Ricevi la nostra Newsletter

L'unico modo per non perderti nulla sulle novità gastronomiche suggerite da Cibotoday. Ogni mattina nella tua e-mail.

rotate-mobile
Sabato, 22 Giugno 2024
Mappe

Dove mangiare il miglior cibo di strada a Torino in 11 indirizzi

Dai panini al vapore cinesi fino alle patate al cartoccio ripiene, lo street food di Torino ci mostra la città da un’altra godereccia prospettiva

Lo street food a Torino è sempre esistito, solo che prima si chiamava merenda sinoira ed era un sostanzioso spuntino pomeridiano consumato anche per strada, utile a tappare la fame tra il pranzo e la cena. Sebbene oggi abbia un nome più internazionale, il concetto rimane lo stesso e la città riserva interessanti proposte per uno street food di qualità. La storica tradizione culinaria piemontese incontra il dinamismo della grande città, bisogna solo scegliere: una panineria classica o dei ravioli cinesi al vapore? Noi abbiamo selezionato 10 indirizzi per soddisfare ogni esigenza e per rendere golosa anche una fugace pausa pranzo.

Tellia Lab
Zest
Patria
Demir Kebab
Oh Crispa
Gofreria Pemonteisa
Jianbing
Poormanger
Van Ver Burger
BÖL House
Gli Amici del Tegamino
Pasticceria-Panificio

Tellia Lab

Enrico Murdocco è un giovane panificatore torinese, pluripremiato e conosciuto a livello nazionale per la sua pizza romana in teglia. Avanguardista nell’uso di farine, come quella di grillo in alcuni dei suoi prodotti da forno, nel 2022 ha raddoppiato l’insegna Tellia e rinnovato il premio Tre Rotelle nella guida Pizzerie d’Italia 2023 del Gambero Rosso. All’interno del nuovo laboratorio, oltre alla pizza in teglia bassa e croccante, c’è anche un’ampia scelta del pane, che viene venduto a pezzo, (da 500 e da 1000 grammi). Qui si trovano inoltre dolci lievitati, focacce morbide e i prodotti tradizionali come i panettoni o le colombe, da consumare in loco oppure da portare via. Tellia è in via San Tommaso 27 e in corso Sebastopoli 241 mentre Tellia Lab si trova in via Maria Vittoria 20.

Street Food

Zest

La cucina torinese si fa take away e trasforma un pasto veloce in un pranzo gastronomico di qualità. Nasce tutto come un’iniziativa solidale che nel 2020 preparava da mangiare a 200 bisognosi della Comunità di Sant’Egidio, dietro ci sono Cesare Grandi del ristorante La Limonaia di Torino, Giovanni Naviglia executive chef e coordinatore didattico di Accademia Food Lab, e Mauro Pallottino dell’azienda di selezione e distribuzione di frutti di mare Royal Preziosi dal Mare. Oggi, a distanza di tre anni, Zest ha cambiato forma e opera su tutta Torino offrendo piatti della tradizione, ordinabili direttamente online. Il menu va dagli antipasti fino ai dolci ed è caratterizzato da piatti semplici e gustosi, come i plin di coniglio alla cacciatora con ragù di fegatini (16€) o il guanciolo di Patanegra con purè Robuchon (20€).

Street Food

Patria

Dal ristorante Vale un Perù nasce una versione street della cucina tradizionale peruviana e si chiama Patria Chevicheria, eletta Campione Regionale 2023 per la guida street food del Gambero Rosso. I due fondatori Patricia Trujillo e Miguel Bustinza traslano la cucina del loro primo progetto in una forma più veloce e quotidiana e lo fanno in uno dei quartieri centrali di Torino, a San Salvario. I piatti proposti sono panini (sànguches) come il Butifarra con lonza di maiale marinata nella birra scura Cusqueña (9€) o le classiche empanadas. Ci sono poi piatti meno noti come le Amanecer Andino (6€) delle crocchette di quinoa, verdure di stagione e formaggio filante.

Street Food

Demir Kebab

Un kebab artigianale che unisce la ricetta turca alla carne piemontese è quello di Demir. Ergulu Demir aveva il desiderio di portare la cucina del suo paese a Torino usando prodotti italiani, così nel 2003 ha aperto a piazza Adriano Pizza&Kebab da Demir. Nel 2020 è stato costretto a chiudere per problemi comunali (burocratici?) e per un dehors non a norma, spostandosi in via Frejus (pochi metri più in là dal primo indirizzo). Nel menu, il classico Kebap con salsa yogurt e salsa piccante è presente in molteplici versioni: a panino o piadina (7,50€) oppure al piatto (15€). Ci sono poi le varianti calzone kebap o pizza kebap, sempre a 15€. Non mancano altri piatti tipici come l’Iskender (15€) ovvero la carne servita con sugo di pomodoro, burro fuso e pane mentre le opzioni vegetariane sono a base di falafel (il panino e la piadina a 6€ oppure al piatto 12€).

Street Food

Oh Crispa

Nel quartiere di San Salvario, i piatti proposti da Oh Crispa sono i più tipici dello street food cinese. Il piccolo locale mette a disposizione alcuni tavolini per la consumazione in loco, oltre a degli sgabelli e una mensola lungo la vetrata. Nel menu c’è un’ampia scelta di piatti, comodi anche per essere consumati lungo la strada, come ad esempio gli Xiao Long Bao (8€) dei ravioli artigianali di Shangai con ripieno di brodo e maiale, il Gua Bao (6€) un panino al vapore taiwanese tradizionale con maiale, cavolo senape fermentato oppure i Baozi (7€), dei panini al vapore ripieni di maiale o bok choy e tofu.

Street Food

Gofreria Pemonteisa

Il gofri è un prodotto che nasce in Piemonte intorno al 1700 prendendo ispirazione dal più noto gaufre belga (molto simile al waffle americano). Inizialmente usato come pane e come accompagnamento alle portate principali, diventa poi il perfetto contenitore dei più svariati e gustosi ripieni. L’idea di aprire la Groferia Piemonteisa nasce nel 2005 con Dario Mauro che reinterpreta in chiave moderna uno dei più storici cibi di strada piemontesi. Nel menu si può scegliere tra il classico goufre (la cialda croccante a nido d’ape) a 5€, il “gofre sbagliato” (6€) che ha lo stesso impasto del primo solo che viene cotto al forno e arricchito da semi vari, infine la miassa (denominazione PAT) che è una cialda fatta con farina di mais, al prezzo di 5€. I ripieni sono a base di salumi, prosciutti, formaggi e specialità della tradizione piemontese.

Street Food

Jianbing

Il Jianbing è una piadina tipica della tradizione cinese e rappresenta una delle più comuni colazioni da strada del paese. In un angolo tra via San Francesco d’Assisi e via Garibaldi, il locale Jianbing Torino si presenta con una grande vetrata, una scritta “take away” e un menu con Jiaozi (ravioli al vapore ripieni), i pop corn di pollo alla taiwanese, pollo fritto (in formato L o XL) e Jiagbing (senza articolo) tradizionali con pollo o vegetariani.
 

Street Food

Poormanger

Il format Poormanger nasce nel 2011 dall’intuizione di Daniele Regoli, Valerio Ciardello e Marco Borsero. I tre amici sono partiti da un’idea semplice e facile da replicare, in grado di richiamare la cucina popolare e i prodotti del territorio: delle patate al cartoccio ripiene. A Torino Poormanger è presente con 3 sedi, quella a via Maria Vittoria 36, quella di via Palazzo di Città 26 e l’ultima aperta a inizio 2023 in piazza Paleocapa 2. Nel menu si trovano le patate ripiene (dai 6 ai 9,50€) con ingredienti come burrata, prosciutto crudo e olive, oppure fonduta di gorgonzola, radicchio e salsiccia. Gli antipasti sono da mezza porzione (4€) o in porzione intera (dai 4 agli 11€) come il vitello tonnato o la parmigiana di melanzane.

Street Food

Van Ver Burger

Van Ver Burger è un foodtruck torinese di cucina 100% vegetale. I cuochi e fondatori sono Pasquale Digiglio e Daniele Paradisi, due appassionati di cucina plant-based che, dopo diversi anni di esperienze in vari ristoranti e alberghi d’Italia hanno deciso di tornare nella loro città per dar vita al progetto Van Ver Burger. L’offerta prevede dei burger artigianali realizzati con ingredienti stagionali, come il Bibicu, con pane artigianale al malto d'orzo, straccetti di Planted Pulled Pork stracotti in salsa BBQ affumicata, cipolla e spezie con morbido di patate (11€). I prodotti possono essere preordinati tramite sito, Whatsapp, Telegram, Instagram e Facebook.

Street Food

BÖL House

C’è il pane, c’è il ripieno, ma non è un panino. Le BŌL si presentano come dei piccoli scrigni di pane che sotto al coperchio nascondono un abbondante ripieno. Il format nasce nel 2020 dai tre soci Davide Panero, Enrica Panero e Davide Vito Lanza che, viaggiando spesso, hanno preso ispirazione da alcune cucine estere che servono le ricette tradizionali all’interno di contenitori di pane (ad esempio il gulasch ungherese o la zuppa di cipolle in Francia). Nel menu si può scegliere fra le MINI-BŌL dolci, salate o le speciali e ogni piatto contiene 5 assaggi diversi (il prezzo varia dai 7,50 ai 14€). Ci sono poi le BŌL classiche (dai 9,50 ai 14€) come il Bōlpo con polpo, patate, pesto di basilico, olive e fagiolini oppure il Pugliese con Stracciatella, cime di rapa, salsiccia. Sono presenti anche delle opzioni vegetariane, delle ricette al piatto e i dolci.

Street Food

Gli Amici del Tegamino

La pizza al tegamino è una specialità tipica torinese fatta da un impasto a doppia lievitazione che viene cotto in forno dentro un tegame o una padella. Da Gli Amici del Tegamino, locale storico della città, questa pizza morbida al centro e croccante ai bordi viene proposta nelle varianti più classiche come la margherita o la salsiccia e friarielli. Lo spazio è piccolo e informale, più adatto all’asporto che al consumo in loco visti i pochi tavoli presenti all’interno. Oltre alla pizza da asporto il ristorante fa anche consegne a domicilio prenotabili telefonicamente.

CiboToday è anche su Whatsapp, è sufficiente cliccare qui per iscriversi al canale ed essere sempre aggiornati

In Evidenza

Potrebbe interessarti

CiboToday è in caricamento