Ricevi la nostra Newsletter

L'unico modo per non perderti nulla sulle novità gastronomiche suggerite da Cibotoday. Ogni mattina nella tua e-mail.

rotate-mobile
Mercoledì, 17 Aprile 2024
Le Storie

Cosa si mangia nei Carnevale nel mondo nazione per nazione

Dal Brasile alla Russia passando per Francia e Spagna ecco le feste di Carnevale più famose. Ogni luogo ha la propria ricetta: dai dolci fritti ai piatti di carne

Il Carnevale si sta avvicinando, la festa che unisce ogni popolazione a qualsiasi latitudine del globo. Momento di goliardia, celebrazione che in molti casi anticipa e prepara alle morigeratezze degli appuntamenti religiosi, il carnevale si festeggia dal Brasile alla Russia. Ogni luogo porta con sé tradizioni, parate, costumi e ovviamente una serie di ricette che rispecchiano la storia e le usanze gastronomiche del paese. Infatti il Carnevale vive anche al di fuori dell’Italia con dolci golosi, fritti, e anche piatti che non ci si aspetterebbe che esulano dalla pasticceria. Se dunque da noi si assiste a un tripudio di castagnole, frappe, zeppole e dolci regionali, ecco le più curiose tradizioni del Carnevale nel resto del mondo.

Brasile – Rio De Janeiro: feijoada

La feijoada di Rio De Janeiro

Quando si pensa al Carnevale non può che saltare in mente quello di Rio De Jainero in Brasile. Musica, ritmo, colore, una mastodontica parata che non soffre confronti con nulla al mondo, il Carnevale di Rio è sicuramente il più famoso al mondo. Un evento che coinvolge oltre 2 milioni di persone e ben 200 scuole di samba, pronte a darsi battaglia per essere elette vincitrici nel luogo simbolo di questa festa: il Sambodromo. Ma cosa si mangia durante le celebrazioni? Uno dei piatti più noti è la feijoada, che non è un dolce ma una specie di stufato di fagioli con le parti meno nobili del maiale come orecchie, zampe, frattaglie, a cui si aggiunge riso bianco, insalata e fette di arancia. Un piatto consumato sia dalle famiglie brasiliane in ambito domestico che nei ristoranti tipici della città.

Stati Uniti – New Orleans: king cake

La king cake di New Orleans-2

Nello stato del Mississippi il Carnevale di New Orleans è il più antico di tutti gli Stati Uniti. Infatti nasce nel 1699 quando alcuni esploratori francesi introdussero la festa del Mardi Gras – chiamato anche Fat Tuesday – ancora oggi una delle feste più grandi al mondo. Una parata a suon di jazz per le strade della città, dove migliaia di persone partecipano vestite con i colori ufficiali del Carnevale: viola, verde e oro. A New Orleans il piatto ufficiale di questo periodo è la king cake, ovvero una ciambella glassata con i colori della festa al cui interno è nascosta una figurina che raffigura un re, tradizione che riprende quella della galette du roi d’ispirazione francese.

Cipro – Limassol: bourekia

I Bourekia dell'isola di Cipro

Inizia 11 giorni prima il Carnevale dell’isola di Cipro, in Grecia, uno dei più famosi in tutta la nazione. La parata più importante si svolge a Limassol e si balla per le strade della città con vestiti e costumi tipici, tra danze e musica tradizionale. Tra i piatti più noti del Carnevale c’è sicuramente la bourekia, un dolce tradizionale che riempie le vetrine di ogni pasticceria dell’isola. Una specialità cipriota a forma di mezzaluna ripiena di formaggio e aromatizzata con miele, cannella e zucchero. Si usa un formaggio tipico, il manouri, un latticino greco DOP molto simile alla nostra ricotta di capra.

Spagna - Santa Cruz de Tenerife: papas arrugadas

Papas arrugadas di Tenerife

Tra le parate più spettacoli al mondo c’è proprio quella di Tenerife, l’isola delle Canarie che ogni anno porta migliaia di turisti proprio per il Carnevale. Sono infatti quasi 2 milioni le persone che partecipano a questa mastodontica festa che viene considerata la seconda festa più popolare solo dopo il Carnevale di Rio. Carri, danze, costumi che hanno il loro apice nella festa per l’elezione della Regina del Carnevale, evento addirittura trasmesso in diretta tv. Tra i piatti tipici ci sono le papas arrugadas ovvero le patate rugose. Vengono fatte bollire per ore finché non assumono questo tipico aspetto accartocciato e servite con salsa mojo ovvero una preparazione a base di peperone, aglio, aceto e olio.

Francia – Nizza: ganses

Le ganses di Nizza

In Francia il Carnevale più celebre è quello di Nizza, che dura per ben 15 giorni fino al martedì grasso. La città sul Mediterraneo, tra le più note della Costa Azzurra, schiera ben 6 parete con 17 carri in una goliardica parata che ha il suo culmine con la battaglia dei fiori. Durante la Bataille de Fleurs oltre 250 mila steli di fiori che si producono solo nella zona vengono lanciati dai carri sulla folla, per uno spettacolo di colori e profumi. Cosa si mangia durante la festa? Il dolce tipico qui è la ganse, traduzione delle nostre bugie di Carnevale. Farina setacciata, uova, zucchero, burro morbido, lievito, acqua di fiori d'arancio o grappa e zucchero a velo: ovviamente da friggere.

Russia – Mosca: blinys

I blinys russi

Nonostante la Russia non sia un paese di tradizione cattolica, anche qui non mancano le celebrazioni per il Carnevale. Si chiama festa di Meslenitsa, ed è una festa di origini antichissime e pagane, che precede la Quaresima ortodossa. In questi giorni il piatto tipico è rappresentato da una sorta di crepes dolci, servite ben calde una sopra all’altra su un piatto di ceramica al centro del tavolo. Si riempiono con marmellate, miele, burro fuso, o panna acida.

CiboToday è anche su Whatsapp, è sufficiente cliccare qui per iscriversi al canale ed essere sempre aggiornati

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

CiboToday è in caricamento