Ricevi la nostra Newsletter

L'unico modo per non perderti nulla sulle novità gastronomiche suggerite da Cibotoday. Ogni mattina nella tua e-mail.

rotate-mobile
Sabato, 18 Maggio 2024
Mappe

Uno dei pezzi di rosticceria preferiti a Palermo è il calzone fritto. Ecco dove mangiarlo

Fritto sì, ma si spera non unto: il calzone fritto in Sicilia non è un panzerotto in Puglia ma è comunque una religione. La mappa su dove mangiarlo

Se si parla di rosticceria, Palermo è una delle città con maggiore varietà di “pezzi” in tutta Italia. Che siano mangiati a colazione, pranzo o cena, i pezzi sono sempre più consumati dai palermitani. Il tempo della pausa pranzo, spesso, è breve e non c’è tempo per sedersi per un piatto di pasta a casa, o anche fuori. Ecco che allora si opta sempre più frequentemente per un calzone, un’arancina, una ravazzata, una mattonella.

Uno dei piatti più apprezzati dai palermitani: il calzone fritto

Tra i pezzi preferiti dei palermitani c’è indubbiamente il calzone fritto. La storia del calzone fritto, secondo la leggenda, affonda le proprie radici addirittura nel diciannovesimo secolo. Si tratta di una grande calza ripiena - la forma effettivamente la evoca – che nasce nel Sud Italia, tra Puglia e Campania ma molti siciliani, della zona soprattutto di Catania o del messinese, ne rivendicano comunque la paternità. In realtà il calzone non va confuso con il panzerotto (questo sì tipicamente pugliese): la forma a mezzaluna farebbe pensare che sono la stessa cosa. Le differenze riguardano spesso il condimento e, soprattutto, le dimensioni. Il calzone, infatti, è più grande del panzerotto.

Come si fa il calzone fritto a Palermo (ma anche a Messina)

In Sicilia la frittura del calzone abbraccia le tre grandi città: il capoluogo, Catania e Messina. A Messina, in particolare, si parla di pitone o pidone: qui il condimento è davvero unico. Scarola, pomodoro, acciughe e formaggio caratterizzano il ripieno. A Palermo il calzone fritto è un must, ed è per questo che si piazza sicuramente nel podio dei pezzi preferiti insieme alle arancine. Il ripieno è, tradizionalmente, con prosciutto cotto e mozzarella ma non mancano i bar che inseriscono anche la salsa di pomodoro, strizzando l’occhio al panzerotto pugliese. In alcuni bar si trova anche panato: l’impasto diventa maggiormente croccante. Il pangrattato è, per i puristi del calzone fritto, un plus.

Il calzone fritto perfetto, che non unge ma fila

La brioche deve essere ben lievitata e non deve essere eccessivamente “panosa”. Il segreto di un buon calzone fritto è, ovviamente, una buona frittura ed è necessario che alla fine il prodotto non sia troppo unto. A proposito, un postulato appare scontato: il calzone fritto perfetto non unge mai e presenta una mozzarella ben filante. La prova del nove sta nel tovagliolino che avvolge il vostro calzone: deve essere quasi asciutto, se trovate troppo olio il risultato non sarà positivo. Il colore, poi, assume un’importanza notevole: il calzone fritto deve essere ben dorato e in maniera omogenea, mai troppo scuro (a testimonianza di come l’olio debba essere utilizzato soltanto per quella frittura e non anche per altro). Vi lasciamo alcuni consigli se voleste mangiarlo a Palermo: dove trovare i calzoni fritti più buoni.

Oscar 1965
Rosticceria La Romanella
Mille Luci
Bar Vabres
Le Savocherie
Pasticceria-Panificio

Oscar 1965

Il calzone di Oscar, in via Migliaccio, è uno dei più “educati” della città: non unto, ben dorato e magnifico, realizzato con una materia prima strepitosa. Ha una consistenza leggera, garantita da un impasto fatto ad arte.

Calzone Fritto

Street Food

Rosticceria La Romanella

Il calzone fritto della Romanella, storica rosticceria in via Leopardi, è fedelissimo alla tradizione palermitana: sostanzioso al punto giusto, con una croccantezza della panatura piuttosto interessante.

Rosticceria La Romanella

Altro

Mille Luci

Il calzone fritto di Milleluci, in via Costantino Lascaris, è veramente grande: per gli amanti dei pezzi extralarge è il posto perfetto. La panatura è liscia, senza pangrattato. Il prosciutto cotto è abbondante, così come la mozzarella.

Calzone Milleluci

Bar

Bar Vabres

Il calzone fritto del Vabres, sito in via Michele Cipolla, termina molto presto: è uno dei più amati dai clienti, ecco perché per mangiarne uno serve arrivare puntuali. È “compatto”, il condimento è ben assemblato e si lascia mangiare con estremo entusiasmo.

Bar Vabres-2

Altro

Le Savocherie

Una menzione specifica meritano i calzoncini fritti de “Le Savocherie”, in via Sammartino (sede unica, come tengono a precisare i proprietari). Il calzoncino fritto di Savoca è un’esplosione di sapori ed è veramente perfetto, senza difetti: condimento eccezionalmente buono con un cotto di alta qualità e una mozzarella filante saporita. La consistenza è magnifica, la frittura è sublime: insomma, sarete capaci di mangiarne anche 5 di fila.

La Savocherie

CiboToday è anche su Whatsapp, è sufficiente cliccare qui per iscriversi al canale ed essere sempre aggiornati

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

CiboToday è in caricamento