Ricevi la nostra Newsletter

L'unico modo per non perderti nulla sulle novità gastronomiche suggerite da Cibotoday. Ogni mattina nella tua e-mail.

rotate-mobile
Sabato, 15 Giugno 2024
Le Storie

La frutta martorana: storia, leggenda e dove trovarla a Palermo

Nato a Palermo in ambito monacale, questo dolce di zucchero e mandorle è tra i più rappresentativi di sempre. Una genesi tra mito e realtà, che si intreccia con la storia del capoluogo siciliano

La frutta martorana è tra i dolci siciliani più conosciuti. Complice l’estetica accattivante e finemente lavorata, miniature quasi artistiche che replicano spesso alla perfezione frutta e ortaggi, la martorana è sicuramente delizia per gli occhi oltre che per il palato. Anche nota come pasta reale o marzapane, questo dolce nasconde una storia affascinante che va indietro nel tempo, dalla dominazione araba alla Palermo monastica del XVI secolo. Pesche, fichi, fragole, pere, castagne: non c’è limite alla fantasia per questi variopinti dolcetti fatti di acqua, zucchero e mandorle, poi modellati e dipinti per replicare la forma della frutta. Nonostante sia un dolce preparato per la festa dei morti, il 2 novembre, completa tutto l’anno le vetrine di ogni pasticceria siciliana.

Frutta Martorana- dolce tipico siciliano

Frutta martorana, le origini. Dagli arabi alle monache palermitane

Cos’è la martorana, o meglio chi è martorana? Il nome di questa preparazione deriva da una nobildonna palermitana, Eloisa Martorana, che fondò nel 1194 il terzo monastero benedettino di Palermo, ovvero il convento di Santa Maria dell'Ammiraglio realizzato per le nobildonne dell'ordine di San Benedetto. Il convento annesso a questa chiesa, chiamata anche San Nicolò dei Greci, prese il nome “della Martorana” in suo onore, e allo stesso modo furono anche chiamati i dolcetti preparati dalle suore alcuni secoli dopo, intorno al 1500. Un complesso importante, che oggi ospita il Dipartimento di Architettura dell’università, con uno dei giardini più belli di tutta Palermo ricco di aranci, cedri e limoni. Da qui la la storia della nascita della frutta martorana.

La chiesa della martorana a Palermo

La leggenda vuole che il Vescovo dell’epoca, anche se in altri scritti si racconta che fosse l’imperatore in persona, desiderasse vedere questo giardino magnifico, ricco di frutta. Le monache si resero conto però che gli alberi erano spogli a causa del raccolto e da qui l’idea: creare della frutta finta con una pasta di miele e mandorle per replicare quella vera. Il risultato venne così consegnato alla storia, arrivando fino ai giorni nostri. Antenato della preparazione delle monache martorane lo troviamo in epoca araba, nel XIII secolo. Marzapane deriverebbe da marzaban una scatola di legno che conteneva dolcetti preparati con farina, pasta di mandorle e altri ingredienti, che poiché avevano la forma rettangolare del pane ne ereditarono anche il nome, appunto marzapane.

Frutta martorana: come si prepara

La pasta reale ha una preparazione tanto semplice quanto complessa, proprio perché contempla un tratto quasi artistico che non è comune ai molti. La martorana secondo la ricetta originale delle monache del convento, viene realizzata solo con mandorle dolci e amare, zucchero e acqua. Un composto gommoso che poi viene raffreddato per poi essere lavorato a mano o molto più spesso con gli stampini. E infine decorato con colori alimentari e lucidato.

I segreti del chiostro  Palermo, la pasticceria nell'ex convento-2

I migliori negozi di Palermo

Ovviamente il capoluogo siciliano è un tripudio di pasticcerie che vendono questa preparazione inserita nella lista dei prodotti agroalimentari tradizionali. Ma dove si acquista la migliore frutta martorana a Palermo? Sicuramente merita una menzione la pasticceria i Segreti del Chiostro, nell’ex monastero di Santa Caterina nel pieno centro città che fino al 2014 ha accolto suore di clausura dell’ordine domenicano e oggi museo d’arte sacra e anche pasticceria. Una pasticceria particolare, dedita alla realizzazione di ricette monacali come appunto la frutta martorana e altri dolci della tradizione conventuale di Palermo. Ottima anche la frutta martorana di Pasticceria Delizia gestita dalla famiglia Lo Faso che dal 1985 privilegia le migliori materie prime siciliane, oppure La Cubana attività di famiglia da tre generazioni, con quasi un secolo di storia, dove provare anche i grandi classici come cannolo e cassata.

CiboToday è anche su Whatsapp, è sufficiente cliccare qui per iscriversi al canale ed essere sempre aggiornati

In Evidenza

Potrebbe interessarti

CiboToday è in caricamento