rotate-mobile
Mercoledì, 24 Aprile 2024
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Una video ricetta per un dolce dimenticato: la tortionata lodigiana

Meno conosciuta della sbrisolona, di cui però ricorda il gusto e la consistenza, la tortionata di Lodi è uno dei prodotti tradizionali della Lombardia. In questo video i passaggi per riproporla a casa

La tortionata è uno dei dolci meno noti nel panorama della pasticceria lombarda, nonostante ancora oggi si realizzi in provincia. Il suo ingrediente principale racconta in prima persona del territorio in cui nasce e si sviluppa: il burro, di cui non si può fare a meno se si vuole realizzare questa torta. Uno dei dolci tipici del lodigiano, proprio per l’abbondanza delle produzioni casearie della zona, la tortionata si fa con farina bianca e mandorle pelate ed è molto simile nel gusto a una sbrisolona ma più morbida. Chiamata anche turta de Lod, si accompagna spesso con una crema pasticcera o al mascarpone. In questo video della Regione Lombardia vi portiamo a scoprire passo dopo passo i passaggi fondamentali per ricrearla a casa.

La tortionata di Lodi: origine e ricetta della torta lombarda

Entrata a far parte dei prodotti tutelati da Consorzio di Tutela dei prodotti tipici Lodigiani, la tortionata ancora oggi viene realizzata in casa e non manca nei forni e pasticcerie della provincia. È una ricetta di origini antiche, infatti se ne ha testimonianza per la prima volta nel 1885. Molti ritengono che sia anche più antica, tornando indietro fino al Medioevo visto che ha le caratteristiche dei dolci di quest’epoca. Ovvero torte basse, con una minima lievitazione e con pochissimi ingredienti. A Lodi la sua nascita va attribuita al pasticcere Alessandro Tacchinardi che l’avrebbe chiamata così perché “è la torta di quando io sono nato, ovvero torta io nata". Mentre altri fanno risalire l’etimologia del nome al tortijon, una specie di fil di ferro attorcigliato, al quale la torta veniva equiparata per la difficoltà a essere tagliata a fette. I suoi ingredienti sono semplicissimi: solo burro, mandorle pelate, zucchero e farina. Si serve per tradizione con la crema e un bicchiere di moscato.

Si parla di

Video popolari

Una video ricetta per un dolce dimenticato: la tortionata lodigiana

CiboToday è in caricamento