rotate-mobile
Mercoledì, 19 Giugno 2024
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il Negroni: diverse interpretazioni di un cocktail mitico in questo video

Nel video alcuni famosi bartender italiani ci mostrano alcune varianti sul Negroni. Rivisitazioni della classica ricetta a base di bitter, vermuth e gin creata oltre un secolo fa dal Conte Negroni

Il Negroni è da sempre un cocktail che va oltre mode e tendenze. Un drink che attraversa secoli e generazioni, epoche e stili di vita, abbracciando una clientela di fan tra le più numerose al mondo. Infatti il Negroni è una delle bevute più consumate: negli hotel di alta fascia, nei locali di ultima generazione e anche nei bar o nei circoli di quartiere. Tre semplici ingredienti, in parti esattamente uguali: bitter, vermuth e gin, che possono essere combinati in maniera differente per dei twist on classic originali e divertenti. In questo video il bartender e proprietario del cocktail bar Rita a Milano, Edoardo Nono, ci spiega con i suoi ospiti alcune diverse tipologie di Negroni da replicare anche a casa.

Un cocktail Negroni

La storia del cocktail negroni e il mito del Conte a Firenze

Tra le storie più famose quando si parla di miscelazione c’è proprio quella del cocktail Negroni. Come afferma Edoardo Nono nel video: “Il Negroni racconta di una relazione unica tra bartender e cliente”. Da un lato Fosco Scarselli, del celebre Caffè Giacosa a Firenze, dall’altro il Conte Camillo Negroni che era solito sedersi al bancone del bar. Il Conte, amante del buon bere, chiede a Scarselli di sostituire la soda del drink che stava bevendo (un Americano) con del gin. Il bartender gli restituisce quello che diventa “l’Americano del Conte Negroni” e poi semplicemente il Negroni, in omaggio al suo ideatore.

Il negroni sbagliato

La ricetta del cocktail negroni e le sue diverse declinazioni

Da quel momento, siamo nel 1919, il cocktail conosce una fortuna incomparabile. Dal Negroni infatti che nascono tantissimi altri drink, evoluzioni della classica ricetta che prevede solo tre ingredienti, con tecnica built. Ovvero si inseriscono tre parti uguali di bitter, vermuth e gin in un mixing glass colmo di ghiaccio, si gira fino ad ottenere la diluizione corretta e poi si serve con abbondante ghiaccio e fetta d’arancia.

Questa è la ricetta originale, rimasta immutata per oltre un secolo, permeabile a varianti fantasiose che si sono susseguite negli anni. Come quelle proposte nel video da questi bartender: Patrick Pistolesi del Drink Kong a Roma, Cristian Bugiada della Punta sempre nella Capitale, il mitico maestro Salvatore Calabrese uno dei bartender più famosi nel mondo, per anni al Duke's Hotel di Londra. Dalla versione chiara per avere un drink più amabile e leggero, a quello con il mezcal e in ultimo la versione con il caffè fatto con la moka.

Video popolari

CiboToday è in caricamento