Ricevi la nostra Newsletter

L'unico modo per non perderti nulla sulle novità gastronomiche suggerite da Cibotoday. Ogni mattina nella tua e-mail.

rotate-mobile
Mercoledì, 19 Giugno 2024
Le Storie

Ecco come iscriversi al concorso che vuole scegliere il miglior formaggiaio d’Italia

Si tratta del Gran Premio del Formaggiaio, concorso creato dalla Guilde Internationale des Fromagers, associazione sull’arte casearia con sedi in tutto il mondo. Il vincitore rappresenterà l’Italia ai Mondiali del Formaggio in Francia a settembre 2025

Il Gran Premio del Formaggiaio è il concorso che premia il lavoro dei professionisti che opera nella gestione e la cura del formaggio, all’interno di ristoranti e botteghe. Alla sua terza edizione, la gara punta a valorizzare l’arte casearia e soprattutto chi c’è dietro elevando il ruolo e le competenze di figure molto spesso lasciate ai margini.

Banconisti, rivenditori, professionisti di sala e formaggiai di tutta Italia sono chiamati a iscriversi entro il 26 maggio 2024.  Alla fine della competizione, che si terrà a Bergamo il 25 settembre in occasione di B2Cheese, il vincitore avrà la possibilità di partecipare, rappresentando l’Italia, al Concorso Internazionale Meilleur Fromager. Premio blasonato che verrà conferito all’interno dei Mondial du Fromage, in programma a settembre 2025 in Francia. Ecco chi può partecipare e come.

Guermandi, il vincitore dell'anno scorso

Gran Premio del Formaggiaio e la confraternita che ne valorizza il ruolo

Il Gran Premio del Formaggiaio 2024 è organizzato dalla Guilde Internationale des Fromagers. Un’organizzazione non profit che si propone di riunire il settore lattiero-caseario di tutti i livelli, creando un fronte comune che veicola il sapere di questa arte. Possono confluire nella Guilde tutti i professionisti di settore, senza alcuna distinzione tra i ruoli: allevatori, casari, produttori, trasformatori, affinatori e rivenditori. Una realtà ben radicata che oggi conta 8700 membri sparsi in tutto il mondo, per un totale di 33 paesi.

La Guilde ha una storia affascinante. Venne fondata nel 1969 dal parigino Pierre Androuet, affinatore, rivenditore di formaggi nonché autore di diversi libri. Fu proprio Androuet a scoprire la storia di San Lucio, un pastore del Seicento dedito ad aiutare i poveri delle campagne con la donazione di latte. Scoperto dal suo padrone venne brutalmente ucciso, tanto che oggi per questo motivo è diventato protettore dei pastori e formaggiai di tutto il mondo. Chiamato anche Uguzzone, il suo culto si celebra ogni anno il 12 luglio, e a lui è dedicata un’altra famosa confraternita francese dal nome Confrèrie de Saint-Uguzon. Organizzazione che premia quelle persone che con il loro impegno pubblico o politico promuovono i prodotti caseari del territorio, nonché ora confluita all’interno della Guilde Internationale des Fromagers. In Italia la Gilda dei Formaggiai ha sede a Casale Monferrato, in Piemonte, e tra le altre cose ha il compito di organizzare anche il Gran Premio del Formaggiaio.

La Guilde International des Fromagers

Come partecipare al Gran Premio del Formaggiaio: le regole e le scadenze

C’è tempo fino al 26 maggio 2014 per iscriversi al concorso. Leggiamo dalla loro pagina web: “Sei un formaggiaio, un banconista, un rivenditore di formaggi? Ti occupi di taglio e gestione del formaggio? Allora possiedi i requisiti per partecipare”. Basta scaricare il modulo disponibile nel sito, compilarlo e allegare la foto di un plateau di 6 formaggi, di cui almeno 4 DOP, a tema “I colori del Latte”. Inoltre è necessaria la spiegazione dei formaggi scelti e il perché, oltre al pagamento di una quota di 20€ per l’iscrizione. Una giuria valuterà autonomamente e in forma anonima i lavori, e il 31 maggio 2024 verranno resi noti i nomi dei 5 finalisti della terza edizione del Gran Premio del Formaggiaio. Chiamati poi a partecipare alla fase finale a Bergamo durante B2Cheese il 25 settembre.

Il concorso che premia il migliore formaggiaio d'Italia

Come si svolgerà la fase finale del Gran Premio del Formaggiaio a Bergamo

Come abbiamo già sottolineato in questo articolo, dove ci siamo soffermati sulla corretta gestione del carrello dei formaggi, quello del formaggiaio è un mestiere non scevro di insidie. Deve conoscere il territorio, l’animale, deve sapere come è stato creato il formaggio, e poi anche abbinarlo, tagliarlo e non da ultimo conservarlo. Tutte componenti che verranno valutate dalla giuria di esperti. Infatti a Bergamo i 5 finalisti si sfideranno con una degustazione alla cieca, composta dall’assaggio di 4 formaggi di 4 categorie differenti in cui bisogna indovinare il nome, la tipologia del latte usato, la provincia di produzione e i mesi di stagionatura. Segue poi la presentazione di un gran plateau, la prova di taglio su 250gr di prodotto, il taglierino di presentazione, e poi l’abbinamento con un piatto. Solo uno si aggiudicherà il premio Migliore Formaggiaio d’Italia e la possibilità di volare a Tours, in Francia, per il Concorso Internazionale Meilleur Fromager.

CiboToday è anche su Whatsapp, è sufficiente cliccare qui per iscriversi al canale ed essere sempre aggiornati

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

CiboToday è in caricamento