per l’ospitalità di un lusso puro e mediterraneo il passo non è brevissimo, ma a firmarlo è Anantara, gruppo che gestisce diverse strutture tra spa e resort in giro per il mondo, in particolare in Asia e Africa. In Italia questa è la seconda apertura dopo la sede di Anantara Palazzo Naiadi in Piazza della Repubblica a Roma (dove, da poco, è arrivato lo chef Heros de Agostinis con il suo ristorante, Ineo).

Anantara Convento di Amalfi Grand Hotel

Anantara Convento di Amalfi Grand Hotel – Aerial ExteriorLa sede della nuova destinazione amalfitana non è di quelle che si vedono tutti i giorni. Si trova infatti all’interno di un ex convento del XII secolo sulla scogliera, a pochi minuti a piedi del centro di Amalfi, che ha subito un importante ristrutturazione con l’obiettivo di mantenere, soprattutto nella facciata, ma anche nelle camere, alcuni elementi della storia dell’edificio. Potrà accogliere gli ospiti in 52 tra suite e camere, con qualche chicca davvero insolita, come la Suite del Priore che si trova proprio dove c’è il priorato del convento con tanto di affreschi e vista sul chiostro. Molte delle camere sono state ricavate dalla rilavorazione delle precedenti celle monastiche.

Il ristorante Dei Cappuccini e La Locanda della Canonica

Anantara Convento di Amalfi Grand Hotel – Claudio Lanuto, Convento Kitchen

E da mangiare? In questa terra così piccola eppure così esigente, le proposte non mancano. Per distinguersi Anantara colloca all’interno della struttura diversi ristoranti, puntando anche su nomi importanti. Si parte con il ristorante Dei Cappuccini, guidato dall’executive chef Claudio Lanuto, originario di Livorno ma cresciuto professionalmente in ristoranti importanti, come Il Pagliaccio di Anthony Genovese a Roma, I Quattro Passi di Antonio Mellino a Massa Lubrense e il Fat Duck di Heston Blumenthal in Inghilterra.

Anantara Convento di Amalfi Grand Hotel – Amalfi Town Exterior Aerial

La sua cucina qui risentirà del duplice contesto: quello del convento e quello della costiera. Ci saranno infatti ricette ispirate alla cucina monastica e condite dalla presenza degli ortaggi coltivati direttamente nell’orto del vecchio convento. Il menu della cena, con spettacolare vista sul mare, è sia alla carta sia con un percorso predefinito. Ci sono infatti due menu a degustazione: Sempre verde in 5 portate a 100€, La Grande Bellezza in 7 portate a 140€.

Le pizze di Gino Sorbillo ad Amalfi

Anantara Convento di Amalfi Grand Hotel – Gino Sorbillo Pizza Maestro

Il secondo punto di ristoro è La Locanda della Canonica, a pranzo aperta con un menu quasi da bistrot, tra bruschette, linguine alle vongole, insalata caprese e delizia al limone per dessert, rigorosamente d’Amalfi. L’asso nella manica però è Gino Sorbillo, pizzaiolo di fama, che cura la proposta della cena con una carta di 8 pizze che viaggiano tra i prodotti della costiera e della Campania, come il provolone del Monaco, le alici di Cetara, la ricotta di Agerola. A completare l’offerta, si aggiungono poi il bar interno e quello che dà sulla piscina. Sarà un’estate vivace per la Costiera. 

Anantara Convento di Amalfi Grand Hotel – The Cloister

CiboToday è anche su Whatsapp, è sufficiente cliccare qui per iscriversi al canale ed essere sempre aggiornati

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

CiboToday è in caricamento