Ricevi la nostra Newsletter

L'unico modo per non perderti nulla sulle novità gastronomiche suggerite da Cibotoday. Ogni mattina nella tua e-mail.

rotate-mobile
Mercoledì, 24 Aprile 2024
Genova

Il birrificio che fa birre aromatizzate coi profumi del Ponente Ligure

Birrificio Nadir si trova a Sanremo e produce birre solo con materia prime locali. Foglie di ulivo, miele, frutta ed erbe del territorio, che raccontano una storia a chilometro zero

È possibile prendere tutti i profumi e i sapori della Riviera Ligure di Ponente e trasformali in un prodotto gastronomico come la birra? Ci hanno pensato Paolo Boeri e Gabriele Genduso del Birrificio Nadir, un micro birrificio artigianale di Sanremo, in provincia di Imperia, nato con l’obiettivo di far scoprire i luoghi e le storie di questa terra. “I nostri prodotti cercano di trasferire nel bicchiere un’idea di territorio, infatti utilizziamo solo materie prime locali che rappresentano l’eccellenza di questa porzione di Liguria” ci spiega Paolo Boeri. Oltre al miele di Imperia, la lavanda dell’alta valle, i fagioli di Badalucco (Presidio Slow Food), i mandarini di Sanremo, e anche le foglie di ulivo del frantoio ROI di proprietà di Paolo Boeri, dove produce olio da olive taggiasche.

Paolo Boeri del Birrificio Nadir

Birrificio Nadir: sperimentazione e nuovi metodi produttivi

Nadir è un termine che è stato preso in prestito dal lessico della navigazione, altro rimando che omaggia la storia marinara di questa terra. “Il nadir è il punto celeste situato agli antipodi dello Zenit, situato oltre l’orizzonte, quindi un punto irraggiungibile ma fondamentale per la navigazione” racconta Paolo Boeri che entra a far parte di questo progetto in corso d’opera. Infatti Birrificio Nadir nasce nel 2015 dall’idea di Gabriele Genduso, mastro birraio laureato in filosofia con esperienze in altre realtà come Pausa Cafè a Saluzzo o Maltus Faber a Genova. Da qui la prima cotta e l’intuizione di utilizzare solo materie locali: “Produciamo birre genuine, non pastorizzate, rifermentate in bottiglia e in fusto, e abbiamo brevettato un sistema unico nel suo genere”. Si tratta dell’Air Hopping, messo a segno dai due soci e amici negli anni, che permette di aromatizzare le birre senza mai far venire a contatto mosto e aroma. Ma come funziona? “Durante la fase di fermentazione alcolica appendiamo nel timo l’aroma che ci interessa e grazie all’anidride carbonica che si sprigiona, gli aromi vengono trasferiti nel mosto. Senza il contatto diretto evitiamo così problemi come la macerazione o ossidazione”.

Le birre del Birrificio Nadir-3

Le birre del Birrificio Nadir con i prodotti tipici del territorio ligure

Alla base del Birrificio Nadir c’è l’idea di radicamento nel territorio, al fine di creare un prodotto che sia realmente locale. Questo grazie alla ricchissima varietà di materie prime liguri, molte delle quali utilizzate per le birre di Nadir. “Produciamo poche bottiglie, per una distribuzione prettamente locale soprattutto nei ristoranti stellati e gourmet della zona. Attualmente in linea ne abbiamo 6, create con materie prime locali e italiane”, dai luppoli coltivati a Cervo ai malti 100% italiani. Le birre coprono diversi stili: Pale Ale, IPA, Strong Ale, Golden Ale, Imperial Stout, prodotte tutte l’anno più le birre stagionali e quelle speciali.

Birrificio Nadir-3

Tra le birre più rappresentative c’è la Montefollia, creata grazie alla collaborazione con Olio ROI, il frantoio di Paolo Boeri: “Si tratta di una birra particolare con malto chiaro, poco luppolo e un lievito che arriva dalla tradizione belga che aggiunge note fruttate e speziate. Poi inseriamo le foglie dell’ulivo che, bollite all’interno del mosto, rilasciano una sfumatura dolce amara”, continua Boeri. Poi quella con sale marino della Riviera di Ponente, una blanche delicata e sapida; l’imperial stout con miele locale della Valle Argentina, quella con lavanda o con i mandarini della città dei fiori. E nel futuro Birrificio Nadir punta ad ampliare i propri stabilimenti e quindi le proprie ricette: “Attendiamo un bando comunale per spostare i nostri impianti di produzione e creare così nuove ricette. Obiettivo è anche la distribuzione all’estero: dopo Francia, Germania e Finlandia puntiamo agli Stati Uniti”.

CiboToday è anche su Whatsapp, è sufficiente cliccare qui per iscriversi al canale ed essere sempre aggiornati

In Evidenza

Potrebbe interessarti

CiboToday è in caricamento