Ricevi la nostra Newsletter

L'unico modo per non perderti nulla sulle novità gastronomiche suggerite da Cibotoday. Ogni mattina nella tua e-mail.

rotate-mobile
Sabato, 24 Febbraio 2024
Le Storie

Le grandi aziende alimentari italiane lanciano un concorso per migliorare il loro packaging

È partita il 4 dicembre 2023 la sfida del consorzio Italia del Gusto e l’incubatore del food-tech Eatable Adventures rivolta alle startup. Si cercano nuovi materiali e processi per risolvere l’enorme problema degli imballi

Il ruolo dell’industria alimentare nell’ambito delle strategie per un futuro sostenibile è un tema ampio, la cui analisi non è più prorogabile. Alla lotta agli sprechi, la gestione di filiere virtuose e l’auspicabile riduzione dei prodotti da allevamenti intensivi va aggiunto un tema ugualmente importante: l’impiego del packaging alimentare, diventato se possibile ancora più stringente dopo la fase pandemica, con il suo proliferare di imballi monouso. Per affrontare il problema, il 4 dicembre 2023 il consorzio di imprese del settore alimentare e vinicolo Italia del Gusto e l’acceleratore di aziende nascenti del food-tech Eatable Adventures hanno lanciato un concorso aperto alle startup per identificare soluzioni sostenibili, innovative e funzionali proprio in questo ambito. Ecco di cosa si tratta.

Plastiche monouso per recipienti alimentari

Il peso del packaging nell’industria alimentare

Pochi dati che danno la misura dell’entità del problema: in Europa il 40% di tutte le materie plastiche e il 50% della carta sono impiegati per la fabbricazione di imballaggi, con un’alta percentuale relativa nello specifico al comparto alimentare. Materiali “usa e getta” pressoché impossibili da riutilizzare, che lasciano un segno sia al loro passaggio — il problema dell’inquinamento da plastiche e microplastiche negli ecosistemi marini, e non solo, ha proporzioni enormi — sia al momento dello smaltimento. È la crescente preoccupazione ambientale, per le industrie come per i consumatori, insieme alla necessità di individuare confezioni funzionali alla conservazione degli ingredienti, a portare così otto grandi aziende del consorzio Italia con Gusto ad aprirsi al contributo delle startup. Amica Chips, Auricchio, PanPiuma, Parmalat, Ponti, Rovagnati, Urbani Tartufi e Valsoia si apriranno alla collaborazione con realtà nascenti e sperimentali, per favorire la condivisione di conoscenze nell’ottica collaborativa e orizzontale dell’“open innovation”.

Imballi e posate compostabili

Il concorso rivolto alle startup per innovare il packaging

Dal 4 dicembre 2023 le startup interessate potranno partecipare seguendo le linee guida su italiadelgustochallenge.com, candidandosi per collaborare con alcuni dei maggiori player dell’industria alimentare italiana. “Il Consorzio è consapevole dell’importanza di creare sinergie con nuove realtà emergenti e startup all’avanguardia per innovare in maniera sostenibile; per questo ha deciso di lanciare con Eatable Adventures questa sfida per cercare soluzioni sostenibili nel packaging dei prodotti”, dichiara Giacomo Ponti, Presidente del Consorzio Italia del Gusto, primo consorzio privato di imprese del settore alimentare i cui soci sono selezionati per qualità e importanza del brand, attivo dal 2006. “Investire in startup che lavorano su soluzioni trasformative è fondamentale in un Paese come l’Italia, dove l’agroalimentare è tradizionalmente uno dei punti di forza dell’economia” continua Alberto Volpe, suo Direttore Generale.

Gli obiettivi della campagna di Italia del Gusto e Eatable Adventures

Le proposte provenienti dalle startup dovranno focalizzarsi su precise aree strategiche, ciascuna cruciale in termini di sostenibilità, riduzione dei costi, nonché individuazione di materiali innovativi. Da un lato si cercano soluzioni per ridurre l’impiego di plastica, stimolare il riciclo di imballi esistenti e incentivare alternative economie; dall’altro proposte all’avanguardia per prolungare la conservazione dei prodotti, migliorandone le caratteristiche funzionali e favorendo la comodità del consumo. Infine il focus sull’efficientamento dei processi, con l’obiettivo di immaginare soluzioni che contengano i costi di produzione e migliorino la tracciabilità. 

Per info: italiadelgustochallenge.com

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

CiboToday è in caricamento