Ricevi la nostra Newsletter

L'unico modo per non perderti nulla sulle novità gastronomiche suggerite da Cibotoday. Ogni mattina nella tua e-mail.

rotate-mobile
Mercoledì, 24 Aprile 2024
Territorio

In Trentino l’artigiana che raccoglie erbe officinali nel bosco per creare infusi, sciroppi e liquori

Dopo 22 anni nel settore dell’artigianato artistico, Cinzia Corradini decide di dedicarsi al suo maso e al bosco che lo circonda, creando prodotti a partire da piante ed erbe di montagna. Ecco il progetto Herbs of the Alps – Mas Vinal in Val di Fiemme

In Val di Fiemme a 1300 metri di altitudine, decisamente appartata immersa in un lariceto, vive Cinzia Corradini. Qui (nella località Calvello, proprio sopra Cavalese) ha un maso, il Mas Vinal, dove da qualche anno produce infusi, sciroppi, cosmetici e altri prodotti “ecoconsapevoli”, rispettando la natura e raccontando il suo territorio.

Cinzia Corradini mentre raccoglie le sue erbe

La storia di Cinzia Corradini e le sue erbe officinali in Trentino

Originaria della valle, Cinzia ha lavorato per 22 anni nel settore dell’artigianato artistico girando molto per le fiere e occupandosi della sua bottega. “Ho la fortuna di vivere in un maso in mezzo al bosco e non riuscivo a godermelo, maturando un certo malessere negli anni. Il 2016 è stato l’anno della svolta”, racconta Cinzia a CiboToday. Così si mette a studiare e a seguire corsi per ottenere il patentino che abilita alla coltivazione e alla prima lavorazione delle erbe officinali, e una volta conseguito il diploma diventa il suo lavoro principale.

Le piante di Herbs of the Alps

Era un sogno che aveva da un po’ ma ci è voluto del tempo per lasciare il negozio e fare questa scelta di vita. Quella per la raccolta delle erbe infatti, è una passione nata molti anni prima: “ho sempre raccolto fin da piccola perché mio padre era guardia forestale e mi portava con lui. Quando lui era piccolo mi raccontava che nella nostra valle si raccoglieva per sussistenza – poiché venivano le aziende farmaceutiche a rifornirsi di erbe medicinali - e tutti erano raccoglitori. I miei mi hanno insegnato questo sapere, l’ho abbandonato per un po’ ma poi è tornato forte il richiamo”.

Le coltivazioni di Herbs of the Alps - Mas Vinal

Il progetto e la filosofia di Herbs of the Alps – Mas Vinal

Herbs of the Alps – Mas Vinal, così si chiama l’azienda di Cinzia, è un progetto partito nel 2016 con l’avvio della coltivazione. Inizialmente ha cercato di capire quali erbe potessero crescere a 1300 metri, conservando i loro principi attivi. Poi, insieme al suo erborista di fiducia – il dottor Heinrich Abraham – ha iniziato a fare diverse prove di miscelazione per la produzione di infusi. Adesso i campi si sono moltiplicati, così come le erbe coltivate, anche in base alle richieste dei clienti. “Ho 2000 metri di campo che non sono pochi perché coltivo, taglio e raccolgo tutto a mano. Potrei usare macchinari ma non rientra nella mia ideologia perché penso che in questo modo le piante mantengono un’energia diversa”. E non utilizza niente di chimico, neanche ciò che è consentito in agricoltura biologica, solo infusioni di erbe curative. Anche perché le piante officinali sono una specie di filtro, a volte vengono usate proprio per purificare l’aria perché assorbono tutto come le spugne, e quindi “sarebbe da pazzi trattarle”.

Cinzia Corradini mentre raccoglie le erbe nel bosco

Ha iniziato questo lavoro con il padre, poi venuto a mancare, e adesso sono lei e la figlia Carlotta che si sta inserendo in azienda. Ma Cinzia non coltiva soltanto, raccoglie anche nei boschi. “Le erbe raccolte allo stato selvatico mantengono maggiormente i principi attivi, perciò utilizzo anche tutto ciò che mette a disposizione la natura, come Achillea, foglie di lampone e di fragole”. Prima di iniziare a raccogliere una nuova erba però, ne coltiva alcune piante nel suo campo per studiarle e imparare a riconoscerle in stato selvatico.

I prodotti di Herbs of the Alps - Mas Vinal

Da Mas Vinal tutto è partito con gli infusi a base di piante officinali. “In assoluto il prodotto più laborioso e meno redditizio, perché da 1kg di erbe di ottengono solo 100 grammi di prodotto secco, ma è ciò che mi piace di più”. Ecco che nascono infusi a base di tante erbe diverse, fino a 23 per la precisione. Tra questi l’Infuso della montagna con menta piperita, melissa, verga d’oro, ortica, achillea millefoglia, timo e salvia. E poi ci sono tanti altri prodotti che raccontano il territorio: dagli sciroppi, oltre al classico sambuco anche cirmolo, timo e pino mugo, ai sali aromatizzati; dai petali eduli ai cosmetici. “Facciamo anche liquori con le erbe, dalle classiche grappe affinate facendo cose che non sono così comuni, magari con erbe o radici cadute un po’ in disuso. Mi piace sperimentare e vedere cosa si faceva una volta e perché. Per esempio la grappa di Imperatoria, una pianta che tutti avevano nell’orto perché veniva usata come antivirale”.

Alcune delle tisane di Herbs of the Alps

Così nascono anche delle collaborazioni con altre realtà locali, come quella con il Caseificio Sociale di Predazzo e Moena, dal quale prendono il latte fieno per fare un liquore con l’infusione di erbe. E poi ogni anno vengono aggiunte nuove referenze, questo è stato l’anno delle api per fare il miele millefiori. Tutti i suoi prodotti si possono acquistare nello shop online e in alcune botteghe di Cavalese, ma è sicuramente una buona idea andarla a trovare al suo maso per conoscere da vicino il suo lavoro. “Adesso vogliamo strutturarci su ciò che già facciamo, quindi sperimentare altre coltivazioni e soprattutto strutturarci in maniera da rispondere alla crescente domanda. E poi sono sicura che mia figlia Carlotta porterà aria nuova in azienda”.

CiboToday è anche su Whatsapp, è sufficiente cliccare qui per iscriversi al canale ed essere sempre aggiornati

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

CiboToday è in caricamento