Ricevi la nostra Newsletter

L'unico modo per non perderti nulla sulle novità gastronomiche suggerite da Cibotoday. Ogni mattina nella tua e-mail.

Martedì, 16 Luglio 2024
Mappe

Dove mangiare a Bruxelles: 20 ristoranti e bar

Nella Capitale belga la scena gastronomica è ricca e piena di indirizzi per tutti i gusti e per tutte le tasche. Noi abbiamo scelto i posti per gli amanti del bere, del caffè e della cucina creativa (ma non troppo)

Gaufre, cioccolato e patatine fritte: Bruxelles è queste cose ma, fortunatamente, anche tanto altro. Una città poliforme, spesso sottovalutata, con una scena gastronomica obbligatoriamente sfaccettata e multilingue, l’elemento in cui risiede uno dei suoi particolari punti di forza. E se da una parte non mancano gli street food pieni di patatine e waffle da condire sul momento, i ristoranti di nuova generazione, i bar e qualche cocktail bar non sono da meno. Fare una mappatura completa dei migliori ristoranti della Capitale belga è impossibile e anche inutile. Ecco quindi i nostri indirizzi per chi è alla ricerca di esperienze divertenti e creative.

Bar Magritte
Klok
Au Bassin
Bouche
Café Boudin
Nightshop
Kline Brussels
Humus x Ortense
Jacq’s
Volta Supper Club
Buddy Buddy
Savage
Wolf Food Market
Tope Brussels
Badi
My Little Cup
Edgar’s Flavors
Ioda Brussels
Mok Coffee
Rebel Brussels
Cocktail bar

Bar Magritte

Magritte era di nazionalità belga ed è un vero orgoglio locale. A lui è dedicato un museo che si appoggia ai Musei Reali delle Belle Arti del Belgio. Curiosa dunque l’idea, assolutamente riuscita, di dedicargli un intero cocktail bar. Lo fa la catena internazionale per l’ospitalità Rocco Forte, con un bar che si trova dentro l’Hotel Amigo, struttura a cinque stelle dietro la piazza principale di Bruxelles, chiaramente accessibile a tutti. I cocktail sono stati studiati da Salvatore “The Maestro” Calabrese, bartender la cui fama è nota in tutta Europa. E così qui, arrivano nella drinklist dei cocktail ispirati nelle forme e nei sapori alle principali opere magrittiane. C’è anche il drink servito nella pipa e quello nel cappello.

Bar Magritte

Ristorante

Klok

Al piano terra dell’hotel À la Grande Cloche si trova questo indirizzo dove lo chef Florent Ladeyn guida la cucina con una proposta adatta per tutto il giorno. Dalla colazione della mattina passando per il pranzo e per la cena, dove la cucina assume una struttura più solida. Frutti di mare, pesce, carne, verdure compaiono nel menu che utilizza per lo più ingredienti di stagione e di territorio. A cena il percorso diventa a degustazione con un menu a sorpresa al prezzo di 60€ e uno con abbinamento drink al prezzo di 95€. Adatto per quasi ogni momento della giornata (è chiuso qualche ora dopo pranzo).

Klok Brussel

Pub

Au Bassin

In fuga dal caos dei mercatini di Natale, c’è sicuramente la possibilità di perdersi dentro questo indirizzo che definire “birreria” pare riduttivo. Gli spazi sono tanti e assorbono tante funzioni diverse. Non si prenota, ma c’è spazio anche per gruppi più ampi, oltre ad avere la possibilità di incontrare sia locals che turisti che gironzolano. Il pezzo forte della casa sono ovviamente le birre, da Bruxelles e dal Belgio in particolare. Ma anche vini, caffè e cocktail. Per il mangiare ci sono piccoli finger food da spizzicare, non un vero e proprio menu dei piatti. Si organizzano anche eventi e serate. Segnaliamo vicino un indirizzo simile, ma più piccolo: Café Merlo. Si riconosce dalla gente fuori e anche dai modellini degli uccelli sopra le pareti.

Au Bassin-2

Bar

Bouche

La scena degli specialty coffee di Bruxelles non rivela delusioni. È decisamente all’altezza di una capitale europea. Tra i tanti bar disponibili (seguono altri in questa lista) segnaliamo questo indirizzo dove andare per un caffè ben fatto, un lievitato dolce o salato. Proposta minimale, look del locale molto piacevole. Caffè fatto sul momento e servito con diversi tipi di estrazione anche al piccolo bancone che mette zero distanza tra chi prepara il caffè e chi se lo gusterà a brevissimo.

Bouche Coffee

Bar

Café Boudin

Nella zona vicina ai musei, è piacevole fare una pausa da Café Boudin, aperto dalla mattina fino al pomeriggio per colazioni (anche salate), pranzi e merende. Ovviamente non può mancare il caffè, servito con o senza latte insieme a tè e infusi. La carta dei piatti comprende uova, panini, zuppe e ricette del giorno. Tanta attenzione alle ricette vegetariane tra le proposte, mentre lo spazio è minimale ma accogliente. Non mancano chiaramente i dolci, serviti anche al piatto e divisi tra torte, biscotti e waffle.

Café Boudin-2

Enoteca-Winebar

Nightshop

Rue de Flandre pullula di bei locali. Una volta varcata la soglia di questo (ma anche per gli altri non cambia) una delle cose che gli appassionati di ristoranti si chiederanno sarà: com’è possibile? In Italia infatti una cucina così piccola e così dentro la sala, considerati tutti i coperti, sarebbe impensabile. Invece qui si fa e funziona. C’è un lungo bancone ad accogliere gli ospiti, poi i tavoli, sormontati da scatole di vini, messi un po’ alla rinfusa ma capaci di creare un clima accogliente. In carta una piccola selezione di piatti: dal pane col burro al pesce alla griglia. E tante proposte di vini da bare, al calice e in bottiglia, con una schietta rappresentanza italiana ma senza allucinanti ricarichi. Informale e piacevole.

Nightshop

Ristorante

Kline Brussels

Rimaniamo nei paraggi per un locale concettualmente simile ma con una cucina più impegnativa. Si mangia sempre alla carta e i piatti sono preparati in una postazione che è in piena continuità con il locale. In menu troviamo piatti freddi, caldi, grigliati, con ingredienti freschi e locali, tantissime verdure di stagione, e tocchi internazionali. Il kimchi si mescola con lo zafferano belga, la mostarda fatta in casa con il miso. In mezzo alla settimana è aperto anche a pranzo, altrimenti dalle 18. Prenotazione consigliata ma non obbligatoria.

Kline Brussel

Ristorante

Humus x Ortense

Il ristorante di Nicolas Decloedt e di Caroline Baerten è stato, secondo il racconto dei suoi creatori, il primo indirizzo di cucina vegana nel mondo del fine dining in Belgio. Un oggetto del tutto particolare, baciato dalla stella Michelin, che porta una ventata di originalità tra cozze fritte e patatine. Il menu si organizza in un dedalo di proposte a prezzo fisso che cambiano tra lunghezza del percorso, pranzo o cena, giorno della settimana, abbinamento o meno con drink e cocktail. I prezzi variano tra gli 84 e i 198€ a seconda della proposta desiderata. Dietro il menu c’è una piccola squadra di esperti, compresi anche raccoglitori di erbe e studiosi botanisti.

Humus x Ortense

Osteria-Bistrot

Jacq’s

Una parete blu elettrica e un bancone funzionante bastano per fare di questo locale una tappa da non perdere a Bruxelles, anche spingendosi oltre i soliti sentieri. Se non fosse per l’idea, geniale, di creare un menu tutto a base di grilled cheese sandwich (toast al formaggio) con diverse farciture. Da quello base con doppio formaggio, a quello con la porchetta e il pastrami. Si aggiungono poi caffè, tè, bibite in lattina (anche vini naturali e kombucha) qualche altro piatto del giorno, per esempio una zuppa. Le preparazioni molto semplici non tradiranno il gusto, che esploderà in una nuvola di burro e formaggio. Sandwich vegani su richiesta.

Jacq's Toastery

Pizzeria

Volta Supper Club

Pizza, cocktail e vini popolano questo indirizzo che coniuga lo stile di una classica pizzeria con quello di una sorta di boutique alla moda. Non a caso c’è anche uno speakeasy, The Bar With No Name, in cui bere cocktail fino a mezzanotte. Piuttosto semplice il menu: c’è una proposta di pizze, con ingredienti e gusti spiccatamente italiani, e piatti dal “mozzarella bar”, tre variazioni sul tema con burrata affumicata, mozzarella e stracciatella. C’è anche un menu a prezzo fisso per 2 persone. Costa 39€ a testa e comprende un antipasto, due pizze, un cocktail, un dessert da condividere.

Volta Supper Club

Bar

Buddy Buddy

Un format molto particolare alberga in questo locale, che sicuramente troverà l’apprezzamento di un pubblico giovane, cellulare alla mano. Il locale è infatti tutto dedicato ai caffè specialty e al burro di frutta secca. Dietro ci sono due ragazzi che dal 2020 hanno aperto due negozi, questo di Bruxelles e uno a Parigi, pensandoli quasi come degli atelier. Tutti i prodotti serviti sono a base di burro di mandorle, nocciole e noccioline. I pralinati si possono acquistare anche in barattolo, da portare a casa e utilizzare per la propria colazione e merenda. Altrimenti ci sono drink con frutta secca, caffè specialty, biscotti e dolcini che seguono gli stessi criteri di ricettazione dell’intero bar.

Buddy Buddy-2

Ristorante

Savage

Lo chef Joel Rammelsberg è il protagonista di questo ristorante con una proposta di menu totalmente vegetale, con circa cinque portate (compreso dessert) a 38€. C’è però la possibilità di aggiungere a piacimento degli extra, compresi piatti di carne e pesce cucinati dalla stessa mano, assecondando l’idea di ridurre il consumo di proteine animali e tornare a mangiarle “occasionalmente”, come la stessa famiglia dello chef era abituata a fare durante la sua infanzia. Questa idea che oggi chiameremmo “flexitariana” si riflette in un menu eclettico che esce a buon prezzo. C’è la possibilità di aggiungere anche il pairing con le bevande.

Savage Brussels-2

Mercato

Wolf Food Market

Aperto nel 2019, questo mercato alimentare è una vera svolta per mangiare soprattutto nel periodo invernale, perché offre la possibilità di scegliere in autonomia tra 17 diverse cucine e ristoranti, facendo una sorta di giro del mondo nello spazio di poche centinai di metri. Si passa dalla pasticceria belga alla cucina greca, dai piatti siriani agli hamburger, dalla cucina vietnamita a quella etiope. Senza dimenticare la pizza italiana, rappresentata qui da La Piola Pizza, l’insegna dove opera Francesco Martini, che ha una sede anche fuori da Wolf a Saint-Josse, molto più distante dal centro di Bruxelles. All’interno ci sono anche due bar e un microbirrificio che produce birre artigianali.

Wolf Food Market

Cocktail bar

Tope Brussels

L’occasione unica di mangiare e bere drink messicani all’ultimo piano di una torre brutalista, la offre la catena Hoxton, che da poco è arrivata anche a Bruxelles. Oltre alle quasi 200 camere sono diversi gli spazi pensati per la condivisione. Tope è il ristorante e cocktail bar all’ultimo piano, dove si possono assaggiare drink in stile messicano e una piccola carta dei piatti, tra cui totopos e guacamole, tacos, churros. La vista è su tutta Bruxelles e, d’estate, si può mangiare anche nello spazio esterno godendosi la bella stagione. Non c’è bisogno di prenotare, basta passare per la lobby dell’albergo dove si trova anche Cantina Valentina, il ristorante di cucina peruviana, con qualche tocco fusion, della struttura. Anche questo un indirizzo valido per chi passa da qui, specie se si vogliono provare ricette un po’ fuori dal comune. Bruxelles ha una cucina internazionale notevole, ma c’è ancora spazio per farsi sorprendere.

Tope Bruxelles

Osteria-Bistrot

Badi

Non vorrete perdervi di certo una sidreria a Bruxelles, che non campa di sola birra (o vino naturale, per quanto ce ne sia parecchio). Questo piccolo locale, tutto studiato intorno a un bancone, è una dedica proprio al mondo del sidro e anche alla cucina bretone. La carta dei piatti si compone di poche referenze, ma di qualità e lavorate a partire da interessanti ingredienti. Vero must della casa la galette bretone (non sempre disponibile) da accoppiare con una bevuta suggerita.

Badi Brussels

Bar

My Little Cup

Questo grazioso indirizzo di quartiere racchiude in uno spazio anticipato da una vetrina vecchio stile tutto il suo spirito: un grande amore per il caffè. Servito nei tavolini esterni, interni o d’asporto, il caffè specialty di questo indirizzo può essere comprato anche per casa oppure gustato qui secondo diversi metodi di preparazione. I caffè provengono da diverse parti del mondo e sono accompagnati da croissant, fette di torta e biscotti.

My Little Cup-2

Cocktail bar

Edgar’s Flavors

In quanto a cocktail bar, la scena di Bruxelles potrebbe essere ancora più vivace, chissà che non vedremo cambiare qualcosa nei prossimi anni. Intanto i visitatori potranno godersi questo bancone fuori dalle rotte più battute – si trova nella parte sud-est di Bruxelles – dove gustare ottimi twist sui classici e una speciale selezione di agave. Nel fine settimana, è aperto fino all’1 di notte.

Edgar's Flavors

Ristorante

Ioda Brussels

Bisogna guadagnarselo, scendendo fino in area Saint-Gilles, sud di Bruxelles, praticamente fuori dalle maglie della città, per assaporare la cucina di una rosticceria vegetale, come si definisce la stessa proprietà. Nel bel locale va in scena un solo menu, incentrato moltissimo sulle verdure locali e stagionali, al prezzo di 58€, con diverse portate. Non mancano tuttavia incursioni del pesce del mare del nord. Ad accompagnare i piatti, pensati dallo chef Cesar Hoed, bevande che vengono proprio da Bruxelles e vini artigianali.

Ioda Brussels-2

Bar

Mok Coffee

Nel quartiere Dansaert, questa caffetteria è il punto vendita diretto di una delle più apprezzate micro-roastery del Belgio, nata nel 2012 e approdata qui per portare la lavorazione dei suoi chicchi direttamente ai clienti, chicchi che si possono acquistare anche online. Oltre al caffè, servito di fianco a tè e infusi, c’è spazio anche per una piccola cucina vegetariana con proposte che spaziano tra il dolce e il salato, ideali per colazione, pranzo o brunch. Sono disponibili anche opzioni senza glutine.

Mok Coffee

Enoteca-Winebar

Rebel Brussels

Nel quartiere Dansaert, questa caffetteria è il punto vendita diretto di una delle più apprezzate micro-roastery del Belgio, nata nel 2012 e approdata qui per portare la lavorazione dei suoi chicchi direttamente ai clienti, chicchi che si possono acquistare anche online. Oltre al caffè, servito di fianco a tè e infusi, c’è spazio anche per una piccola cucina vegetariana con proposte che spaziano tra il dolce e il salato, ideali per colazione, pranzo o brunch. Sono disponibili anche opzioni senza glutine.

Rebel Bar

CiboToday è anche su Whatsapp, è sufficiente cliccare qui per iscriversi al canale ed essere sempre aggiornati

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

CiboToday è in caricamento