Ricevi la nostra Newsletter

L'unico modo per non perderti nulla sulle novità gastronomiche suggerite da Cibotoday. Ogni mattina nella tua e-mail.

rotate-mobile
Lunedì, 20 Maggio 2024
Turismo

Lago di Garda: cosa fare e dove mangiare sul lago più grande d’Italia

Borghi medievali, vestigia romane, gite in piroscafo e passeggiate tra gli uliveti, ma anche tavole vista lago e cantine dove degustare cibo e vino locale. La nostra guida 

Il Lago di Garda, il più grande del paese, è un angolo di dolcezza mediterranea tra i primi rilievi alpini e la pianura padana. Complice il grande specchio d’acqua che rende il clima mite e riverbera la luce del sole su vigne e uliveti, da qui arrivano calici eccellenti, nonché un paniere di prodotti — di acqua e terra — che rifornisce con generosità le tavole locali. Abbiamo raccolto un po’ di consigli per sfruttare al meglio qualche giorno di scoperte da sponda a sponda.

Vigneti sul Lago di Garda

Il Garda, un lago “mediterraneo”

Lombardia, Veneto e Trentino-Alto Adige: sono tre le regioni che godono dell’affaccio sulle piacevoli rive del lago. E da ben oltre arrivano numerosi i turisti che lo affollano in tutte le stagioni, con particolare propensione del Centro Europa. Garda terra di poeti — dal latino Catullo, cui è attribuita un’antica villa romana sulla penisola di Sirmione, al Vate Gabriele D’Annunzio, che lo scelse per edificare il suo Vittoriale — ma anche capaci agricoltori.

Il Vittoriale degli Italiani a Gardone Riviera

La vite da queste parti ha millenni, e oggi esprime la varietà dei suoli in 10 denominazioni raccolte dal Consorzio Garda Doc, che riunisce esperienze che per ampelografia e forme di allevamento sono rimaste quelle tradizionali, ma si apprestano a incontrare anche il gusto moderno per, ad esempio, delle grandi bollicine. Ecco quindi lo spumante come tipologia centrale della denominazione, che va a riunire come elemento comune quei sette milioni di bottiglie prodotte in zona sotto vario nome. Ci sono poi insoliti (si penserebbe) agrumi, come limoni, cedri, arance amare e addirittura capperi, tutelati come Prodotti Agricoli Tradizionali dal 2011, e infine l’ulivo, che qui si spinge nel suo punto più a nord (del mondo!). Un susseguirsi dunque di coltivazioni e borghi storici, come quello di Peschiera del Garda, con le sue mura veneziane patrimonio Unesco, o quello di Lazise, dal bel castello Scaligero e la medievale dogana veneta, comodi da perlustrare in bici oppure in barca.

La dogana veneta di Lazise

Cosa fare sul Lago di Garda

Secondo i “locali”, non c’è punto di vista migliore di quello acquatico per avere una visione d’insieme. Dalla sponda veronese a quella trentina, passando per la bresciana, la compagnia Navigarda organizza tour a bordo dell’affascinante Motonave Zanardelli, un piroscafo del 1903 ristrutturato nel pieno rispetto della sua allure Liberty (a partire da 45€).

La motonave Zanardelli sul Garda

Immancabile una visita al già citato Vittoriale degli Italiani, per immergersi nell’atmosfera “totalizzante” di uno dei più importanti intellettuali della prima metà del Novecento, che nella calma del lago trovò, per un periodo, una certa pace (da 12€). Se per un affondo nella tradizione olivicola c’è il Museo dell’Olio di Cisano, di quella enologica parla il Museo del Vino, ospitato dalla Cantina Zeni di Bardolino. Non mancano le insegne di pregio, per quel che riguarda il pernottamento. Come il Regina Adelaide di Garda, attivo dagli anni ’60 in una bella villa Art Nouveau e dotato anche di un’ottima pasticceria (provate i mitici biscotti San Vigilini).

I San Vigilini del Regina Adelaide

Per un’esperienza di taglio diverso, invece, ci sono possibilità di “glamping”, con ecolodge, “bolle” e cupole geodetiche per immergersi nella natura con il minimo impatto (ma buoni comfort). Cercate l’opzione migliore tra le strutture Lago di Garda Camping.

Glamping sul Garda

Dove mangiare sul Lago di Garda

Il panorama gastronomico lacustre, se letto nel modo giusto, è tutto fuor che noioso. Schivando le trattorie con menu turistici, conviene puntare su tavole sicure.

La preparazione della cacio e pepe in vescica di Riccardo Camanini a Lido 84

Da pezzi da novanta dell’alta gastronomia come Riccardo Camanini (la sua storia ve l'abbiamo descritta qui) e il suo Lido 84 pieds dans l’eau di Gardone Riviera — dove la sua celebre “cacio e pepe in vescica” si può aggiungere al menu da 130€ — alla Locanda Perbellini al Lago a Garda, dove la cucina di chef Giancarlo è proposta in degustazioni tra terra e acqua a partire da 60€ (5 portate).

La sala di Senso sul Lago di Garda

Giovane e promettente è l’offerta del MoS di Desenzano (che vi abbiamo raccontato), dove si pasteggia con “friturin” di lago, risotto alla gardesana alla tinca e gelato di latte di Malga (degustazione 55-75€). Sempre sulla sponda bresciana lavora un altro grande chef: Alfio Ghezzi, che al suo Senso, il ristorante dell’hotel 5 stelle EALA, ha appena presentato un menu estivo dedicato a lago e montagne (8 portate, 150€).

Spaghetto al brodo di ragù e bottarga di trota del Brenta di MoS

A Manerba, invece, c’è Dalie e fagioli, agriturismo con rigoglioso giardino di Fabio Mazzolini e Antonella Varese (sorella della brava chef Viviana), con un menu particolarmente conveniente a 35€ che mette insieme fusilli di grano arso con pancetta e fatulì (un formaggio della Val Camonica) costine fondenti e molto altro (da 35€).

Un primo di Dalie e Fagioli

Per una cucina tipica sulla riva trentina — tutta sarde di lago, carpaccio di lavarello e bigoli alla torbolana — si può optare per La Terrazza, un ristorante sul lungolago di Torbole dove il Garda incontra le pareti rocciose del Monte Baldo.

Le sarde di lago de La Terrazza di Torbole

Dove degustare sul Lago di Garda

Basterebbe percorrere la Strada dei Vini e dei Sapori del Garda, o quelle più specifiche di Bardolino e della vicina Valpolicella, per avere un catalogo ampio di possibilità.

Perla del Garda, aperitivo tra i vigneti

Consigliamo però di iniziare magari dalla cantina Perla del Garda di Lonato, per testare le potenzialità delle bollicine del Lugana Spumante Dop (anche in occasione di visite e degustazioni guidate). Gli amanti dei rossi, invece, tengano a mente la cantina Tommasi, che a Pedemonte, tra il lago e Verona, è campionessa di Amarone. Per accompagnare, calici ad assaggi, c’è infine il wine bar Vino e Cucina della Tenuta Canova di Masi.

Aperitivo da Tommasi

Qui, nella campagna di Lazise, il vino non solo si beve, ma si ritrova nel piatto: il risotto all’Amarone con scaglie di formaggio Monte Veronese (16€) potrebbe riassumere perfettamente il viaggio sul lago.

CiboToday è anche su Whatsapp, è sufficiente cliccare qui per iscriversi al canale ed essere sempre aggiornati

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

CiboToday è in caricamento