Ricevi la nostra Newsletter

L'unico modo per non perderti nulla sulle novità gastronomiche suggerite da Cibotoday. Ogni mattina nella tua e-mail.

rotate-mobile
Giovedì, 18 Aprile 2024
Le Storie

A Lucca nasce un nuovo festival internazionale di gastronomia, arte e cucina

Lo firma la prestigiosa rivista Cook_inc e sarà un’intera giornata dedicata a far coincidere arti, racconto e assaggio, con ospiti da tutta Italia che arrivano dentro un mercato

Dalla mattina alla sera (forse anche alla notte) del 7 aprile a Lucca succede qualcosa di bello, un festival che intreccia varie competenze e ruota intorno al cibo. Lo organizza Cook_inc una delle migliori riviste di enogastronomia nata in Italia ma con uno spirito e una vocazione internazionale, per mano della direttrice Anna Morelli e poi edito da Vandenberg Edizioni. All’organizzazione e alla cura dei numeri che raggiungono gli appassionati di cucina più volte l’anno, anche Greta Contardo e Claudia van den Berg Morelli.

Dal magazine all’organizzazione dell’evento a Lucca

I proprietari del ristorante Giglio di Lucca

Ma le cose che funzionano devono muoversi anche al di fuori dei soliti binari, ecco dunque la carta prendere vita e trasformarsi in una giornata da dedicare alla conoscenza, alla comunità e al divertimento. Cook_inc festival si svolgerà al Mercato del Carmine, progetto di riqualificazione degli storici spazi del mercato di Lucca e della ex chiesa di Santa Maria del Carmine, a cura della società 4223. In collaborazione con la redazione c’è anche il Ristorante Giglio, apprezzata realtà gastronomica della città, che è anche il quartier generale di questo magazine, guidato da Lorenzo Stefanini, Stefano Terigi e Benedetto Rullo. A loro il compito di coordinare gli chef che si daranno appuntamento la sera per una cena collettiva con ospiti da tutta Europa.

Una cena collettiva: la lista degli chef ospiti

Gli chef presenti saranno, oltre quelli de Il Giglio, Chiara Pavan e Francesco Brutto del ristorante Venissa a Mazzorbo (VE), Karime Lopez e Takahiko Kondo di Gucci Osteria a Firenze, Juri Chiotti di Reis – cibo libero di montagna a Chiot Martin (CN), Alvaro Clavijo di El Chato a Bogotà in Colombia, Agata Felluga di Trattoria Cacciaconti a Rocchette di Fazio (GR), Lorenzo Lunghi e Pietro De Feudis del Ristorante Torre della Fondazione Prada di Milano, Emilie Qvist Kjærgaard e Simon Seidelin Basballe da Copenaghen, Damiano Donati di Fattoria Sardi a Lucca, Alessandro Miocchi e Giuseppe Lo Iudice di Retrobottega a Roma, Dario Cecchini dell’Antica Macelleria Cecchini a Panzano in Chianti e Manuela Parisi dell’azienda agricola Le Macchie (PI).

Il programma della giornata, dalla colazione al dopo cena

Una vista del mercato di Lucca dove si svolgerà l'evento

Ma siamo partiti dalla fine quando, come detto, si comincerà la mattina invece con la colazione delle 10:30 organizzata da Forno Brisa. Alle 11:30 e poi alle 12:30 due appuntamenti, uno con l’etnobotanico Andrea Pieroni, l’altro con il fotografo Massimo Vitali. Il pranzo è affidato alle mani (e agli impasti) di Bonny Pizza sempre a Lucca. Alle 15, 16 e 17 tre appuntamenti. Il primo con i mieli Thun raccontati da Francesca ed Elena Parternoster, poi il semiologo e saggista Gianfranco Marrone, infine una tavola rotonda su vino e musica con Maurizio Carucci di Cascina Barbàn ed Ex Otago, Agata Felluga di Trattoria Cacciaconti, Alberto Farinasso di Triple A.

Linguaggi universali tra musica e cucina

Alle 20 è il turno della cena, che si concluderà con un dj-set guidato da Fischio. Intanto faranno da contenuto non solo da contorno le opere esposte nello spazio di Massimo Vitali, Paolo Zero-T e Tommaso Protti. Il tema della giornata va sotto il concetto di “Linguaggi Universali”, perché, come spiegano dall’organizzazione, “La musica è un linguaggio universale perché ovunque essa si manifesta ha una forte capacità di aggregare le persone. Lo stesso si può dire del cibo, o meglio della cucina, intesa come l’atto del cucinare insieme. Musica e cucina sono espressioni artistiche che non hanno confini e non necessitano di parole per promuovere il dialogo e l’inclusione. Vogliamo declinare questi linguaggi invitando esperti di diversi settori. Ci auguriamo di creare sinergie in un ambiente rilassato e positivo, curioso e divertente”. La quota di partecipazione all’evento è di 160 euro (con lo sconto per gli early bird) oppure di 180 euro (prezzo intero) tutto incluso dalla colazione al dopocena. I biglietti sono acquistabili qui, mentre maggiori informazioni sul Festival sono disponibili qui.

CiboToday è anche su Whatsapp, è sufficiente cliccare qui per iscriversi al canale ed essere sempre aggiornati

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

CiboToday è in caricamento