Ricevi la nostra Newsletter

L'unico modo per non perderti nulla sulle novità gastronomiche suggerite da Cibotoday. Ogni mattina nella tua e-mail.

rotate-mobile
Giovedì, 20 Giugno 2024
Territorio

A Itri nel Basso Lazio un 27enne trasforma la latteria del paese in ‘salumeria culturale’

A Itri, un paesino in provincia di Latina, Joseph Pennacchia ha avviato nell’ex latteria storica una salumeria con vini naturali e selezioni gastronomiche curate. Ma ci sono anche mostre, musica e pop-up con cuochi da tutt’Italia

Ci sono i tavolini in piazza, il banco con salumi e formaggi, nonché i signori del posto che chiacchierano con un immancabile bicchiere di vino: la Latteria di Itri — 10mila anime in Agro Pontino, 70 chilometri a sud di Latina — a un primo sguardo sembra proprio la classica bottega di paese. E in effetti è dentro la sua latteria storica che è nata, a fine 2021, pur con il piglio e la lettura creativa di un 27enne con un passato nella moda. Joseph Pennacchia l’ha immaginata come una ‘salumeria culturale’: un posto accogliente per chi abita lì, alzando però l’asticella delle etichette in cantina, dei miscelati e delle selezioni gastronomiche. E giocando spesso su eventi pop-up con ospiti da tutta Italia e iniziative culturali. Il progetto.

Focaccia con cuore di manzo e fichi di Latteria itri

Joseph Pennacchia, dagli studi di moda alla gastronomia di qualità

Nato 27 anni fa ad Addis Abeba, Pennacchia è cresciuto nella famiglia itrana che l’ha adottato da bambino. Giovane, ma già con variegate esperienze pregresse: “Lavoro nei locali da tanti anni. Ho cominciato a portare i vassoi al bar e poi mi sono dedicato all’organizzazione di eventi, riuscendo a farmi una bella base di contatti”.

Josef Pennacchia e i signori di Itri

Nel 2020 decide di assecondare un’ulteriore grande passione, quella per la moda, trasferendosi a Firenze per studiare al Polimoda fashion styling, art direction e comunicazione. “Ancora prima avevo fatto collaborato con alcune ONG internazionali, e lì ho capito ancora meglio l’importanza di fare network e stabilire relazioni”; tutte competenze che Pennacchia ha messo insieme per concepire la sua ‘salumeria culturale’, inaugurata a dicembre 2021, quando ha deciso di rientrare a Itri.

La nuova ‘salumeria culturale’ nella storica latteria di Itri

Il locale apre in uno spazio storico: la latteria che ha servito la cittadina da metà Anni Cinquanta. Collocata, come nella migliore tradizione, tra la chiesa e il comune. “La aprì una famiglia che è ancora nel settore, e oggi si occupa di distribuzione di prodotti caseari e gastronomia”. In quel posto si sono succedute varie realtà; da vendita di solo latte e latticini a una più ampia gastronomia, con l’espansione nel 2019 in un piccolo locale adiacente.

Selezione di formaggi di Latteria Itri, ph. Alberto Blasetti

Quando Pennacchia inaugura la Latteria, di lì a un anno, la tiene aperta da mattina presto — con anche una parte di caffetteria -- fino a sera tardi, con la possibilità di fare anche la spesa. “Abbiamo avuto un buon successo, e per via dei tavolini pieni in piazza la gente non capiva che si poteva venire anche solo per fare acquisti”. Così nel tempo, anche per questioni di sostenibilità economica, si corregge il tiro, alzando la serranda dalle 17 e optando per un’apertura stagionale, da aprile a ottobre, con aperitivi e cene ‘agili’ affiancate a proposte musicali, mostre e attività culturali di vario tipo.

Un drink di Latteria Itri in collaborazione con Casa Mosca

Vino, salumi ed eventi: cosa succede in Latteria

Già in fase pandemica, in Latteria si sono tenute mostre di artisti locali (anche a fini benefici), insieme alla ristorazione sostenuta da una cantina di vini a basso impatto e una proposta di drink affidata a bartender che ruotano ogni stagione — “un buon modo per portare esperienze diverse, ragionando anche qui sull’idea di pop-up”.

L'hot dog di Latteria Itri in trasferta da Sidewalk Kitchens

Lo stesso vale per la cucina, aperta a chef e gastronomi in arrivo da fuori con menu personali: una bella tendenza, in ottica di flessibilità, di cui abbiamo parlato. Tra i più recenti c’è il passaggio dei ragazzi di Casa Mosca (un po’ chef, un po’ creativi e artisti. Questo il loro progetto), tra poco quello della napoletana Salumeria Malinconico. E lo stesso vale in senso contrario, con la squadra di Latteria che fa puntate in altre città, tipo a Milano da Sidewalk Kitchens. Per il resto, il bancone di Itri resta sempre fornito di ottimi formaggi, a volte anche affinati in loco — come i piemontesi a latte crudo di Mombarone o le immancabili mozzarelle pontine — e salumi selezionati, ad esempio quelli di suino nero casertano di Iallonardi, in Molise. Attenzione anche alle opzioni ‘green’, con tapas vegetali a base di frutta e verdura di stagione.

Latteria Itri

CiboToday è anche su Whatsapp, è sufficiente cliccare qui per iscriversi al canale ed essere sempre aggiornati

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

CiboToday è in caricamento