Ricevi la nostra Newsletter

L'unico modo per non perderti nulla sulle novità gastronomiche suggerite da Cibotoday. Ogni mattina nella tua e-mail.

rotate-mobile
Sabato, 18 Maggio 2024
Personaggi

La lista di tutti i ristoranti premiati dalla Guida Michelin Italia per il 2024 

Anche quest’anno la Guida Michelin riconosce le sue stelle ai migliori ristoranti d’Italia. Due nuove insegne arrivano alle Tre Stelle Michelin, di cui una, attesissima, anche al Sud. Tutti i risultati

Presentata il 14 novembre 2023 la 69ma edizione della Guida Michelin Italia, che segnala i migliori ristoranti del nostro Paese per l’anno 2024. Dalla cerimonia di assegnazione al Teatro Grande di Brescia — Capitale Italiana della Cultura 2023 nonché capoluogo della zona vinicola della Franciacorta — arriva la notizia di 26 nuovi ristoranti con una stella, 5 nuove insegne con due stelle (due dei quali la conquistano da zero) e un totale di 13 tri-stellati, tra undici conferme e le novità di Atelier Moessmer di Norbert Niederkofler a Brunico (presente lo scorso anno con il St. Hubertus, poi chiuso) e di Quattro Passi di Fabrizio Mellino a Nerano. Includendo anche le 13 nuove stelle verdi, i ristoranti stellati nel nostro Paese salgono così al totale record di 395. Tutti i risultati.

Il Teatro Grande di Brescia, sede della cerimonia

Le novità della Guida Michelin Italia 2024

Il Direttore Internazionale delle guide Michelin Gwendal Poullenec (con un messaggio video) e il Direttore della Comunicazione di Michelin Italia Marco Do hanno fatto il punto sulla situazione ristorativa di alta fascia, con alcune novità interessanti. A precederle di qualche giorno l’assegnazione dei 29 BIB Gourmand inediti, mentre sono stati oggi annunciati i nuovi tre, due e una stella; oltre alle insegne con stella verde e i premi speciali. Promettente la presenza di molti giovani chef tra i premiati con una stella, un terzo dei quali è under 35 (con quattro addirittura under 30). Le regioni maggiormente vitali sono state LombardiaCampaniaToscana e infine Umbria, con ben tre nuovi ristoranti stellati in provincia di Perugia. Importante, e attesissimo riconoscimento anche al Sud, che accoglie uno dei due nuovi tristellati. Sorprese anche tra i 5 nuovi bi-stellati, con La Rei Natura di Michelangelo Mammoliti (Serralunga d’Alba) e Verso di Mario e Remo Capitaneo (Milano) che le ottengono da zero. Riceve il premio Mentor Chef Gaetano Trovato, mentre il riconoscimento Young Chef va a Maicol Izzo di Piazzetta Milù a Castellammare di Stabia, che agguanta anche la seconda stella. Tra i premi speciali, anche una nuova categoria che segnala le migliori proposte di pasticceria.

Il team dei due nuovi ristoranti con tre stelle, Quattro Passi e Norbert Niederkofler

I nuovi ristoranti con una stella Michelin (dopo il nome del ristorante c’è lo chef)

Ada, Ada Stifani — Perugia 

Alici, Crescenzo Scotti — Amalfi (Sa)

Orma, Roy Caceres - Roma

Vignamare, Giorgio Servetto — Andora (Sv)

Horto, Alberto Toè — Milano 

La Coldana, Alessandro Proietti Refrigeri — Lodi

Osmosi, Mirko Marcelli — Montepulciano (Si)

Nin, Terry Giacomello — Brenzone sul Garda (Vr)

Bluh Furore, Vincenzo Russo — Furore (Sa)

Casa Mazzucchelli, Aurora Mazzucchelli — Sasso Marconi (Bo)

Contrada Bricconi, Michele Lazzarini — Oltressenda Alta (Bg)

Sui Generis, Alfio Nicolosi — Saronno (Va)

Votavota, Giuseppe Causarano e Antonio Colombo — Marina di Ragusa

La Magnolia, Marco Bernardo — Forte dei Marmi (Lu)

Saporium Firenze, Ariel Hagen — Firenze

Elementi, Andrea Impero — Torgiano (Pg)

Vite, Simone Selva — Lancenigo (Tv)

Un piano nel cielo, Leopoldo Elefante — Praiano (Sa)

Il Marin, Marco Visciola — Genova

Il Fagiano, Maurizio Busi — Fasano del Garda (Bs)

Crocifisso, Marco Baglieri — Noto (Sr)

Cortile Santo Spirito, Giuseppe Torrisi — Siracusa

Il Visibilio, Daniele Canella — Castelnuovo Berardenga (Si)

Dolomieu, Fiorenzo Perremuto — Madonna di Campiglio (Tn)

Une, Giulio Gigli — Capodacqua (Pg)

Wood, Amanda Eriksson — Breuil, Cervinia (Ao)

I nuovi ristoranti con due stelle Michelin

Piazzetta Milù, Maicol Izzo — Castellammare di Stabia (Na)

Andrea Aprea — Milano

George Restaurant, Domenico Candela — Napoli

La Rei Natura, Michelangelo Mammoliti — Serralunga d’Alba (Cn)

Verso, Mario e Remo Capitaneo — Milano

I ristoranti con tre stelle Michelin

Atelier Moessmer, Norbert Niederkofler — Brunico (Bz), novità

Quattro Passi, Fabrizio Mellino — Nerano (Na), novità

Villa Crespi, Antonino Cannavacciuolo — Orta San Giulio (No)

Enrico Bartolini al Mudec — Milano

Ristorante Uliassi, Mauro Uliassi — Senigallia (An)

Piazza Duomo, Enrico Crippa — Alba (Cn)

Da Vittorio, Fratelli Cerea — Brusaporto (Bg)

Dal Pescatore, Famiglia Santini — Canneto sull’Oglio (Mn)

Reale, Niko Romito — Castel di Sangro (Aq)

Enoteca Pinchiorri, Riccardo Monco — Firenze 

Osteria Francescana, Massimo Bottura — Modena

Le Calandre, Massimiliano Alajmo — Rubano (Pd)

La Pergola del Rome Cavalieri, Heinz Beck — Roma

I nuovi ristoranti con una stella verde Michelin

Grow restaurant, Matteo Vergine — Albiate (Mb)

Hyle, Antonio Biafora — San Giovanni in Fiore (Cs)

Oasi Sapori Antichi, Serena Falco e Michelina Fischetti — Vallesaccarda (Av)

Horto, Alberto Toè — Milano

Radici, Mirko Gatti — San Fermo della Battaglia (Co)

Dal Pescatore, Nadia e Giovanni Santini — Canneto sull’Oglio (Mn)

La Cerreta Osteria, Enrico Bellino — Sassetta (Li)

Coltivare, Luca Zecchin — La Morra (Cn)

Saporium, Ariel Hagen — Chiusdino (Si)

Saporium Firenze, Ariel Hagen — Firenze (Si)

Il Piastrino, Riccardo Agostini — Pennabilli (Rn)

Vespasia, Fabio Cappiello — Norcia (Pg)

Atelier Moessmer, Norbert Niederkofler — Brunico (Bz)

I premi speciali della Guida Michelin

Service Award, con Intrecci - Alta Formazione: Federica Gatto, Cetaria — Baronissi (Sa)

Sommelier Award, con Consorzio Franciacorta: Marzio Lee Vallio, Esplanade — Desenzano del Garda (Bs)

Passion Dessert, con Molino Dallagiovanna (novità): 

Enoteca Pinchiorri, Riccardo Monco — Firenze

I Tenerumi, Davide Guidara — Vulcanello (Me)

Antica Corona Reale, Gian Piero Vivalda, Cervere (Cn)

Fre, Francesco Marchese — Monforte d’Alba (Cn)

La Peca, Nicola Portinari — Lonigo (Vi)

Arnolfo, Gaetano Trovato — Colle di Val d’Elsa (Si)

Angelo Sabatelli — Putignano (Ba)

Harry’s Piccolo, Matteo Metullio e Davide De Pra — Trieste

Mentor Chef Award, con Blancpain Italia: Gaetano Trovato, Arnolfo — Colle Val d’Elsa (Si)

Young Chef Award, con Gruppo Lavazza: Maicol Izzo, Piazzetta Milù — Castellammare di Stabia (Na)

Cos’è e come funziona la Guida Michelin

Voluta nel 1900 dai francesi fratelli Michelin — imprenditori nel campo dei pneumatici — per aiutare chi guidava a trarre il meglio da ogni viaggio, la guida dalla copertina rossa iniziò nel 1926 ad assegnare le stelle ai ristoranti più validi. Una stella corrisponde a un posto interessante, due a uno che merita una deviazione e tre a un posto che invece vale il viaggio. Soltanto nel 1956 arriva una prima ricognizione italiana, meglio strutturata con assegnazioni stellate nel 1959, prendendo però in considerazione soltanto la zona tra le Alpi e Siena. Dei primi 89 locali stellati soltanto uno è ancora in attività, Arnaldo-Clinica Gastronomica a Rubiera, mentre il primo tristellato nostrano fu Gualtiero Marchesi: nel 1989 col il suo ristorante milanese di Via Bonvesin de la Riva. Oggi la guida è presente in 4 continenti, 30 paesi, con segnalazioni di oltre 16.300 ristoranti in 32 edizioni territoriali ogni anno. Come valutano il talento di chef e dei loro team gli ispettori in incognito della Guida? Secondo cinque criteri validi in tutti i paesi: la qualità dei prodotti usati; maestria nelle tecniche di cottura; l’armonia dei sapori; la personalità dello chef e la costanza nel tempo della qualità delle proposte.

CiboToday è anche su Whatsapp, è sufficiente cliccare qui per iscriversi al canale ed essere sempre aggiornati

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

CiboToday è in caricamento