Ricevi la nostra Newsletter

L'unico modo per non perderti nulla sulle novità gastronomiche suggerite da Cibotoday. Ogni mattina nella tua e-mail.

rotate-mobile
Sabato, 24 Febbraio 2024
Dove Mangiare

A Cremona si può pranzare e cenare in una storica torrefazione Anni ‘50 ancora attiva

Si chiama Torrefazione Vittoria e si trova a pochi passi dal centro storico. Il suo proprietario Giovanni Pietrogrande ci racconta come l’ha trasformata anche in una caffetteria specialty e wine bar con piatti e prodotti artigiani e agricoli

La protagonista di questa storia è una vecchia torrefazione degli Anni ’50, in una zona poco distante dal centro di Cremona. E di Giovanni Pietrogrande cremonese di 42 anni, che decide prima di lavorarci e poi di rilevarla dandole una nuova vita. Torrefazione Vittoria infatti è sempre stata in azione dal giorno di apertura, “un giorno che si perde negli archivi catastali” spiega Pietrogrande. Oggi questo progetto non è più ‘solo’ una torrefazione ma un piccolo sistema di specialità ed eccellenze. Non solo caffè specialty monorigine che qui viene tostato artigianalmente, ma anche caffetteria aperta al pubblico, wine bar con vini naturali e prodotti del territorio cremonese e cremasco.

L'ingresso di Torrefazione Vittoria a Cremona

Torrefazione Vittoria: dagli Anni ’50 una storia di eccellenze e passione artigianale

La mia storia è abbastanza casuale” inizia a raccontare a CiboToday Giovanni Pietrogrande oggi proprietario della Torrefazione. “Questa era una delle torrefazioni più attive in città, che riforniva di caffè quasi la totalità dei bar di Cremona e dintorni”, poi l’avvento delle multinazionali e della grande distribuzione intorno agli Anni ’80 iniziano a sgretolarne l’attività. Anche se Torrefazione Vittoria comunque resiste e continua imperterrita a lavorare. Giovanni qui ci arriva per un caso della vita: “Mio padre conosceva una delle due proprietarie storiche, ormai anziane e stanche, che mi presero con sé per un anno e mezzo insegnandomi il mestiere. Era il 2004 ed ero poco più che 20enne”. Così inizia ad appassionarsi e gira il mondo per farsi una cultura sul caffè. “In quegli anni il concetto di specialty non era così presente come oggi, soprattutto in una città di provincia come Cremona”, ma ci scommette lo stesso e il tempo gli dà ragione. Pochi anni dopo, nel 2006, rileva la Torrefazione e trasforma questo luogo nel posto che è oggi.

Giovanni Pietrogrande e una delle macchine per tostare di Torrefazione Vittoria

Caffetteria, wine bar, cucina: Torrefazione Vittoria non è solo caffè

Fin da subito ho capito che questo posto aveva delle potenzialità non sfruttate. Oltre alla parte di torrefazione vera e propria si poteva fare di più”, e da qui l’idea di aprire una caffetteria dove servire i prodotti lavorati al suo interno. Quindi monorigine dal Rwanda, Brasile, Guatemala, che oltre ad essere acquistate (prezzo tra i 30 e i 40€) possono essere degustate con diversi metodi d’estrazione: filtro, cold brew, aeropress, V60. Ma Torrefazione Vittoria vive anche a pranzo e per l’aperitivo grazie alla piccola cucina e alla parte dedicata ai vini naturali. “Questo locale si completa quando conosco Alessandro Filippa, che lavorava al Caffè la Crepa vicino Cremona, grande appassionato di vini. Diventiamo amici e poi colleghi quando gli chiedo di darmi una mano sulla parte dell’aperitivo” continua Giovanni. È infatti Alessandro che completa l’offerta inserendo una cantina di vini artigianali “che all’inizio non capiva nessuno in città”.

Alcuni piatti di Torrefazione Vittoria-2

E cosa si mangia da Torrefazione Vittoria? “La parte bistrot è quella che abbiamo lanciato più recentemente. Anche la cucina segue questa filosofia agricola e artigianale, utilizzando solo prodotti del territorio e di piccoli produttori in cui crediamo”. Quindi i formaggi vengono da Cascina Lago Oscuro, azienda agricola e agriturismo nelle vicinanze, il pane da Cascina Marasco, le carni da Marcello un macellaio di Mi.Cibo (mercato agricolo di Milano) così come le verdure. In cucina c’è Manuele che metta a segno piatti grazie alla consulenza con Guglielmo Fedele di Tipografia Alimentare di Milano, conosciuto a seguito dell’amicizia che lega Giovanni Pietrogrande con il locale. Da Torrefazione Vittoria troverete ricette come pastrami sandwich (12€), taglieri di salumi e formaggi (12€), uova ripiene di funghi (6€), polenta di mais con ragù di salsiccia (10€). Un lavoro costruito passo dopo passo e che ha ricevuto la fiducia della città: “C’è voluto un po’ di tempo per far capire ai cremonesi questo posto, ma ora che hanno compreso cosa facciamo e come ci seguono senza esitazione”.

Torrefazione Vittoria
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

CiboToday è in caricamento