Ricevi la nostra Newsletter

L'unico modo per non perderti nulla sulle novità gastronomiche suggerite da Cibotoday. Ogni mattina nella tua e-mail.

rotate-mobile
Giovedì, 20 Giugno 2024
Personaggi

La prima chef messicana a ricevere una stella Michelin lavora in Italia (e faceva la pittrice)

Originaria di Città del Messico, studiava Arti Plastiche a Parigi ma poi si è innamorata della cucina. Di lì una carriera costruita nei migliori ristoranti del mondo che oggi la vede alla guida di Gucci Osteria da Massimo Bottura a Firenze

Nota per essere la prima chef donna messicana a ricevere una stella Michelin, Karime Lopez ha già una carriera costellata di successi. Ha viaggiato nelle cucine di alcuni dei migliori ristoranti del mondo, e adesso – insieme a suo marito Taka – guida il ristorante Gucci Osteria da Massimo Bottura a Firenze.

Karime Lopez e Takahiko Kondo-2

La storia di chef Karime López: dall’arte alla cucina

Nata a Città del Messico nel 1982, Karime López ha iniziato giovanissima il suo percorso nell’alta cucina. Finito il liceo, a soli 19 anni va a Parigi per studiare arte, pittura e scultura per la precisione. Ma presto il suo percorso cambia rotta: “quando studiavo Arti Plastiche a Parigi, mi fermavo a guardare le vetrine delle pasticcerie, estasiata. Vedevo pasticcini curati come gioielli, come opere d’arte. È lì che ho capito che quella era la mia strada, così ho cambiato e ho iniziato un corso di cucina”, ha dichiarato in un’intervista. Da quel momento non si è più fermata e inizia a collezionare una serie di esperienze notevoli.

Nel 2005 infatti, si trasferisce in Spagna dove tutto è iniziato ai fornelli del Can Fabes in Catalogna, poi Mugaritz a San Sebastian, Noma in Danimarca, Pujol a Città del Messico, RyuGin di Tokio e poi al Central di Lima a fianco di Virgilio Martinez dove è rimasta per 5 anni come sous chef. Infine, appunto, l'Osteria Francescana di Modena, dove è arrivata perché nel frattempo si era accompagnata con Takahiko Kondo – Taka – per 17 anni a fianco di Massimo Bottura, dal 2014 come sous chef. Infatti i due si sono conosciuti a un evento in Toscana, dove Martinez e Bottura avevano portato i loro rispettivi sous chef. ed è stato proprio il grande chef modenese a dare a Karime l’opportunità di proseguire con un percorso in solitaria e portare avanti la sua personale idea di cucina

La sala di Gucci osteria da Massimo Bottura a Firenze

Il ristorante Gucci Osteria da Massimo Bottura a Firenze

Massimo Bottura — patron di tutte e quattro le osterie Gucci nel mondo — ha affidato la cucina del locale di Piazza della Signoria a Karime sin dall’apertura: il 9 gennaio 2018. Solo un anno dopo riceve la Stella Michelin, diventando la prima donna messicana di sempre col macaron cucito sulla casacca. Sempre nel 2019 viene premiata come Miglior chef secondo la Guida Identità Golose 2019. Qualche anno più tardi, nel 2022 anche Taka ha raggiunto Karime a Firenze, occupandosi come co-executive del ristorante che Takada 4 anni ha ottenuto la sua prima stella Michelin. E mentre il lavoro le da grandi soddisfazioni, anche la vita privata regala gioie: i due si sposano e fanno una bambina. E dopo un primo periodo da pendolare Modena – Firenze (niente in confronto a Modena – Lima di qualche anno prima), nel 2022 Taka viene nominato co-executive chef di Gucci Osteria e raggiunge la moglie ai fornelli del fine dining della Maison.

dessert Gucci Osteria

Qui la coppia nel lavoro e nella vita, propone un’idea di cucina dove si fanno sentire le loro radici messicane e giapponesi, così come le contaminazioni internazionali frutto delle loro esperienze in giro per il mondo. Insieme sfidano la percezione tradizionale della cucina italiana, creando interpretazioni interessanti e divertenti. Un “melting pot” gastronomico in cui rientrano anche grandi classici oppure ricette di casa, rielaborate con tecnica e cura estetica, come vi abbiamo raccontato quando siamo entrati nella loro cucina. Dall’anguilla in Carrozza al Dessert sotto forma di pizza, dal Cannolo che vuole diventare un Cannellone a Viaggio in Messico, o ancora lo spaghetto Cassate non dire. Questi sono solo alcuni dei loro piatti signature che si possono trovare nei loro due percorsi degustazione: Gran Tour e Le Nostre Nuove Memorie (8 portate 200€).

Karime Lopez in cucina

La cucina di chef Karime Lopez

“Credo che la curiosità e la determinazione mi abbiano aiutata non solo nella mia carriera ma anche nella mia vita personale. Questi sono i miei due punti di forza”, afferma Karime, e noi non potremmo essere più d’accordo. La filosofia culinaria di Karime Lopez è radicata nella sua capacità di fondere influenze globali con ingredienti e tecniche locali. La sua cucina è un'esplosione di colori, sapori e consistenze che raccontano ricordi personali e storie di viaggio senza confini, cultura e amore per l'arte. Il tutto con un tocco sempre giocoso, senza essere per nulla dissacratorio, ma stimolando gli ospiti a lasciarsi andare e a divertirsi alla sua tavola. Mangiare da Gucci Osteria a Firenze “è un viaggio divertente, dove si sommano gli insegnamenti di Massimo, le esperienze che tutti i componenti del team hanno fatto all’estero, i sapori garantiti da eccellenti prodotti del Belpaese”.

CiboToday è anche su Whatsapp, è sufficiente cliccare qui per iscriversi al canale ed essere sempre aggiornati

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

CiboToday è in caricamento