Ricevi la nostra Newsletter

L'unico modo per non perderti nulla sulle novità gastronomiche suggerite da Cibotoday. Ogni mattina nella tua e-mail.

rotate-mobile
Mercoledì, 19 Giugno 2024
Le Storie

Nella classifica dei ristoranti più seguita (e fuorviante) al mondo l’Italia perde colpi

The World’s 50 Best Restaurant è stata vinta quest’anno dal ristorante Disfrutar di Barcellona, che fa tornare il testimone in Europa. Per l’Italia invece cattive notizie: soli 4 ristoranti tra i migliori 50 al mondo

Si è conclusa ieri, mercoledì 5 giugno 2024, la cerimonia di premiazione della classifica The World’s 50 Best Restaurants. La ristorazione mondiale si è riunita a Las Vegas, negli Stati Uniti, per decretare il migliore talento gastronomico al mondo. 26 paesi da 5 continenti rappresentati attraverso la cucina, sottolineando differenze e nuovi scenari globali. Infatti dopo la vittoria nel 2023 del Central di Lima, in Perù, dello chef Virgilio Martínez, i riflettori tornano in Europa. Primo ristorante al mondo è il Disfrutar di Barcellona, mentre per gli italiani un passo indietro nella classifica. Ecco come. Senza dimenticare che nel 2025 la manifestazione si svolgerà a Torino

I vincitori dei 50Best 2024 del ristorante Disfrutar-2

Gli italiani nella classifica dei 50 Best Reastaurants

Lontani i tempi in cui Massimo Bottura raggiungeva la vetta più volte, ora gli italiani sembrano piuttosto retrocedere rispetto agli anni precedenti. Il Ristorante Lido 84, dei fratelli Camanini a Gardone Riviera, se l’anno scorso aveva stupito per la settima posizione ora retrocede alla 12°. Lo chef abruzzese Niko Romito, del Ristorante Reale a Castel di Sangro, rimane tra i primi 20 ma scende di tre posizioni (dal 16 al 19). Altro calo quello dello chef Mauro Uliassi, dell’omonimo ristorante tre stelle Michelin a Senigallia, che dalla 34° posizione passa alla 50°. Mauro Uliassi al lavoro

Buone notizie solo per Enrico Crippa di Piazza Duomo ad Alba che sale di tre posizioni, dalla 42° alla 39°, anche se nel 2023 si posizionava 19°. Sparisce per un soffio dalla classifica dei migliori 50 Alajmo, bloccato alla 51° posizione (nel 2023 era alla 41°). Mentre il nuovo ristorante di Norbert Niederkofler a Brunico, Altelier Moessmer, compare nella classica per la prima volta alla posizione 52. Nessuna traccia di Enrico Bartolini che l’anno scorso si trovava alla posizione 85° con il suo ristorante al Mudec di Milano. Significa che da Uliassi o da Romito quest’anno si mangia peggio dell’anno scorso? Ma neppure per sogno! Anzi. Si tratta di una classifica con risultati che davvero poco hanno a che fare con la reale qualità dei ristoranti in graduatoria.Norbert Niederkofler, ©Studio Ignatov

Le prime posizioni della classifica e il metodo di votazione

Torna dunque il testimone in Europa grazie alla vittoria del ristorante Disfrutar con il trio di chef Oriol Castro, Eduard Xatruch e Mateu Casañas. Locale all'avanguardia che raccoglie l’eredità tecnica di Ferran Adrià (secondo alcuni osservatori senza grandi innovazioni rispetto alle rivoluzioni di 25 anni fa), portando sulla tavola tanta innovazione oltre a materie prime eccellenti. Alla seconda posizione Asador Etxebarri nei Paesi Baschi, regno della griglia dello chef Victor Arguinzoniz, e nel gradino più basso del podio la Table by Bruno Verjus a Parigi. Ma come si vota il miglior ristorante al mondo?

Asador Etxebarri

Nato come un sondaggio di redazione nella rivista inglese Restaurant, mano a mano la classifica si è strutturata fino a coinvolgere oggi un'Academy di 1.080 esperti. Al suo interno chef, giornalisti e gastronomi itineranti, suddivisi per aree geografiche e chiamati e votare per zone di competenza. Con criteri discutibili e opachi e con polemiche che si rinnovano di anno in anno. Gli ispettori sono tendenzialmente anonimi anche se poi nel settore non è difficile arrivare ai nomi di chi è coinvolto (e tirato per la gaicchetta da agenzie di comunicazione e uffici stampa). Sono guidati da un capo area (in Italia c’è la giornalista Eleonora Cozzella della testata Il Gusto del gruppo GEDI), e possono votare qualsiasi ristorante nel globo purché lo abbiano visitato. Questo infatti porta a svantaggiare i locali più remoti o meno inseriti nel sistema e nel valzer degli inviti, dei viaggi pagati, dei press trip, che ovviamente non riescono ad attrarre i giurati. Inoltre c’è il tema degli sponsor: la 50 Best è una manifestazione ricchissima di accordi commerciali che a molti fanno pensare a possibili pressioni dall’alto. Anche se la manifestazione ribadisce perentoriamente l’assoluta indipendenza della propria giuria. Il prossimo anno la premiazione si terrà in Italia, a Torino, dunque per l’anno successivo, vista la inevitabile transumanza di votanti, è prevista una significativa crescita dei ristoranti italiani. Vedremo nel 2026, per ora appuntamento in Piemonte al 2025 con la classifica mondiale dei ristoranti più fuorviante e più influente che ci sia.

Ecco la classifica dei primi 50

1 Disfrutar, Barcellona (Spagna)

2 Asador Etxebarri, Atxondo (Spagna)

3 Table by Bruno Verjus, Parigi (Francia)

4 DiverXO, Madrid (Spagna)

5 Maido, Lima (Perù)

6 Atomix, New York (USA)

7 Quintonil, Città del Messico (Messico)

8 Alchemist, Copenaghen (Danimarca)

9 Gaggan, Bangkok (Thailandia)

10 Don Julio, Buenos Aires (Argentina)

11 Septime, Parigi (Francia)

12 Lido 84, Gardone Riviera (Italia)

13 Trèsind Studio, Dubai (Emirati Arabi)

14 Quique Dacosta, Denia (Spagna)

15 Sézanne, Tokyo (Giappone)

16 Kjolle, Lima (Perù)

17 Kol, Longra (Regno Unito)

18 Plénitude, Parigi (Francia)

19 Reale, Castel di Sangro (Italia)

20 Wing, Hong Kong

21 Florilège, Tokyo (Giappone)

22 Steiereck, Vienna (Austria)

23 Suring, Bangkok (Thailandia)

24 Odette, Singapore

25 El Chato, Bogotà (Colombia)

26 The Chairman, Hong Kong

27 A casa do Porco, San Paolo

28 Elkano, Gipuzkoa

29 Boragó, Santiago del Cile

30 Restaurant Tim Raue, Berlino

31 Belcanto, Lisbona

32 Den, Tokyo

33 Pujol, Mexico City

34 Rosetta, Mexico City

35 Frantzén, Stoccolma

36 The Jane, Anversa

37 Oteque, Rio de Janeiro

38 Sorn, Bangkok

39 Piazza Duomo, Alba

40 Le Du, Bangkok

41 Mayta, Lima

42 Ikoyi, Londra

43 Nobelhart & Schmutzig, Berlino

44 MIngles, Seoul

45 Arpège, Parigi

46 Singlethread, California

47 Schloss Schauenstain, Fürstenau

48 Hiša Franko, Kobarid

49 La Colombe, Cape Tow

50 Uliassi, Senigallia

CiboToday è anche su Whatsapp, è sufficiente cliccare qui per iscriversi al canale ed essere sempre aggiornati

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

CiboToday è in caricamento