Ricevi la nostra Newsletter

L'unico modo per non perderti nulla sulle novità gastronomiche suggerite da Cibotoday. Ogni mattina nella tua e-mail.

rotate-mobile
Martedì, 18 Giugno 2024
Mappe

Mangiare nel Chianti: i 20 migliori indirizzi tra ristoranti e osterie

Tra i più importanti territori vinicoli italiani, il Chianti è anche terra di ottime insegne gastronomiche dove mangiare il meglio della tradizione culinaria toscana e non solo. Ecco la selezione dei migliori 20 indirizzi tra ristoranti gourmet e autentiche osterie

Nel cuore della Toscana, tra colline ondulate e vigneti che si estendono a perdita d’occhio, il Chianti si rivela non solo come un paesaggio da cartolina, ma anche luogo ricco di tradizioni enogastronomiche e indirizzi di qualità. Circa 10 comuni tra Siena e Firenze costellati di aziende vinicole, dove arrivano stranieri da ogni dove, conquistati dall’affascinante mix tra natura, buon cibo e ottimi calici. Non a caso il Chianti classico è la zona di produzione di uno dei grandi vini rossi italiani, luogo amato e frequentato anche da molti locali in qualsiasi periodo dell’anno. Terra di salumi e formaggi straordinari, pici, pappardelle e tanta carne (anche di selvaggina), dove trovano spazio diverse ricette vegetali come pappa al pomodoro, ribollita e panzanella, nonché piatti a base di pesce provenienti dalla costa. Ecco la nostra selezione dei 20 migliori indirizzi tra cucine d’autore, ristoranti gourmet, osterie delle cantine e autentiche trattorie.

Ristorante L'Asinello
Antica Macelleria Cecchini
Il Pievano
Osteria di Passignano
Vitique
Passo dopo Passo Osteria
La Bottega del 30
Tavola di Guido
Osteria Le Panzanelle
La Trattoria del Pesce
Il Visibilio
Foresteria Villa Cerna
Osteria Brancaia
Osteria Perano Frescobaldi
La Locanda di Pietracupa
Ristoro di Lamole
Macelleria Francini
La Taverna di Vagliagli
Il Poggio Rosso di Borgo San Felice
Taverna Squarcialupi
Ristorante

Ristorante L'Asinello

L’Asinello è la casa di Senio Venturi ed Elisa Bianchini nel minuscolo borgo di Villa a Sesta, salda coppia della ristorazione che vede lui impegnato ai fornelli e lei nella gestione dell’accoglienza e della sala. Il locale è nato in una ex stalla di asini, di qui il nome, che è stata trasformata in un’ambiente elegante e curato dove si respira la Toscana più autentica. D’estate il plus è nello spazio esterno, un giardino intimo dove sono sistemati tavoli ben distanziati dove potersi godere un momento di assoluta tranquillità. Qui entra in gioco la cucina di Senio strutturata su piatti schietti e di gusto, dove si sentono le radici toscane che però, vengono rese più contemporanee con il massimo rispetto per la materia prima. Menu stagionale con proposte come Macedonia tiepida di cipolla, fichi e salvia, Lasagna di chiocciole, crema di zucchine e amatriciana e Coniglio farcito di caponata e gelo di pomodoro. Alla carta si aggiungono 2 menu degustazione da 4 (70€) e 5 (82€) portate. Interessante la carta dei vini studiata da Elisa per abbinarsi ai piatti di Senio con etichette non solo del territorio, dove trovano spazio anche vini naturali e bottiglie divertenti.
L'Asinello

Ristorante

Antica Macelleria Cecchini

Insegna del macellaio più famoso d’Italia (e non solo), a cui è stata dedicata anche una puntata di Chef’s Table su Netflix. Dario Cecchini discende da una famiglia di macellai da 8 generazioni, ma è lui che ha avuto l’intuizione di portare la macelleria di Panzano in Chianti a un passo successivo e aprire non uno ma 3 ristoranti dove servire la sua carne. L’Officina della Bistecca è la casa madre, dove non si mangia solo la Fiorentina ma anzi si sfruttano tutte le parti dell’animale, in un menu fisso (50€) composto da 5 piatti di carne composti da tagli diversi crudi e cotti, accompagnati da fagioli all’olio, patate al cartoccio, burro del Chianti, pinzimonio di verdure e pane toscano. Compresi anche acqua, vino, caffè alla moka, torta all’olio e la Grappa Cecchini. Poi c’è Solociccia, l’osteria aperta solo a pranzo dove si mangia tutto “dal naso alla coda”, con la stessa formula del menu fisso (40€). Infine Panzanese dove si mangia prevalentemente carne alla griglia (30€). La cosa incredibile è che in tutti e tre i locali viene proposto anche un menu – allo stesso prezzo di quello di carne - interamente vegetariano.

Antica Macelleria Cecchini

Ristorante

Il Pievano

In una location ricca di storia e fuori dal comune per la sua bellezza, dentro al Castello di Spaltenna – antico borgo medievale con monastero e torre campanaria, poi trasformato in un resort a 5 stelle - c’è un ristorante con cucina d’autore. Lo chef è Stelios Sakalis, di origini greche, e con numerose esperienze in Italia e all’estero. Dall’unione di questi tre elementi nasce la sua cucina, dove la tradizione toscana è ben presente, ma viene resa contemporanea da continui rimandi a ricette greche e contaminazioni dal mondo. Tre menu degustazione dallo stile giocoso e vivace che valorizzano le materie prime del territorio di piccoli produttori. Mrs Jakyll (4 portate 130€) con piatti come Mar Rosso con riso, burro sotto cenere, peperoni, alici, e il dessert Tzatziki a base di yogurt greco, aglio nero e cetriolo. Poi Dr Jekyll (4 portate 130€) dove ci sono le Caramelle, ovvero pasta di farina di ghiande, manouri, rafano nero, aceto di miele. E infine, il Mr Hyde (12 portate 160€) completamente a mano libera. La cantina offre 750 etichette spaziando dal territorio chiantigiano all’Italia, fino a referenze internazionali.

Ristorante Il Pievano

Ristorante

Osteria di Passignano

Ristorante del mondo Antinori situato nel cuore del Chianti Classico, fra le mura di un edificio situato accanto all’antica Badia di Passignano. Proprio questa è diventata la barricaia dove viene invecchiato l’omonimo vino proveniente dalle vigne che circondano il monastero. In questo contesto ricco di storia sorge l’Osteria di Passignano che vede in cucina lo chef Matteo Lorenzini. Menu stagionali che partono dall’esaltazione dei prodotti dell’Orto di Badia, da dove arrivano tutti i vegetali e le erbe aromatiche che si ritrovano nei piatti, nonché importante fonte d’ispirazione. Una proposta gastronomica contemporanea studiata anche in funzione dell’importante carta dei vini da circa 1000 referenze da tutto il mondo, con una sezione dedicata alle bottiglie della cantina di casa, il fiore all’occhiello della proprietà. Tra i piatti del menu alla carta Carciofi alla brace, topinambur e caviale, Gnocchi, guancia di manzo e cipollotti e Pan di castagne, pere e gelato allo stracchino. Menu degustazione d’autunno da 4 portate a 125€.

Osteria di Passignano

Ristorante

Vitique

Ristorante alle porte di Greve, tra i filari delle vigne chiantigiane, con una grande location di design del Gruppo Vinicolo Santa Margherita, che in zona hanno la cantina Lamole di Lamole. Oltre al ristorante è anche bottega gastronomica, spazio degustazione ed enoteca dove acquistare tutte le etichette dell’azienda. La cucina è in mano al giovane Antonio Guerra, di origini brianzole ma con diverse esperienze in ristoranti d’autore. Un menu essenziale e contemporaneo che parte innanzitutto da una grande materia prima che viene esaltata con cotture veloci. La pasta fresca viene fatta in casa, così come il pane. Da Vitique si può scegliere tra due menu degustazione: Tradizione (4 portate 70€), con Lingua, salsa verde, zafferano e limone e Pappardelle e altri piatti tipicamente toscani, e Mano Libera (5 portate 85€, 7 portate 95€, 8 portate 105€). In abbinamento una selezione di 350 etichette con ampio riferimento ai vini del Gruppo.

RistoranteVitique

Ristorante

Passo dopo Passo Osteria

Si trova nel borgo di Fizzano, casa della famiglia Zingarelli e sede della nota cantina Rocca delle Macìe, i cui vini si trovano in carta. Ristorante fine dining guidato dallo chef Maurizio Bardotti, che propone una cucina autentica e contemporanea fondata su ricette e ingredienti regionali esaltati con tecniche moderne e nuovi abbinamenti. Tra i piatti, oltre al signature Uovo pochè, parmigiano, spinaci e tartufo, troviamo Mezzelune, pollo, fricassea, dragoncello e cibreo; troviamo gli Spaghetti Mancini, burro di pesce azzurro affumicato, cocco e agrumi semicanditi oppure il Cervo, whisky, zucca gialla, erba mate, tarte tatin con cardi. In carta compaiono anche note orientali ben bilanciate che mai oscurano il protagonista del piatto, come nel Petto d’anatra, ramen, yuzu, verdure e zenzero. Alcune di queste portate si ritrovano anche nel menu degustazione Origine da 5 portate (65€).

Passo dopo Passo Osteria Castellina in Chianti

Ristorante

La Bottega del 30

Ristorante fondato alla fine degli anni ’80 da Hélène Stoquelet e Franco Camelia: lei francese e professoressa di lingue all’Università di Siena, lui senese orafo e cantante, si trasferiscono a Villa a Sesta e decidono di aprire un ristorante. Sono le donne più anziane del piccolo borgo a insegnare ad Hélene i segreti delle ricette toscane e dopo 10 anni arriveranno i primi importanti riconoscimenti. Oggi la chef è Nadia Mongiat mentre Hélène si dedicata alla sala e all’accoglienza del ristorante immerso nella campagna senese, caratterizzato da un ambiente rurale con i muri in pietra. La cucina si fonda sui sapori della tradizione, quelli autentici e semplici della Toscana, che danno vita a piatti come Baccalà croccante con Cavolo nero e viola e il super signature Raviolone con pasta tirata a mano e ripieno di Ricotta, Spinaci e Rosso d’Uovo in salsa di Tartufo Nero, entrambi parte del menu degustazione da 7 portate (110€).

La Bottega del 30
 

Ristorante

Tavola di Guido

Ristorante all’interno del boutique hotel Locanda Le Piazze, che prende il nome dal suo chef Guido Haverkock di origini tedesche ma innamorato da tempo dell’Italia, in particolare della Toscana. Ed è qui che trova casa la sua cucina a base di ingredienti regionali e ricette della tradizione, spesso esaltate con tecniche e abbinamenti contemporanei. La verdura e l’olio evo che si trovano sulla tavola provengono dalla loro Azienda Agricole One Belvedere dove si coltiva con metodi di agricoltura rigenerativa. Attenzione particolare per lo studio e la ricerca sulle materie prime, per produrre artigianalmente pane, pancetta, kombucha, aceto e senape. Il menu è composto da piatti stagionali come Insalata e verdure di stagione, melograno, vinaigrette asiatica, crocchette di quinoa, passato di avocado, semi tostati o la Lasagnetta con peposo, verza e funghi. Si può scegliere anche il menu degustazione a sorpresa Hic et nunc da 4 o 6 portate (rispettivamente 65€ e 80€). La carta dei vini va di pari passo con il patrimonio vinicolo del territorio.

Tavola di Guido

Osteria-Bistrot

Osteria Le Panzanelle

Autentica trattoria in una strada chiantigiana molto di passaggio. Qui la cucina tipica tradizionale toscana, con grandi prodotti locali, si unisce a un servizio cortese e professionale in un ambiente rilassato e informale. Piatti abbondanti e ben fatti, con pasta fatta in casa e una selezione di ottime carni locali, dalla tartare alla bistecca alla fiorentina, da accompagnare ai vini della zona. Ma anche crostini con il patè di fegatini, sformatino di cipolle e pecorino e i pici all’aglione, mentre il venerdì il pesce fresco arriva dall’Isola d’Elba. Per la bella stagione c’è anche un dehors nel giardino.

Osteria Le Panzelle

Osteria-Bistrot

La Trattoria del Pesce

Nel comune di san Casciano Val di Pesa, nella piccola frazione di Bargino che si affaccia sulla Via Cassia che collega Siena e Firenze, c’è questa trattoria a conduzione familiare dove nonostante il mare non sia proprio nelle vicinanze il pesce è buonissimo. Luogo informale dove regna l’accoglienza e l’ospitalità toscana in un ambiente comunque curato ed elegante. La cucina è basata sulla lavorazione del pesce freschissimo e di alta qualità, puntando sulla grande materia prima e sui sapori semplici della tradizione marinara. Proprio per la freschezza del pesce tra i prodotti di punta c’è il Gran piatto di crudo, ma anche Moscardini in umido e polenta fritta e il Gran tegame di molluschi e crostacei, altro cavallo di battaglia. Tra i primi, abbondanti e serviti direttamente in piccoli tegami, da provare l’intramontabile risotto ai frutti di mare, le linguine all’astice e i Ravioli ripieni di pesce bianco e spinaci con crema di capesante, porcini e tartufo. Completa l’offerta l’ottima selezione di vini.

La Trattoria del Pesce Bargino

Ristorante

Il Visibilio

Piccolo ristorante gourmet da 5 tavoli all’interno dell’hotel 5 stelle The Club House nella Tenuta di Fontanelle, che porta la firma di Giuseppe Iannotti (2 stelle al ristorante Kresios) come consulente. Qui porta una formula di esperienza gastronomica simile a quella di Krèsios di Talese Terme, cioè un unico menu degustazione al buio fatto di molti piatti serviti in maniera dinamica dove si alternano mare e terra, con ampio spazio anche per la parte vegetale. A dare l’impronta toscana è il resident chef Daniele Canella, che porta in tavola i sapori del Chianti con una certa dose creativa e seguendo la stagionalità. Per una pausa più informale e all’insegna della tradizione c’è anche l’Osteria il Tuscanico.

Il Visibilio

Ristorante

Foresteria Villa Cerna

Ristorante letteralmente immerso tra le vigne del Chianti Classico nella tipica campagna toscana all’interno della tenuta della famiglia Cecchi. Qui si mangia in un ambiente moderno e raffinato con grandi vetrate per godere dell’affascinante panorama e dell’affaccio sulla corte dei limoni, mentre in estate direttamente nella terrazza. La cucina di Ranieri Ugolini si basa su prodotti stagionali e locali che vanno a comporre piatti della tradizione dal gusto contemporaneo, a partire dalla pasta fresca fatta in casa, fino alla carne alla brace, la selvaggina e i prodotti del sottobosco come tartufi e funghi. Il menu prevalentemente di carne ma con alcuni piatti di pesce e vegetali, come la Tartare di cervo con finferli, maionese alla nocciola e polvere di barbabietola; Spaghettone Fabbri con anguilla, cime di rapa e burro affumicato, berberè; Pappardella ripiena in assoluto di porcini; e Porri bruciati in agrodolce con bûche de Chevre, pinoli, uvetta e finocchietto selvatico. Da bere i vini della famiglia delle cantine Villa Cerna, Cecchi, Villa Rosa, Val delle Rose e Tenuta Alzatura, a cui si aggiunge un’ampia selezione di etichette della zona e non solo. Tutti i vini, accompagnati da una selezione di prodotti locali, si possono gustare anche all’Enoteca e Bottega in un’atmosfera più informale e rustica. A Villa Cerna si possono prenotare anche visite in vigna e in cantina con degustazione (anche in abbinamento al tartufo) dei vini della famiglia.

Foresteria Villa Cerna

Osteria-Bistrot

Osteria Brancaia

Ristorante della Cantina Brancaia a Radda in Chianti di Barbara Widmer. Una meravigliosa tenuta dove assaggiare i vini dell’azienda vinicola, accompagnati dai piatti dello chef Giovanni Palladino. Qui il pane e la pasta vengono fatti in casa e le materie prime sono selezionate tra i migliori produttori locali, dai formaggi delle aziende Corzano e Paterno, Buondonno e Palagiaccio, ai salumi di Mangalica del Podere Erica a San Donato in Poggio e di Cinta Senese dell’az. Agricola Casamonti, fino alle carni. Invece, vegetali ed erbe aromatiche provengono principalmente dal proprio orto. La cucina parte dalla tradizione per sconfinare in proposte creative e contemporanee, come La Carabaccia dell‘osteria: zuppetta di funghi con castagne e cipolla; la Lingua di manzo, gambero rosso, lardo di cinta, passion fruit; e i Bottoni di guancia di vitello, burro all’aglio, cremoso di carote arrostite e fondo di manzo e mandarino. A cui si aggiungono la selezione si carne alla griglia, i contorni e gli ottimi dolci come Pesca, rosmarino e mandorle.

Osteria Brancaia

Ristorante

Osteria Perano Frescobaldi

Cantina del Chianti Classico di Frescobaldi, nel comune di Gaiole in Chianti, dove poter fare degustazioni o fermarsi per un’esperienza gastronomica completa al ristorante. Un luogo magico dove assaggiare tutti i vini della celebre maison vinicola toscana, accompagnati dai piatti dello chef Leonardo Spaccavento in un ambiente curato e accogliente circondato dal verde delle vigne. La cucina si basa su prodotti del territorio provenienti da produttori locali (come il pesce della Cooperativa dei Pescatori della Tenuta di Orbetello) e soprattutto dalle varie tenute della famiglia: l’olio evo Laudemio e i grani antichi dalla Tenuta Castiglioni, il miele dal Castello di Pomino, i bovini dal Castello di Nipozzano e i suini dalla Fattoria di Corte. E questi danno origine a piatti come il Lesso da manzi allevati allo stato semibrado al Castello di Nipozzano, salsa verde, giardiniera di verdure di stagione; l’Inzimino con seppie e calamaretti della costa toscana in umido, spinaci e pane al nero di seppia; Raviolini farciti con fagiano in salmì, crema all’aglione e prosciutto di fagiano; o il Coniglio fritto, insalata di puntarelle e maionese all’acciuga.

Osteria Perano Frescobaldi Chianti-2
 

Ristorante

La Locanda di Pietracupa

Ristorante e B&B nella campagna toscana tra Siena e Firenze, che dispone di un ampio giardino d’inverno dove godersi il paesaggio circostante anche d’inverno. In estate invece, si può approfittare della terrazza panoramica affacciata sul borgo di San Donato in Poggio. In cucina Monica e Franca, rispettive mogli dei fratelli Massimiliano e Luca, che propongono piatti della cucina tradizionale leggermente rivisitati in maniera creativa. Si può scegliere tra il menu degustazione da 7 piatti (70€) e un’ampia scelta alla carta tra cui i Saccottini di pasta phillo con zucca gialla e castagne, salsa di Parmigiano e crumble di nocciole; la Zuppa di funghi con agnolotti di cappone; e il Cinghiale con finocchi, arance, olive taggiasche e cialde di grano arso. Carta dei vini con 250 etichette selezionati con particolare attenzione ai vini del territorio, ma anche qualche referenza italiana e straniera.

La Locanda di Pietracupa

Ristorante

Ristoro di Lamole

Nella collina di Lamole sopra Greve in Chianti sorge la cantina Lamole di Lamole dal quale si ha una vista d’eccezione sul panorama circostante. Qui c’è anche un ristorante dove mangiare i piatti della tradizione dello chef Ettore de Benedetto basata su una grande materia prima locale. Tra i piatti lo Sformatino di cipolle rosse e tartufo, Pacchero ripieno di porcini e tartufo, bistecca alla fiorentina e un’ampia scelta di carni locali. La cantina del ristoro è frutto di un’attenta selezione e ricerca lunga 30 anni, che si concentra su aziende del territorio per poi espandersi nelle altre regioni. In estate si mangia all’aperto nella terrazza o nell’affascinante giardino sotto la pergola di vite americana.

Ristoro di Lamole

Osteria-Bistrot

Macelleria Francini

Quella della Macelleria Francini è una lunga storia di famiglia, la prima attività fu aperta nel 1968 da Ilvo Francini a Barberino Val d’Elsa, poi nel 1971 apre la seconda bottega a Tavarnelle e nel 1980 la terza a Sambuca. Oggi qui c’è Massimo Francini che negli anni, ha unito all’arte della macelleria e della norcineria, anche quella della ristorazione e dell’accoglienza. Qui ovviamente al centro della proposta c’è la carne, in primis la bistecca alla fiorentina e tante altre tipologie che vengono cotte alla griglia. Ma anche carne cruda sotto forma di carpacci e tartare e il quinto quarto, tra cui il midollo alla brace da mangiare rigorosamente “al cucchiaio”.

Macelleria Francini

Osteria-Bistrot

La Taverna di Vagliagli

Autentica insegna toscana dove regna la carne cotta alla brace in tutte le sue sfumature, dalla bistecca alla Tagliata di cinta con cipolle sotto cenere e patate alla brace. E poi pasta di ogni tipo fatta in casa, tipici antipasti toscani come il tonno di coniglio, gli affettati e i formaggi locali e il patè di fegatini di pollo. Nel locale di Andrea Nasti sono ottimi anche i dolci, come la pinolata e i cantucci.

La Taverna di Vagliagli

Agriturismo

Il Poggio Rosso di Borgo San Felice

Ristorante fine dining all’interno della tenuta di Borgo San Felice immersa tra i vigneti del Chianti Classico del gruppo Relais & Chateaux. Il ristorante fa parte dell’impero di Enrico Bartolini, ma la cucina è quella dello chef colombiano Juan Quintero. La proposta gastronomica parte dal territorio per essere contaminata con ingredienti e sapori latinoamericani, e una bella dose di creatività. Lo chef del Poggio Rosso si fa anche portavoce di valori green e sostenibili – per il quale ha ottenuto anche il riconoscimento della stella verde da parte della Michelin – attraverso l’approvvigionamento etico di materie prime dalla Colombia (e non solo). Tre menu degustazione: I miei piatti del cuore (5 portate 175) con piatti come Ceviche di ricciola di Capraia all’acetosella e Riso del Chianti, cinghiale e cipressi; La mia Toscana Latinoamericana (5 portate 180), un percorso a mano libera solo a base di vegetali o pesce; e Intuizioni 2023 (6 portate 195), per scoprire il meglio della sua cucina dall’orto al mare, con piatti come Ravioli di peperoni arrostiti, jus alle vongole, lemongrass e limone. Per una fermata più informale l’Osteria il Grigio, dove provare i piatti della tradizione.

Ristorante Il Poggio Rosso

Taverna Squarcialupi

Ristorante ed enoteca nel centro storico di Castellina in Chianti che sorge dentro allo storico Palazzo Squarcialupi risalente al 1400 di proprietà di Mauro Maestrini. Accoglienza e cucina autentica dove il pane e la pasta vengono fatti in casa con farine biologiche dei grani antichi della fattoria, carni e formaggi locali e verdure stagionali. La cucina di Francesco Costagli si attiene alla tradizione con piatti come la loro celebre Terrina di fagiano con pan brioche ai fichi e tartufo, i Fegatini di pollo al Vin Santo su crema di formaggio e polenta croccante al cavolo nero, e il “Tortello del Pastore” con tartufo al profumo di maggiorana e crumble di grana. Questi si abbinano ai vini della fattoria, da degustare anche nella sala accanto alla bottaia d’invecchiamento con le antiche volte in pietra, dove si possono organizzare cene private. D’estate invece, si può mangiare nella terrazza panoramica incastonata nelle mura del borgo medievale, affacciata sul giardino con vista sulle colline chiantigiane.

Squarcialupi

CiboToday è anche su Whatsapp, è sufficiente cliccare qui per iscriversi al canale ed essere sempre aggiornati

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

CiboToday è in caricamento