Ricevi la nostra Newsletter

L'unico modo per non perderti nulla sulle novità gastronomiche suggerite da Cibotoday. Ogni mattina nella tua e-mail.

rotate-mobile
Sabato, 24 Febbraio 2024
Le Storie

Le esperte spiegano come si prepara e si serve una perfetta tazza di tè all’inglese

Abbiamo chiesto a una Tea Sommelier e all'unica trainer italiana di Etiquette certificata di svelarci i trucchi per preparare il miglior afternoon tea possibile

Non solo vezzi per salotti polverosi: dietro all’istituzione del tè delle 5 si nasconde un cerimoniale ben preciso, dove niente è affidato al caso. Neanche il modo in cui teniamo la tazza o la posizione in cui lasciamo il cucchiaio nel piattino. Dunque come si prepara la tazza da tè perfetta? In stile inglese, ovviamente, perché se ci spostassimo per esempio in Oriente tra Cina e Giappone le regole del gioco sarebbero totalmente diverse. Dopo aver capito come si riconosce un tè di alta qualità, questo potrebbe essere un ulteriore step.

L’abbiamo chiesto proprio a chi ha fatto del tè e del Galateo un vero e proprio stile di vita: l’unica trainer italiana di Etiquette certificata dalla International Protocol and Etiquette Academy di Londra, Elisa Motterle, e la Tea Sommelier di The St. Regis Florence, Elena Matei. Il rituale del tè pomeridiano scandisce del resto la proposta del noto brand di hôtellerie insieme al Sabrage, al Bloody Mary e alla Midnight Supper. E se per Elisa "l'affascinante rituale dell'afternoon tea offre l'opportunità perfetta per riscoprire la cura dei dettagli e il piacere delle relazioni sociali", per Elena “l'aspetto più affascinante di questo mondo è il potersi fermare dal caos di tutti i giorni e godersi ogni secondo". Di seguito i loro dieci consigli per la tazza da tè perfetta, tanto dal punto di vista del contenuto quanto e soprattutto da quello delle modalità di servizio e degustazione.

Afternoon Tea con il tè

Elisa Motterle racconta l’etichetta delle buone maniere del tè

Il servizio

In una casa privata è sempre chi invita a versare il tè agli ospiti, come segno - lo dice lo stesso termine - di ospitalità. Il tè in passato era infatti una bevanda estremamente pregiata e l'onore di maneggiare la teiera spettava unicamente alla padrona di casa.

Il cucchiaino

Il cucchiaino si usa per mescolare, senza produrre alcun rumore. Una volta mescolato, va fatto sgocciolare sopra la tazza e collocato sul piattino parallelo a noi. Mai bere da una tazza dalla quale non è stato rimosso il cucchiaino.

Tazza o piattino

Tazza, piattino o entrambi? Se sediamo a un tavolo alto solleveremo solo la tazza, mentre il piattino resta sul tavolo. Se invece prendiamo il tè in poltrona, in piedi o su un tavolino basso solleveremo sia il piattino che la tazza.

Il finger food

Il finger food che accompagna l'afternoon tea si mangia – esattamente come suggerisce la parola - con le dita. Si comincia dai bocconcini salati, si procede con gli scones accompagnati da clotted cream e marmellata rossa per terminare infine con la piccola pasticceria.

Come tenere la tazza

Mignolo alzato? Assolutamente no! Per tenere la tazza con eleganza il manico va "pizzicato" tra pollice e indice, usando il medio per bilanciare, e il mignolo non va alzato in uno svolazzo. È consentito invece, se la tazza è molto grande, aiutarsi a sorreggerla con due dita della mano sinistra.

Una tazza di tè

Elena Matei spiega come fare la tazza di tè all’inglese perfetta

La qualit à dell'acqua

L'acqua è l'elemento che consente di esaltare al massimo le qualità del tè. Per questo bisogna scegliere acqua fresca corrente, possibilmente di sorgente oppure filtrata: nell'acqua di rubinetto possono essere presenti calcare o altri minerali che alterano il sapore dell'infusione.

La temperatura dell'acqua

Portare l'acqua alla temperatura corretta: i tè richiedono temperature differenti a seconda della tipologia. L'acqua ad alte temperature va benissimo per gli infusi e le tisane, ma può risultare troppo aggressiva per le foglie del tè.

Il tempo di infusione

Mai dimenticare di condizionare la teiera, scaldandola con un po' d'acqua bollente che verrà eliminata prima di procedere alla preparazione del tè vero e proprio. I tempi corretti di infusione variano a seconda della miscela: 2 o 3 minuti per i tè bianchi e verdi, circa 4 minuti per i tè neri.

La preparazione della teiera

Il metodo migliore per preparare il tè è quello di mettere le foglie nella teiera, aggiungere un po' di acqua calda per dare il tempo alle foglie di distendersi e solo in un secondo momento allungare questa miscela con la rimanente acqua bollente.

Come dolcificare il t è

Come nel caso del caffè, il tè di alta qualità per essere gustato al massimo delle sue potenzialità non andrebbe mai addizionato con ingredienti che rischiano di coprirne il gusto (né di latte, miele, zucchero o limone). Tuttavia, nel caso in cui ci fosse qualche ospite che vuole a tutti i costi dolcificare il tè, meglio lo zucchero bianco: lo zucchero di canna può risultare infatti troppo aromatico assieme al tè, proprio come succederebbe con la panna.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

CiboToday è in caricamento