rotate-mobile
Lunedì, 17 Giugno 2024
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Cannoli siciliani vegani? Si può fare e questo video spiega come

Senza timori reverenziali verso la tradizione, le talentuose cuoche Sara Nicolosi e Cinzia De Lauri del ristorante milanese Altatto hanno pensato a una ricetta tutta loro. Il segreto? La frutta secca

In cucina non c’è niente di sacro. E ormai è chiaro a tutti (vero?) quanto quella vegana sia incredibilmente ampia e variegata. Soprattutto se a maneggiarla ci sono chef esperti, capaci di trasformare le materie prime e trarne piatti gustosi e soddisfacenti quanto quelli “tradizionali”. Mentre il paniere della cucina a base vegetale si è arricchito, negli ultimi tempi, di prodotti nati ad hoc per sostituire i derivati animali — pensiamo ai tanti “latti di”, oppure ai burger vegani — d’altro lato non mancano le ricette che rileggono i grandi classici del nostro paese. Con rispetto, ma anche modalità nuove e senza timori reverenziali. Prendete i cannoli siciliani, ad esempio. Fondamentale lo strutto nella scorza — si penserebbe — per non parlare, ovviamente, della ricotta per il ripieno. Ma ne siamo proprio sicuri? 

La farcitura dei cannoli vegani

La ricetta dei cannoli vegani di Sara Nicolosi e Cinzia De Lauri di Altatto

In questo video di AcadèmiaTV, due giovani professioniste dimostrano che una variante vegana della super star della pasticceria siciliana è possibile. Sono Sara Nicolosi e Cinzia De Lauri di Altatto, un’ex panetteria dall’atmosfera contemporanea, vitalizzata da una cucina tutta green appresa al Joia di Pietro Leeman (primo ristorante vegetariano stellato d’Italia). A guardare le cuoche milanesi al lavoro, la preparazione sembra semplice. La chiave per sostituire la crema sono gli anacardi, lasciati ammollare a lungo in acqua e poi frullati con zucchero e buccia di limone, fino a raggiungere una consistenza setosa.

Sara Nicolosi e Cinzia De Lauri di Altatto

Anche se, volendo restare attinenti alla territorialità, si potrebbero sostituire con ottime mandorle siciliane. Per la scorza, invece, gli ingredienti restano i medesimi — ovvero farina, cacao amaro, cannella, sale e zucchero — salvo che per il grasso a legare, in questo caso olio di oliva. Servirà soltanto un po’ più di pazienza nella lavorazione e nella stesura, per domare un impasto appena più duro. Anche gli step tecnici sono gli stessi, con l’arrotolatura intorno al cilindro di metallo, la frittura in olio di semi e la farcitura al momento del servizio. Con tanto di classica granella di pistacchi e amarena candita. Curiosi di sapere che sapore hanno i cannoli vegani? Avete tutte le indicazioni per provare a prepararli a casa.

La lavorazione degli anacardi per la preparazione della crema dei cannoli vegani

Video popolari

CiboToday è in caricamento