Ricevi la nostra Newsletter

L'unico modo per non perderti nulla sulle novità gastronomiche suggerite da Cibotoday. Ogni mattina nella tua e-mail.

rotate-mobile
Sabato, 20 Aprile 2024
Le Storie

L'invenzione del panettone a sorpresa, da comprare senza sapere chi l’ha fatto

Bagai, azienda cioccolatiera di Piacenza, ha deciso di puntare su un Natale a sorpresa, chiamando cinque artigiani della panificazione. Ecco come funziona il mistery box

Un panettone a sorpresa: è questa l’idea dietro all’iniziativa di Bagai, realtà di Piacenza dedita alla produzione di cioccolato di qualità, per il Natale 2023. Un panettone che non è solo un grande lievitato ma, raccontano, “un atto di fiducia”. La mente dell’iniziativa è quella di Marcello Guglielmetti, Alberto Rubini e Giulia Foppiani, i tre giovani appassionati che hanno fondato il loro laboratorio a Piacenza per lavorare il cioccolato con processo artigianale bean to bar, ovvero seguendo direttamente tutte le fasi di lavorazione, dalla fava di cacao al prodotto finale.

La spalmabile di Bagai

Come si lavora il cioccolato bean to bar

E così nel laboratorio di casa si fa la selezione dei prodotti, la tostatura con occhio attento, la creazione delle tavolette, anche l’incarto fatto a mano e non nelle macchine, passando per maturazione, raffinazione e temperaggio. Il cioccolato prodotto è fatto solo con fave di cacao e zucchero di canna grezzo. Ne escono fuori soprattutto tavolette, fatte con fave di cacao che vengono da Guatemala, Ecuador, Perù e lavorate pure con qualche piccola aggiunta: granella di nocciole, caffè, petali di fiordaliso. Poi c’è la crema spalmabile in barattolo, vero best seller della casa: si chiama La Enrico ed è fatta con nocciole al 62% provenienti dalla piantagione di Perino in Val Trebbia, polvere di cacao e zucchero.

La lavorazione del cioccolato da Bagai

Il panettone con sorpresa: “ci vuole fiducia”

Per quest’anno, con le stesse premesse, nasce il panettone dei Cinque Artigiani. Sono Manuela Bonizzoni di Panu Manu a Pavia, Giulia Busato di Tòcio a Noale in provincia di Venezia (in apertura in questi giorni con il suo panificio), Lorenzo Cagnoli di Pasta Madre a Rimini, Stefano Chieregato di Chiere a Piacenza e Marco Lattanzi de Il Toscano a Corato, in Puglia.

La bellissima scatola con i panettoni a sorpresa di Bagai

Una sola scatola, tutta bianca con la scritta in rilievo visibile solo con una certa luce, accoglie a turno i panettoni preparati dai cinque professionisti con cioccolato fondente 70% monorigine Guatemala. La scelta è voluta: “questo progetto mette la rete e la materia prima al centro, lasciando fuori ogni autocelebrazione da pastry star per parlare di filiera, artigiani e scelte consapevoli” spiegano da Bagai “ci vuole fiducia nel non sapere cosa si sta acquistando, ma la promessa è che sarà un panettone di qualità, fatto con amore da un artigiano consapevole e responsabile delle proprie scelte di materia prima, ricerca e lavorazione”.

Prezzo del panettone, eventi e podcast

I panettoni si possono acquistare sullo shop online della cioccolateria (questo il link), tutti allo stesso prezzo di 39€, nel formato da un kilo. Gli artigiani coinvolti saranno anche protagonisti di un podcast dal titolo Scegli! che ha come filo narrativo le storie di chi ha cambiato vita. Inoltre si svolgeranno cinque eventi nelle cinque sedi dei negozi, con il seguente calendario: 18 Novembre – Panu Manu, Pavia 25 Novembre – Chiere, Piacenza 2 Dicembre – Pasta Madre, Rimini 7 Dicembre – Il Toscano, Corato (BR) 9 Dicembre – Tòcio, Noale (VE).

CiboToday è anche su Whatsapp, è sufficiente cliccare qui per iscriversi al canale ed essere sempre aggiornati

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

CiboToday è in caricamento