Ricevi la nostra Newsletter

L'unico modo per non perderti nulla sulle novità gastronomiche suggerite da Cibotoday. Ogni mattina nella tua e-mail.

rotate-mobile
Sabato, 15 Giugno 2024
Territorio

Storia dei volontari che recuperano il cibo dai mercati di Milano

C’è un’organizzazione che consegna alle famiglie in difficoltà tutto il cibo che nei mercati a fine giornata verrebbe buttato. I numeri

9 miliardi di euro è la cifra a cui ammonterebbe tutto lo spreco alimentare in Italia. Secondo l’indagine “Il Caso Italia” condotta da Waste Watcher, gettiamo 75gr di cibo al giorno di cui 3,4 di frutta e 2,3 di pane. Certo, c’è un leggero miglioramento visto che è il 12% in meno rispetto all’anno scorso, ma ancora non basta. Tra le tante le iniziative che si fanno promotrici della lotta agli sprechi, ce n’è una a Milano che sta raggiungendo traguardi che fanno ben sperare. Si chiama Salvacibo&Antispreco, soprannominata anche 6Salvacibo, e si occupa di recupero e distribuzione delle eccedenze alimentari all’interno del Municipio 6 di Milano.

Salvacibo&Antispreco. Chi è e come funziona

L’organizzazione nasce nel 2019 quando la onlus Comunità Nuova e il notiziario digitale dedicato all’ambiente Eco della Città uniscono le forze e, grazie al Bando Periferie del Comune di Milano, mettono su Salvacibo&Antispreco. Il progetto inizia ad operare concretamente solo nell’aprile del 2020 con l’obiettivo di far fronte anche all’emergenza alimentare seguita alla pandemia. Ad oggi le attività di recupero sono attive nei quartieri di Giambellino, Lorenteggio e Barona, cercando di intercettare le eccedenze dei mercati di Via Curiel, Via Ponti, Via Vespri Siciliani, Via Strozzi, Via Odazio e Via della Rondine, oltre ad alcuni panifici e negozi del Municipio 6. L’organizzazione interna è strutturata in maniera così semplice da poter essere declinata su altri quartieri o città: i volontari si recano al mercato un’ora prima della chiusura, recuperano quello che avanza (purché ancora edibile) e lo distribuiscono gratuitamente lì in loco. Una formula che torna utile un po’ a tutti, tanto da essere applicata anche nei forni, dove viene recuperato il pane invenduto che si andrà ad aggiungere alla frutta e alla verdura dei mercati.

Le attività di Salvacibo & Antispreco a Milano. Fonte Eco della Città

Salvacibo&Antispreco a Milano. Gli obiettivi raggiunti

Tra gli aspetti più soddisfacenti ci sono sicuramente i numeri raggiunti. Già nel 2021 sono infatti 675 i chili di cibo recuperati ogni settimana, un grande risparmio in termini di rifiuti ma anche un impatto ambientale notevolmente inferiore a poco tempo fa. Anche dal punto di vista umanitario si stanno compiendo passi in avanti, basti pensare che ci sono centinaia di famiglie del Municipio 6 che, non avendo sufficienti disponibilità economiche, vengono sostenute e aiutate settimanalmente da questa iniziativa e dalla distribuzione gratuita degli alimenti.

Progetti per il futuro di Salvacibo&Antispreco

Come 6Salvacibo esistono altre realtà che operano alla stessa maniera, alcune portano il cibo direttamente a domicilio in dei sacchetti e altre lo distribuiscono invece in punti organizzati. Grazie al lavoro sinergico di queste organizzazioni, oggi vengono aiutate ben 1300 famiglie e quasi 400 senza fissa dimora. Nessun obiettivo particolare in vista, se non quello di operare in modo che sempre più persone possano essere aiutate e che questo numero sia inversamente proporzionale allo spreco alimentare di cui siamo vittime e carnefici.

CiboToday è anche su Whatsapp, è sufficiente cliccare qui per iscriversi al canale ed essere sempre aggiornati

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

CiboToday è in caricamento