Ricevi la nostra Newsletter

L'unico modo per non perderti nulla sulle novità gastronomiche suggerite da Cibotoday. Ogni mattina nella tua e-mail.

rotate-mobile
Lunedì, 17 Giugno 2024
Mappe

27 indirizzi per mangiare e bere all'aperto a Roma

Pizzerie, cocktail bar, ristoranti e trattorie spuntano tra giardini, parchi, piazze e strade dove vivere l’estate romana al 100%

Tra piazze, giardini, parchi e vie silenziose, Roma con la sua enorme estensione può vantare un album di posti per mangiare all’aperto di tutto rispetto. Spuntano dal centro – sì, anche nel centro storico, perfino nella claustrofobica Trastevere – per arrivare fino ai confini della città, a pochi passi dal Raccordo Anulare. Qui si trascorre l’estate romana, un’istituzione ricca di partecipazione e condivisione, intoccabile per i romani che soffrono la calura e cercano di trovare riparo in qualche refolo d’aria. Ai tavoli dei ristoranti però, non smette mai di arrivare una carbonara, una pizza o un fritto bollente, magari accompagnato da un buon cocktail. Ecco dunque la nostra selezione dei ristoranti per mangiare all’aperto a Roma, dalle trattorie del centro ai cocktail bar, dalle pizzerie ai progetti più recenti.

Camillo Piazza Navona
Due Ladroni
Luciano Cucina Italiana
Giulia Restaurant
Rimessa Roscioli
Freni e Frizioni
Circoletto Roma
Baccio e i gradini
Collettivo Gastronomico
San Martino Pizza e Bolle
Latta Fermenti e Miscele
Bar Bozza
Latteria Garbatella
Vivi Bistrot Villa Pamphili
Cesare al Casaletto
Le Serre by Vivi
Carnal Roma
Qvinto
Marziali 1922 Piazza Caprera
Crunch Roma
Pietralata Pizzeria di Quartiere
Rosti Pigneto
Borgo Pigneto
Vicino Enoteca
Grandma
Fermentum Pizzeria
Parco Appio
Ristorante

Camillo Piazza Navona

Sulle ceneri – si fa per dire – di un ristorante turistico è rinato Camillo, bar, ristorante e cocktail bar con invidiabile vista su Piazza Navona. Dai tavoli si scorge infatti la bellissima fontana del Bernini con la chiesa di Sant’Agnese del Borromini che ha reso celebre una delle piazze più spettacolari della Capitale. Per chi non si siede nei tavoli interni, completamente dipinti di rosa come le sedie e le pareti per una recente installazione artistica, oltre alla vista c’è una proposta di piatti dello chef Tommaso De Santis e cocktail dallo spirito internazionale, adatti praticamente a qualsiasi momento della giornata. Si parte con gli starters, per poi toccare anche street food, piatti di pasta, e main course, piatti completi a base di carne e verdure. 

Camillo Ristorante Roma-2

Ristorante

Due Ladroni

Questo storico ristorante affacciato su Piazza Nicosia ha un lungo passato come punto di passaggio nel centro di Roma. Dagli anni ’80 la gestione passa alla famiglia Di Maria, prima al papà Salvatore, dalla sua scomparsa ufficialmente ai figli Michela e Daniele. Il locale ha un’atmosfera d’altri tempi, ma senza lo squallore che ammanta certe trattorie fin troppo nostalgiche. Questa cura si riflette nello splendido dehors, aperto ma sempre appartato, che si affaccia sulla piazzetta con la piccola Fontana del Trullo. In menu si trovano piatti romani e più in generale della tradizione gastronomica italiana, come i tonnarelli alla Nerano, il riso al salto con sugo d’arrosto, la gricia con il tartufo e la frittura di pesce.

ristorante Due Ladroni-2

Ristorante

Luciano Cucina Italiana

Aperto nel 2018 come progetto solista di Luciano Monosilio, Luciano Cucina Italiana ha visto accrescere il suo valore quando nel 2021 lo chef e proprietario ha promosso attivamente la riqualificazione dell’antistante Piazza del Teatro di Pompeo, slargo storico a pochi passi da Campo de’ Fiori. I coperti esterni dove assaggiare la famosa carbonara di Monosilio sono diventati 40, ma oltre al piatto che l’ha reso famoso c’è parecchio di più. In tutto una ventina di ricette che cambiano stagionalmente, e spaziano tra antipasti, paste dell’annesso pastificio, carni, pesci e dessert. Per gli amanti dei cocktail, nel 2023 è arrivato anche Veleno, il cocktail bar al piano sotterraneo del locale. 

Luciano Cucina Italiana-2

Ristorante

Giulia Restaurant

Pochi ma appartati tavoli si stendono tra piante e una pioggia di lucine tra Via Giulia e Lungotevere. Siamo nel pieno centro di Roma e la cucina di Giulia Restaurant è governata dallo chef Alessandro Borgo, che sperimenta senza paure ma con un occhio vigile sulla cucina romana, tanto che la proposta si sdoppia tra osteria e ristorante. Ne è la dimostrazione il suo menu a degustazione Ti presento l’osteria in 8 portate a 75€, dove gli ospiti potranno trovare anche la carbonara, il bollito croccante e salsa verde, così come la bomba con la crema pasticciera. Altrimenti, si può sempre ordinare dalla carta.

Giulia Restaurant-2

Enoteca-Winebar

Rimessa Roscioli

Indirizzo indiscutibile per gli amanti del vino, la Rimessa Roscioli fa parte dell’universo Roscioli ed è il ristorante da consigliare in centro per chi vuole una cucina buona, non turistica e di una certa caratura. I posti esterni si trovano su Via del Conservatorio, in un punto defilato del centro storico particolarmente rassicurante. In menu si possono opzionare due percorsi a degustazione: uno è pensato per assaggiare i piatti della tradizione (65€), l’altro fa un giro nelle ricette del panorama italiano (75€). Alla carta ci sono antipasti, primi piatti, secondi tra carne e pesce e dessert. Proposta vini sconfinata, internazionale e particolarmente curata.

rimessa Roscioli-2

Cocktail bar

Freni e Frizioni

Il fine settimana, di sabato e domenica, la piazzetta incastrata tra via del Politeama e Lungotevere sembra diventare il vero completamento di questo street bar, tra i migliori cocktail bar in città. L’atmosfera ha l'abilità di accogliere in modo democratico romani, trasteverini, amanti del buon bere e turisti in visita. Per chi non riuscisse a sedersi, solo posti in piedi, ma sempre su suolo pedonale. Qui si possono scegliere i cocktail dalla drinklist del momento (tra i 10 e i 12€), creativa fin nel concetto di partenza.

freni e Frizioni -3

Osteria-Bistrot

Circoletto Roma

Vini naturali e piatti espressi vista Circo Massimo fanno di questo indirizzo una meta abbastanza imperdibile per gli amanti dello stare en plein air. Circoletto è l’apertura dei fratelli Nicolò e Manuel Trecastelli (già proprietari di Trecca), che gioca sull’informalità e su un menu semplice e senza troppe rigidità. Si ordinano qui piatti di piccola e media grandezza, anche da mettere in centro tavola e dividere, tra cui il pastrami con la pizza bianca, le verdure, gli affettati. Si attinge anche dalla carta delle bottiglie, rigorosamente naturali, per bere qualcosa di divertente. D’estate chi non trova posto ai tavolini o alle sdraio esterne del locale, si accomoda direttamente dall’altro lato della strada, sul muretto che lambisce Circo Massimo.

Circoletto Roma-4

Pizzeria

Baccio e i gradini

Sul pieno Viale della Piramide Cestia, in zona Aventino, questa pizzeria aperta verso la fine del 2021 può contare su un comodo spazio esterno, attivo d’estate e riscaldato anche d’inverno. Vi si assaggiano gli impasti semplici, ben realizzati dal pizzaiolo Giovanni Lombardi, che propone una pizza a metà tra la napoletana e la romana. In menu si trova una ricca proposta di fritti tra Roma e Napoli, nonché i gradini che danno anche il nome al locale, dei rettangoli di pasta lievitata farciti in modo creativo. Si arriva poi alle pizze: vera chicca del locale è rappresentata dalla carta delle margherite. Sono ben 6, difficile uscire da qui senza averne ordinata almeno una.

Baccio e i gradini-3

Osteria-Bistrot

Collettivo Gastronomico

Negli anni questo enorme spazio dove sorgeva l’ex Mattatoio di Roma e va oggi sotto il nome di Città dell’Altra Economia ha visto alternarsi diversi progetti, non tutti longevi. Dal 2021 la gestione della nuova osteria, Collettivo Gastronomico, è affidata a Marco Morello (con già all’attivo diversi progetti) e Daniele Camponeschi di Menabò a Centocelle. Lo spazio esterno è particolarmente sconfinato, c’è anche il parcheggio interno e si svolgono spesso mercati ed eventi di ogni genere. In menu si leggono circa una ventina di piatti (comprese le proposte per i più piccoli) che stanno tra i 9 e 17€.

Collettivo Gastronomico Testaccio-2

Pizzeria

San Martino Pizza e Bolle

Il 2023 è l’anno del cambiamento per questo locale, nato come seconda sede di Sant’Isidoro Pizza e Bolle (in Prati) ed evolutosi in San Martino. La famiglia dei proprietari rimane la stessa, cambia in parte la formula con l’ingresso in cucina di Alessio Muscas che si mette qui alla prova con la pizza romana, in accompagnamento con vini e bollicine. Si parte con i supplì (tra i 3 e i 4,5€), poi si prosegue con fritti e maritozzi (tra i 3 e i 6,50€). Le pizze, che siano classiche o “eccentriche”, stanno tra gli 8 e i 17,50€. In zona Ostiense il locale si presta bene ad accogliere all’esterno, grazie ai coperti che affacciano direttamente su strada.

San Martino Pizzeria

Cocktail bar

Latta Fermenti e Miscele

In una zona di Roma dove si accavallano diversi locali diventando quasi una piazza a cielo aperto, Latta si distingue per la sua proposta di piatti e drink miscelati. In particolare sono di casa le fermentazioni, da assaggiare nelle versioni soda ad esempio (6€) ma ci sono anche cocktail classici e proposte della casa (i signature) a stimolare la curiosità di chi si appresta ad ordinare. Alle bevute si abbinano pochi piatti ma ben scelti, sia per fare aperitivo (taralli, taglieri, alette di pollo e tacos) sia per cenare. Tanti i posti esterni, da dividere con gli amici nelle serate estive. Nel fine settimana poi, arriva anche il brunch.

Latta Fermenti e Miscele

Enoteca-Winebar

Bar Bozza

Il wine bar di Mauro Lenci e Fabio Macrì ha un punto forte, anzi fortissimo: lo spazio esterno. Se i coperti interni della vecchia copisteria dove i due hanno stampato la tesi durante l’università sono sì risicati, quelli esterni compensano e diventano salvifici durante la bella stagione. Qui vi si possono assaggiare vini naturali scelti direttamente dalla bottigliera, con proposte nazionali e internazionali selezionate da Mauro, appassionato di vini e capace di accogliere qualsiasi tipo di cliente, da accompagnare ai piatti e piattini preparati da Fabio. La selezione gastronomica è piuttosto mutevole, con proposte incentrate su verdure, carne, formaggi che cambiano spesso e si prestano bene alla condivisione, secondo il modello tapas alla spagnola.

Cocktail bar

Latteria Garbatella

In un giardino neanche troppo segreto a Garbatella vanno in scena ottimi cocktail e piatti simpatici in abbinamento. Il contesto è quello di un cortile davanti ai palazzi a pochi piani che caratterizzano l’architettura popolare di Garbatella e che rendono il clima piuttosto familiare. Si bevono cocktail signature (tra gli 8 e i 12€) secondo carte stagionali che cambiano in base al tema del momento, e si mangiano piatti per nulla banali per essere un cocktail bar, tra ricette vegetariane, vegane, di lievitati, paste ripiene e carni. Anche l’altra Latteria, quella di Trastevere, ha la fortuna di avere qualche bel posticino all’esterno.

Latteria Garbatella-3

Ristorante

Vivi Bistrot Villa Pamphili

Tra tutti i locali Vivi (ce ne sono diversi in città, inclusi quelli nei musei a Piazza Venezia e a Piazza Navona) probabilmente quello che gode del verde di Villa Pamphili è tra i più fortunati. Oltre questo casale si estende infatti uno dei parchi più amati di Roma. Si sta soprattutto all’esterno, quando vengono organizzate attività specifiche, come i picnic, si finisce anche sul prato. Il menu va dalla colazione a poco prima di cena, passando quindi per mattina, pranzo e spuntini. Largo spazio a piatti vegetariani e vegani, mentre i dolci si possono scegliere anche direttamente dal banco. C’è anche il brunch e alcune proposte solo per i bambini.

Vivi Bistrot Villa Pamhili

Osteria-Bistrot

Cesare al Casaletto

Sotto il pergolato di Via del Casaletto va da anni in scena l’apprezzata cucina dello chef e proprietario Leonardo Vignoli. La sua è una delle insegne più amate in città per assaggiare la gastronomia romana (senon qui anche “Da Cesare al Pellegrino” in centro a Roma), soprattutto d’estate all’aperto nello spazio antistante il ristorante. Il menu è sulla tovaglietta e spazia tra gli antipasti, i fritti, le paste romane, come la matriciana, o la pasta al sugo di involtini, oppure i primi con il pesce e il quinto quarto. Tra i secondi spezzatino, coratella e coda alla vaccinara. Le ricette più amate? Le polpette di bollito in salsa di basilico, gli involtini di manzo al sugo e la pasta alla carbonara.

Da Cesare Al Casaletto

Ristorante

Le Serre by Vivi

Sempre del gruppo Vivi ma con una proposta leggermente diversa, Vivi Le Serre è stato aperto nel 2020 dalle socie Daniela Gazzini e Cristina Cattaneo. Il nome lo dobbiamo alla presenza del locale all’interno di quello che era un vecchio vivaio, riconvertito a bistrot e ristorante. Grazie allo spazio esterno, praticamente sconfinato, c’è davvero la possibilità di accomodare tutti. Così anche la proposta, in modo coerente con la scalabilità del locale, è molto frastagliata. Si va dalla colazione alla merenda, dal brunch alla cena, dall’aperitivo al momento del tè, passando magari per un corso di yoga. Siamo in zona Camilluccia e per chi arriva il ristoro è assicurato.

Le serre By Vivi-2

Ristorante

Carnal Roma

L’apertura dei due chef Riccardo Paglia e Roy Caceres, ha subito incuriosito i frequentatori di Prati, affamati di novità. È avvenuta nel 2020, a ridosso della pandemia, ed è stata un tripudio di cucina centro e sudamericana, mista con cocktail incendiari e vini. Il menu è uno spasso: si può scegliere la degustazione da 6 colpi, a 55€, oppure da 8 colpi a 65€. Gli starter sono degli spezzafame, “picar” come si dice in spagnolo, poi ci sono gli antipasti, i “bocones”, la brace e le lunghe cotture, il cuarto frio con crudi e marinati, infine i dolci. Si consumano sui tavoli del dehors esterno, dove gustare anche i drink della casa.

Ristorante

Qvinto

Che l’ambientazione piaccia o meno, c’è da sottolineare che da Qvinto ogni dettaglio è curato con attenzione quasi maniacale. Il grande locale si trova nella zona del laghetto di Tor di Quinto (da cui il nome) e può ospitare tantissimi coperti. Ad attendere i commensali ci sono più ambienti, tra cui diversi giardini esterni, uno spazio ospita addirittura un modulo lunare, insomma per gli amanti del minimalismo non è l’indirizzo raccomandato, ma per i curiosi e gli eccentrici probabilmente sì. Ogni giorno si può scegliere se prenotare per colazione, pranzo, aperitivo, cena e after dinner. Tra cocktail, pizze e piatti, l’offerta è molto ampia. Non resta dunque che scegliere dove piazzarsi. Si organizzano anche eventi, cerimonie e appuntamenti di vario genere. Di certo, lo spazio non manca.

Qvinto giardino-2

Bar

Marziali 1922 Piazza Caprera

Nei pressi di Corso Trieste, affacciata sulla bellissima Piazza Caprera, si trova questa caffetteria con cucina che Marziali, torrefazione romana dal 1922, ha aperto con un ampio spazio esterno (c’è un’altra sede, meno piacente di questa, a Via Po). Il massimo lo dà durante la stagione estiva, quando i tavoli si allungano anche oltre il porticato tappezzato di enormi piante tropicali, per arrivare a lambire una parte della piazza a cerchio, creando un’atmosfera piacevole e un luogo estremamente vissuto. Caffè, piatti, snacks, aperitivi e tiramisù nel bicchiere del caffè, una piccola coccola della casa, vengono serviti praticamente tutto il giorno.

Caffè Marziali Piazza Caprera

Pizzeria

Crunch Roma

Aperta nel 2022, questa pizzeria che combina pizza romana e cocktail si trova nel quartiere Talenti. A volerla sono i tre soci Alessandro Leone, Federico Coniglio e Federico Del Moro, che possono contare su un locale molto ampio, disseminato di neon secondo un trend che non accenna a perdere colpi. Lo spazio esterno è piuttosto ampio, con la possibilità di ospitare gli avventori che arrivino per assaggiare le pizze basse e croccanti (ma non iper sottili) e i drink del bar, oppure anche i fritti e i dessert al piatto. Fritti tra i 2,50 e 8€, pizze tra i 7,50 e i 14€.

Crunch Roma Dehors-2

Pizzeria

Pietralata Pizzeria di Quartiere

Difficile non vedere questo indirizzo sin dalla strada, considerate le file di lucine che si avvinghiano verso l’alto, facendo un po’ effetto matrimonio, un po’ Salento. In menu nel tempo la pizza ha visto un cambio di passo, grazie all’intervento di Franco Palermo, storico (anzi, mitico) panificatore e lievitista romano, che ha aiutato il locale a ridisegnare la pizza in direzione più qualitativa. Né bassa né alta è la sua cifra, mantenendo una vocazione abbastanza popolare. Margherita, crostino e marinara fanno il paio con altre proposte più creative. Precedono i fritti e alcuni piatti dalla cucina. D’estate è piacevole accaparrarsi un tavolo nel giardino esterno, anche se anche l’interno non lesina sulle metrature.

Pietralata Pizzeria-2

Pizzeria

Rosti Pigneto

Questa pizzeria è ormai divenuta un classico del quartiere Pigneto e il suo punto di maggior forza sta sicuramente nella presenza dell’ampio spazio esterno. Mentre all’interno diversi tavoli offrono alloggio a clienti di qualsiasi tipologia e quantità, all’esterno trovano spazio numerosi coperti e una parte con i giochi destinati ai bambini. Il menu rispetta lo stesso canone di trasversalità: pizza, cucina, piatti di ogni genere, dalla pasta alle carni, dai fritti ai dolci, trovano luogo in una nutrita proposta piuttosto pop.

Rosti al Pigneto

Ristorante

Borgo Pigneto

Uno degli indirizzi più apprezzati dell'estate 2022 in poi, è stato sicuramente Borgo Pigneto. Nato dalla riqualificazione di Villa Lauricella sulla Prenestina, è un progetto dell’agenzia di comunicazione The Cover e del gruppo B.Zar Hotel&Co. L’esterno è particolarmente curato e apprezzato durante l’estate, dove si trasforma in un giardino a cielo aperto con luminarie ispirate alle tradizioni pugliesi, altane dove mangiare, cocktail bar, brace e postazioni direttamente sul prato dove trascorrere le notti afose dell’estate romana. All’interno invece c’è la villa, con altrettante destinazioni, come la mansarda e il salotto. A tutte queste aree corrispondono, come è intuibile, altrettanti menu per un’offerta trasversale che tocca cibo, vino e alcolici a tutto tondo. In particolare, è possibile fare aperitivo o cominciare una cena con la “sfizieria” tra fritti e taglieri, poi ci sono le paste, i piatti dall’orto, le carni e il pescato. Importante la prenotazione, soprattutto in estate.

Borgo Pigneto-2

Enoteca-Winebar

Vicino Enoteca

Fatta eccezione per il benzinaio, Largo Pannonia sembra il set ideale per stazionare all’aperto, uno di quei rari spazi di quartiere dove si incontrano le famiglie, si prende un caffè o un bicchiere di vino leggendo il giornale. Da qualche anno a popolare la proposta gastronomica di questo lato di San Giovanni, ci pensa Vicino, enoteca con cucina aperta dalle 11 del mattino all’1 di notte. I tavoli esterni sono piuttosto semplici, ma propendono sulla piazza permettendo agli ospiti di godersi l’aria aperta. In menu si trovano piatti accessibili, non banali ma senza eccessivi guizzi, in formati piccoli o più sostanziosi. Per accompagnare c’è una carta dei vini e dei bicchieri alla mescita.

vicino enoteca-2

Osteria-Bistrot

Grandma

Al Quadraro il Grandma è da anni un punto di riferimento di zona per cucina e atmosfera. Lo spazio esterno si allunga sulla silenziosa Via dei Corneli, dove d’estate praticamente risuona solamente il vociare dei clienti. In menu si trovano sia piatti da osteria che da bistrot internazionale, con amatriciane e carbonare che fanno coppia con ricette mediorientali e burger. Nel menu ci sono sia gli antipasti alla romana (tra i 5 e gli 8€) sia i mezè in stile mediorientale, i piattini da condividere, con hummus, felafel, okra stufata, fagottini di formaggio e verdure (tra i 6 e i 9€). Seguono i primi piatti alla romana, ma anche i piatti principali con riso, carni e verdure speziate (tutto tra i 10 e i 16€). Dall'inizio del 2024 ha aperto vicino al Grandma anche Bar Coppi, pure quello ha uno spazio esterno davvero piacevole. 

Grandma Roma

Pizzeria

Fermentum Pizzeria

Proprio all’imbocco del Parco degli Acquedotti, a pochi passi da dove di giorno scorrazzano bambini tra pista di pattinaggio e scivoli, c’è una pizzeria con cucina che da anni è un saldo riferimento per chi ricerca un po’ di frescura estiva. I tavoli sono posizionati per lo più all’esterno, rimanendo abbastanza semplici e spartani. Vi si assaggiano diverse pizze, con gusti semplici o più elaborati, senza eccessive complicazioni di impasti e condimenti. Fritti, birre e dolci fanno il resto.

Fermentum Roma-2

Ristorante

Parco Appio

In Via dell’Almone, vicino alla fonte dell’acqua Egeria ormai da diversi anni Parco Appio anima l’estate romana. Durante la stagione estiva qui spunta anche una sede completamente all’aperto della Pizzeria l’Elementare, dove poter assaggiare fritti e pizze romane, basse e croccanti del pizzaiolo Mirko Rizzo e della sua squadra collaudata con Federico Feliziani. A ogni estate arrivano anche delle novità: di solito, oltre al cibo, c’è spazio anche per bambini, eventi, dj-set, ma a tenere banco sono le birre artigianali, la pizza, la brace e le tavolate sotto il cielo. Consigliatissima la prenotazione.

Parco Appio-2

CiboToday è anche su Whatsapp, è sufficiente cliccare qui per iscriversi al canale ed essere sempre aggiornati

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

CiboToday è in caricamento