Martedì, 16 Luglio 2024
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La focaccia croccante e senza lievito dei contadini d’Abruzzo. Videoricetta per rifarla a casa

La Pizza Scima è un’antica focaccia simile a pane azzimo, ovvero senza lievito, che si prepara in Abruzzo. Nel video i passaggi fondamentali per replicarla anche a casa

La pizza scima è un’antica ricetta contadina abruzzese chiamata così per indicare la semplicità degli ingredienti con cui viene creata. Infatti, scima è un’inflessione dialettale traducibile con scema, ma non per la banalità del piatto. Una specie di focaccia preparata senza l’utilizzo del lievito, a testimoniare l’ingegno degli abruzzesi e la loro capacità di valorizzare quello che hanno a disposizione. In questo video, lo chef abruzzese ci spiega come farla passo dopo passo secondo il metodo tradizionale.

La pizza scima

La storia della pizza scima abruzzese

Come per tantissime ricette di questa regione, anche la pizza scima ha una matrice contadina e rurale. Simbolo della vita pastorizia dell’Abruzzo, questa focaccia altro non è che un pane azzimo o, come si dice qui acime o asc'm, con sc dolce, ovvero la versione dialettale di azimo ovvero non lievitato. altro nome con cui è conosciuta la focaccia. Pare che la sua comparsa sia da legare alla presenza di alcune comunità ebraiche presenti in Abruzzo intorno al 1600 nella zona di Lanciano e della Costa dei Trabocchi. Usanza poi diffusasi tra i contadini e i pastori dell’entroterra fino a oggi.

Pizza Scima

La ricetta e la cottura tradizionale della pizza scima abruzzese

La pizza scima è appunto una focaccia croccante e la si riconosce per la sua superficie a trama, realizzata attraverso incisioni con il coltello. L’impasto è semplicissimo: farina 0, olio d’oliva, un bicchiere di vino bianco, preferibilmente Trebbiano locale, un pizzico di sale e acqua. Si uniscono tutti gli ingredienti e poi si procede con la cottura tradizionale sotto il coppo. Un utensile antico, simile a un ferro per la cottura, tipico della cucina contadina di un tempo con cui si cuocevano anche le carni e il pesce. Oggi viene utilizzato anche il forno normale, per un risultato comunque soddisfacente. La pizza scima poi viene servita a tavola per accompagnare formaggi e salumi locali.

Si parla di

Video popolari

CiboToday è in caricamento