Ricevi la nostra Newsletter

L'unico modo per non perderti nulla sulle novità gastronomiche suggerite da Cibotoday. Ogni mattina nella tua e-mail.

rotate-mobile
Mercoledì, 24 Aprile 2024
Le Storie

Nasce una nuova multinazionale italiana dei dolci e del gelato

La storica azienda di gelati Sammontana insieme a Investindustria è pronta all’acquisizione di Bindi e Forno D’Asolo. Tre grandi aziende nate da piccole realtà familiari oggi pronte a competere sul mercato internazionale

Sembra arrivata alle battute finali la maxi operazione finanziaria che unisce alcuni grandi marchi dell’industria dolciaria italiana. Da un lato la famiglia Bagnoli, fondatrice di Sammontana la storica azienda alimentare di gelati e pasticceria surgelata, che in collaborazione con Investindustria di Andrea Bonomi è pronta a fondersi con i brand Bindi e Forno d’Asolo. Dunque un super polo industriale che opera nel settore dolciario e alimentare, un gigante dei surgelati dal valore di 1 miliardo di euro. Tutto italiano ma che guarda all’espansione negli Stati Uniti.

La maxi fusione tra i colossi dell’industria dolciaria italiana

La famiglia Bagnoli, che tre generazioni fa ha fondato Sammontana, e Frozen Investments, società di investimento di Investindustrial VIII, annunciano una partnership per unire Sammontana con FdA Group (Forno d’Asolo e Bindi) al fine di creare un produttore d’eccellenza internazionale di prodotti surgelati di pasticceria, dessert e gelato”, si legge nella nota diffusa dalle due società. Una mega operazione che aveva visto l’interessamento anche di altri fondi stranieri, soprattutto in Belgio, ma per la quale ha avuto la meglio la cordata tra l’azienda toscana Sammontana e il gruppo Investindustria, che deterranno il 100% del nuovo gruppo.

Sammontana, il gelato dal 1970

Chi sono gli attori in gioco: Sammontana, Bindi e Forno d’Asolo

Tre grandi player del comparto dolciario italiano, nati da realtà familiari cresciute nel tempo. Il nuovo asse di surgelati collega dunque il Veneto e la Toscana. Sammontana, da un lato, la storica azienda italiana nata nel 1948 a Empoli, in provincia di Firenze, dove ancora oggi ha la sua sede. Un successo partito già dagli Anni Cinquanta con il mitico “Barattolino”, ma poi l’azienda si è ben presto emancipata dalla produzione dei “gelati all’italiana” diventando una delle prime industrie di surgelati in tutta Italia. Fondata dalla famiglia Bagnoli, Sammontana tutt’ora è nelle mani di Leonardo Bagnoli che sarà anche presidente del nuovo gruppo nato dalla fusione. Un colosso nel settore della produzione italiana di gelato e prodotti dolciari surgelati, secondo solo ad Algida che però è un brand non più in mani italiane da tempo.

Dall’altro lato invece troviamo Bindi, che da piccolo negozio creato da Attilio Bindi a Milano dopo esservi trasferito nel ’46 con i figli dalla Toscana, è poi diventato uno dei più grandi fornitori di pasticceria industriale per il settore Ho.Re.Ca. con 25 mila clienti serviti in tutto il mondo e 40 paesi stranieri raggiunti. Dal 2020 Bindi è stata assorbita poi da Forno D’Asolo, l’azienda nata nel 1985 dai fratelli Paolo e Fabio Gallina, che negli ultimi 10 anni ha visto diversi passaggi tra fondi d’investimento. Il primo con Benetton nel 2014, poi l’anno dopo con Bc che ha portato il gruppo a 500 milioni di ricavi. Oggi un nuovo capitolo che porta l’industria dolciaria italiana a un passo successivo con l'obiettivo di competere con i big del mercato internazionale.

CiboToday è anche su Whatsapp, è sufficiente cliccare qui per iscriversi al canale ed essere sempre aggiornati

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

CiboToday è in caricamento